Cerca

esposti e veleni

Pg di Cassazione al Csm
«Trasferite il pm di Trani Savasta»

magistrati Csm

ROMA - Il pg della Cassazione Pasquale Ciccolo ha chiesto alla Sezione disciplinare del Csm di trasferire in via cautelare il pm di Trani Antonio Savasta. Si tratta di uno dei due magistrati della procura di Trani (l'altro è il sostituto Luigi Scimè) su cui la Prima Commissione del Csm ha già aperto la procedura di trasferimento d’ufficio per incompatibilità ambientale e funzionale.
In una serie di esposti giunti al Csm i due magistrati vengono vengono accusati di far parte di una «rete di conoscenze» (con avvocati, appartenenti alle forze dell’ordine, amministratori locali e imprenditori) che influenzerebbe le indagini. In particolare Savasta è indicato come componente di questa rete, anche per i suoi legami familiari: il fratello avvocato civilista (un cui «socio occulto» avrebbe ottenuto incarichi rilevanti in municipalizzate), un cugino commercialista e ed un altro avvocato, che esercitano nel territorio della procura di Trani. Nelle denunce si segnalano anche le «indagini eclatanti» che il pm avrebbe portato avanti, nei confronti di banche e agenzie di rating, finite «sempre con un’archiviazione». E si richiamano vicende giudiziarie che lo hanno riguardato e procedimenti tuttora pendenti per fatti avvenuti a Trani.Vicende che - a quanto si è appreso - sarebbero alla base anche della richiesta del Pg, che sarà discussa il 22 novembre prossimo, a porte chiuse, dalla Sezione disciplinare del Csm.
Proprio in vista di questa decisione, la Prima Commissione ha fatto slittare a data da destinarsi le audizioni che erano state convocate per ieri di Savasta e Scimè. 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400