Mercoledì 15 Agosto 2018 | 12:39

Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno

per il 21 settembre 1943

Mattarella consegna
la medaglia d'oro a Matera

Mattarella e la medaglia d'oro a Matera

MATERA - È stato riconosciuto in maniera completa il sacrificio di una città che immolò i suoi uomini per la lotta contro l’oppressore. Nella cerimonia che si è svolta ieri nella sala "Sebastiano Ricci" al Quirinale, il Presidente della Repubblica, Sergio Mattarella, ha insignito Matera della medaglia d'oro al valore civile per i fatti del 21 settembre 1943, quando la città si ribellò al nazifascismo. Nel suo intervento, il sindaco Raffaello de Ruggieri, ha ufficialmente invitato il Capo dello Stato a fare visita alla città: «Le porto il saluto e la stima degli uomini e delle donne di Matera, di una città senza tempo illuminata da un sole ferocemente antico dove è passato il mondo. Nella perennità della vicenda umana della nostra città, nel 1943 è passata anche la guerra, con un episodio di libertà e di rivolta civica contro la presenza del dominio arrogante dei nazisti che dopo l'8 settembre avevano occupato militarmente la città. Nel pomeriggio del 21 settembre questi comportamenti non furono più tollerati e l'impeto popolare costrinse la retroguardia dell'esercito nazista, formato da un battaglione di paracadutisti guastatori, a lasciare la città. Ma il teatro di quelle ore materane si tinse del sangue di 24 cittadini uccisi in battaglia o trucidati dalla ferocia degli occupatori. Matera fu la prima città italiana a guadagnare la libertà contro i nazisti anche con il sacrificio dei suoi abitanti. Oggi quel sacrificio viene riconosciuto e gratificato con la medaglia d'oro al merito civile quale ufficiale legittimazione della Repubblica Italiana. Esprimo quindi a Lei e, tramite la Sua persona, al Governo e all'intera Nazione, il riconoscente apprezzamento della mia comunità per tale prestigioso conferimento. Il riconoscimento arricchisce il lungo e caparbio cammino che Matera ha intrapreso dopo quel tragico giorno. Tra memoria e nuova costruzione di storia, la città ha dismesso l'abito di un pesante disagio sociale recuperando la confidenza con la propria identità territoriale e convertendo la vergogna in orgoglio di appartenenza e raggiungendo la responsabilità dell'autostima. Questa vissuta, corale, partecipazione di popolo ha consentito di salvare e rivitalizzare gli storici rioni dei Sassi, sottraendoli all'abbandono facendo riconoscere il luogo ritenuto infamia, dall'Unesco come Patrimonio mondiale dell'Umanità. Ha portato la destinazione di Matera a capitale europea della cultura nel 2019. Mi chiedo: può una città che nel 2019 rappresenterà la dignità e la qualità della Nazione, essere inaccessibile? Ho letto con sofferta partecipazione il suo invito d'allarme per l'isolamento ferroviario. Grazie signor Presidente per questa Sua attenzione, ma ora offra la Sua autorevole alleanza per favorire la soluzione di tale essenziale, storico, annoso, problema materano. Lo meritiamo».

Nel suo intervento, che ha preceduto l'apposizione della medaglia d'oro, Mattarella ha sottolineato il valore del riconoscimento: «Il 21 settembre – ha detto – è stata una pagina che è giusto ricordare, proiettandola verso il futuro, futuro per cui dovrà essere sorretta. Il riconoscimento di capitale europea della cultura nel 2019, la proietterà in ambito internazionale e il nostro Paese con lei. Al sindaco e alla città va l'apprezzamento per quella pagina di storia e per come la città ha proseguito il suo cammino». A Roma erano presenti, tra gli altri, il presidente della Provincia, Francesco De Giacomo, la rettrice dell’Università della Basilicata, Aurelia Sole, gli ex sindaci Nicola Buccico e Salvatore Adduce, il vice ministro Filippo Bubbico, il senatore Tito Di Maggio, gli onorevoli Maria Antezza e Cosimo Latronico, il prefetto Antonella Bellomo, il presidente della Camera di commercio, Angelo Tortorelli, assessori e consiglieri comunali, il presidente del Consiglio regionale, Franco Mollica, l’ex deputato Vincenzo Viti, il capo di gabinetto del Comune, Maria Rita Iaculli, una delegazione della Polizia municipale.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

ALTRI ARTICOLI DALLA SEZIONE

La politica puglia ha mal di social: pochi post per Pd e Fi, boom del video di Salvini

La politica pugliese ha mal di social: pochi post per Pd e Fi, boom del video di Salvini

 
Bari, partono per la Greciai primi truffati del jet rumeno

Bari, partono per la Grecia
i primi truffati del jet rumeno

 
Onorevole, dove vai a Ferragosto?I nostri parlamentari in vacanza

Onorevole, dove vai a Ferragosto? I nostri parlamentari in vacanza

 
Calendari B, Foggia di notteE il Lecce va a Benevento

Calendari B, Foggia di notte
E il Lecce va a Benevento

 
Foggia da lavori in corsoNeamber al rush finale

Foggia da lavori in corso
Neamber al rush finale

 
Lecce cerca i tasselli giustiBovo certezza per la difesa

Lecce cerca i tasselli giusti
Bovo certezza per la difesa

 
Giancaspro, si torna in aulaQuel crac pieno di manovre

Giancaspro, si torna in aula
Quel crac pieno di manovre

 
Fasano, ucciso da auto pirataI Carabinieri: chi sa, parli

Fasano, ucciso da auto pirata
I Carabinieri: chi sa, parli

 

GDM.TV

Bari, «scompare» l'aereo rumeno: a rischio le vacanze in Grecia

Bari, sparisce il jet rumeno: addio alle ferie in Grecia

 
Ponte crollato a Genova, le immagini dall'alto

Ponte crollato a Genova, le immagini dall'alto

 
«Oh mio Dio», il terrore in diretta

«Oh Dio, oh Dio!», il terrore in diretta

 
Genova, apocalisse sull'autostrada: crolla un ponte, giù oltre 100 metri. Auto e persone sotto le macerie

Genova, apocalisse sull'autostrada: crolla un ponte, 35 morti e 15 feriti. Quattro estratti vivi
«Oh Dio, oh Dio!»: terrore in diretta | Vd: dall'alto

 
Commemorazione fratelli Luciani, il video

Mafia, a un anno dalla tragedia la cerimonia a San Marco in Lamis

 
Brindisi, l'aereo-forno di RyanairMalori a bordo. «Bloccati sulla pista»

Brindisi, l'aereo-forno di Ryanair
Malori a bordo. «Bloccati sulla pista»

 
Prof. Gesualdo: «Primo trapianto al mondo a partire da donatore cadavere»

Trapianto di rene a catena a Bari. Gesualdo: «Ecco il primo caso al mondo»

 
La masseria che faceva affari con 2mila piante droga a Lecce

La masseria che faceva affari con 2mila piante droga a Lecce

 

PHOTONEWS