Mercoledì 15 Agosto 2018 | 01:26

Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno

Sequestrati 6 quintali

Coltivazione di marijuana
sette arresti nel Foggiano

Sei sono bulgari, un albanese: scovati dai Carabinieri in un casolare di San Nicandro Garganico

Coltivazione di marijuanasette arresti nel Foggiano

Sette cittadini stranieri (6 bulgari e un albanese) sono stati arrestati a San Nicandro Garganigo dai Carabinieri della Compagnia di San Severo per traffico di sostanze stupefacenti. In un casolare, ormai abbandonato da anni, era stato allestito un vero e proprio laboratorio per il confezionamento della marijuana.

Le indagini, condotte per diversi giorni con incessanti servizi di pedinamento e osservazione, consentivano ai Carabinieri di individuare un gruppo di cittadini stranieri dimoranti nel territorio di Lesina che ogni giorno si riunivano in orario mattutino attendendo l’arrivo di un furgone bianco, sul quale salivano per recarsi in San Nicandro, per fare poi ritorno solo in tarda serata. Tale circostanza insospettiva i militari, che decidevano di effettuare diversi appostamenti per capire l’esatta destinazione del furgone.

I militari, giunti sull’area attraverso strade secondarie e tratturi, dapprima circondavano completamente la zona e successivamente irrompevano all’interno della masseria, dove sorprendevano i 7 cittadini stranieri, di cui 6 di nazionalità Bulgara ed 1 di nazionalità Albanese, intenti a preparare e confezionare la marijuana. Nel corso della perquisizione venivano rinvenuti circa 600 arbusti di Cannabis Sativa, 20 kg circa di marijuana già essiccata e pronta per il confezionamento, nonché un fucile da caccia risultato provento di furto. I 7 individui tentavano di fuggire ma venivano tutti intercettati e bloccati dai militari posti a cinturazione dello stabile. Dalle analisi di laboratorio effettuate, veniva stabilito che, secondo le tabelle ministeriali, dai circa 600 kg complessivi di droga sequestrata si sarebbero potute ricavare circa 430.000 dosi, che avrebbero potuto saturare il mercato di tutta la provincia.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

ALTRI ARTICOLI DALLA SEZIONE

ponte crollato genova

«Ero a 100 metri dal ponte che si sbriciolava, io sono un miracolato»

 
ponte Morandi

Il ponte prima e dopo il crollo
Reazioni e cordoglio sui social

 
Bar, allarme alga tossica: Ferragosto da bollino rosso da Santo Spirito a San Giorgio

Bari, allarme alga tossica: Ferragosto da bollino rosso da Santo Spirito a San Giorgio

 
Palagiustizia di Bari: Bonafede revoca l'ok alla sede di Via Oberdan

Palagiustizia Bari: Bonafede revoca sede di Via Oberdan. I penalisti: meglio tardi che mai

 
Crollo ponte a Genova: Conte rinvia la visita a Volturara

Crollo ponte a Genova: Conte rinvia la visita a Volturara

 
Il Bari sempre più vicino alla Dadesso è corsa contro il tempo

Il Bari sempre più vicino alla D
adesso è corsa contro il tempo

 
Il Sud e il futuro del centrodestra:i temi roventi di Everest 2018

Il Sud e il futuro del centrodestra: i temi roventi di Everest 2018

 
Romano: «Gruppo Leu in Regione?Per ora è un'ipotesi letteraria»

Romano: «Gruppo Leu in Regione? Per ora è un'ipotesi letteraria»

 

GDM.TV

Bari, «scompare» l'aereo rumeno: a rischio le vacanze in Grecia

Bari, sparisce il jet rumeno: addio alle ferie in Grecia

 
Ponte crollato a Genova, le immagini dall'alto

Ponte crollato a Genova, le immagini dall'alto

 
«Oh mio Dio», il terrore in diretta

«Oh mio Dio», il terrore in diretta dei testimoni

 
Genova, apocalisse sull'autostrada: crolla un ponte, giù oltre 100 metri. Auto e persone sotto le macerie

Genova, apocalisse sull'autostrada: crolla un ponte, 35 morti e 16 feriti. Quattro estratti vivi
«Oh, mio Dio!»: terrore in diretta | Video dall'alto

 
Commemorazione fratelli Luciani, il video

Mafia, a un anno dalla tragedia la cerimonia a San Marco in Lamis

 
Brindisi, l'aereo-forno di RyanairMalori a bordo. «Bloccati sulla pista»

Brindisi, l'aereo-forno di Ryanair
Malori a bordo. «Bloccati sulla pista»

 
Prof. Gesualdo: «Primo trapianto al mondo a partire da donatore cadavere»

Trapianto di rene a catena a Bari. Gesualdo: «Ecco il primo caso al mondo»

 
La masseria che faceva affari con 2mila piante droga a Lecce

La masseria che faceva affari con 2mila piante droga a Lecce

 

PHOTONEWS