Cerca

Feriti i due titolari

Assalto a colpi di bottiglia
preso rapinatore ad Andria

Assalto a colpi di bottigliapreso rapinatore ad Andria

ANDRIA - È durata poche ore la fuga del rapinatore che lo scorso sabato sera aveva assaltato un minimarket in via Giulio Cesare ad Andria. In manette è finito il 31enne andriese, Antonio Di Fonzo, già noto alle forze dell’ordine per alcuni reati contro il patrimonio. Tempestivo e più che mai concreto l’intervento degli agenti del commissariato di Andria, coordinati dal dirigente Giampaolo Patruno e dal vice questore aggiunto Fabrizio Gargiulo.

Erano circa le 20.30, quando il giovane a volto scoperto è entrato nel minimarket, ubicato in una zona periferica della città, nelle vicinanze del quartiere di San Valentino. Il 31enne si è mostrato interessato all’acquisto di un liquore. Ha attirato l’attenzione del proprietario, ma appena quest’ultimo si è girato, Di Fonzo gli ha spaccato la bottiglia in testa.

Tramortito e sanguinante dal capo, il proprietario non ha avuto la forza di reagire al rapinatore. Dal retro del negozio è giunta la moglie del titolare, che ha cercato di fermare il malvivente ma anche lei è stata ferita e allontanata con la forza. In pochi minuti, Di Fonzo ha scassinato il registratore di cassa, portando via l’incasso della giornata, per poi fuggire.

Sul posto è intervenuta la polizia con due ambulanze del 118 per soccorrere i coniugi feriti. L’uomo ha riportato la peggio ed è ricoverato all’ospedale di Andria con 30 giorni di prognosi, mentre la moglie ne avrà per 10 giorni.
Immediata la caccia all’uomo, subito identificato grazie alle immagini delle telecamere interne al negozio. Gli agenti sono piombati nell’abitazione di Di Fonzo, ma il 31enne è riuscito a fuggire. Le ricerche sono proseguite per tutta la notte, fino a quando il ragazzo è stato bloccato nelle zone centrali della città.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400