Cerca

Brindisi

Corruzione e peculato
a processo 4 forestali
e 2 imprenditori

Corruzione e peculato a processo 4 forestali e 2 imprenditori

BRINDISI - Il gup del Tribunale di Brindisi, Maurizio Saso, ha disposto il rinvio a giudizio di quattro appartenenti al Corpo forestale dello Stato e di due imprenditori al termine dell’udienza preliminare relativa a presunti reati, contestati a vario titolo, di corruzione, peculato, abuso d’ufficio, violazioni ambientali, rivelazione del segreto d’ufficio, falso ideologico, e truffa aggravata ai danni dello Stato. Un altro forestale e altri due imprenditori hanno scelto di essere processati con riti alternativi: abbreviato e patteggiamento.

Secondo quanto emerso dalle indagini dei carabinieri di Brindisi, ci sarebbe stata una disponibilità a consentire ad alcuni imprenditori di sversare e incendiare rifiuti in cambio di danaro, mozzarelle, prosciutti e regalie varie, per lo meno da parte di un forestale, Gianfranco Asciano, di Carovigno (Brindisi). Agli altri sono contestate ipotesi di assenteismo dal posto di lavoro, indebito utilizzo dei telefonini di servizio e l’appropriazione di 400 cartucce da offrire gratis a un amico cacciatore. Le indagini sono state svolte dai carabinieri, su delega del pm Milto De Nozza.

Asciano e l’imprenditore Vittorio Greco hanno scelto il rito abbreviato. Sono stati rinviati a giudizio i fratelli Giovanni e Massimo Rosselli, di Ostuni (Brindisi), e i colleghi Domenico Galati e Giovanni Bray, di Surano e Martignano (Lecce), oltre agli imprenditori Ivan e Antonio Greco, di Brindisi. Ha scelto di patteggiare il titolare di un impresa, Giuseppe Caputo.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400