Cerca

Venerdì 24 Novembre 2017 | 12:14

Decisione del gup

Gestione piscina di Ruvo
in 2 a giudizio: gara truccata

Gestione piscina di Ruvoin 2 a giudizio: gara truccata

La gara d'appalto per la gestione della piscina comunale di Ruvo di Puglia potrebbe essere stata truccata. Stamattina il gup del Tribunale di Trani, Rossella Volpe, ha rinviato a giudizio Fabio Frandi, amministratore di Fiorentina Nuoto, e il leccese Angelo Gargasole, direttore tecnico e rappresentante legale della Adriatika Nuoto, società che attualmente gestisce l'impianto pubblico di Ruvo: per entrambi l'accusa è di turbativa d'asta. 

Secondo l'indagine coordinata dal pm Luigi Scimè e condotta dal Nucleo di Polizia Tributaria della Finanza di Bari, sulla base della denuncia di un imprenditore concorrente (che si è costituito parte civile con l'avvocato Cristian Di Giusto di Bari), Fiorentina Nuoto e Adriatika avrebbero partecipato alla gara d'appalto in Ati (Associazione temporanea di imprese) basandosi sui requisiti della prima, che vantava tra l'altro il titolo di campione d'Italia di pallanuoto maschile oltre che tecnici nel giro delle nazionali. Tuttavia poi il contratto di gestione della piscina sarebbe stato sottoscritto solo dalla Adriatika che invece, in quanto società all'epoca neocostituita, non possedeva nemmeno i requisiti per partecipare all'appalto. 

Le indagini della Finanza hanno poi accertato che Adriatika almeno fino a fine 2015 non ha versato al Comune di Ruvo i canoni dovuti per l'utilizzo dell'impianto, chiedendo la compensazione con lavori straordinari e urgenti effettuati nella struttura. Secondo l'accusa l'associazione temporanea vincitrice sarebbe stata solo un "mezzo fraudolento" per far vincere l'appalto all'Adriatika. 

Il processo comincerà il 14 febbraio davanti al Tribunale di Trani in composizione monocratica. Il Comune di Ruvo d Puglia, che si è costituito parte civile con l'avvocato Vincenzo Bovio di Corato, sta valutando la possibile nullità del contratto stipulato nel 2011 con Adriatika. 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

Altri articoli dalla sezione