Cerca

per la ristrutturazione

Crollo scuola Ostuni
Appalto irregolare
sette indagati

Crollo scuola Ostuni Appalto irregolare sette indagati

BRINDISI - Ci sarebbero state delle irregolarità nell’assegnazione dell’appalto dei lavori di ristrutturazione della scuola elementare e materna Pessina, di Ostuni (Brindisi) dove successivamente, il 13 aprile 2015, si verificò il distacco di un pezzo di intonaco dal soffitto, episodio in cui rimasero feriti due bambini e una maestra. E' quanto ipotizzato in un’inchiesta condotta dalla guardia di finanza che oggi ha notificato sette informazioni di garanzia a quattro imprenditori, due tecnici e un dirigente comunale di Ostuni, indagati in concorso per abuso d’ufficio e turbata libertà del procedimento di scelta del contraente per aver frazionato artificiosamente gli incarichi professionali e di esecuzione di lavori. Le ditte sono di Ostuni, Oria, Ceglie e Grottaglie.

Secondo l’accusa, tra gli interventi di ristrutturazione del plesso, per un importo complessivo di 1,8 milioni di euro, una parte (per 660.000 euro) sarebbero stati realizzati con affidamenti diretti senza gara ad evidenza pubblica. Ciò avrebbe provocato, per l’accusa, un ingiusto vantaggio ai destinatari degli incarichi ed un conseguente danno al Comune di Ostuni. La guardia di finanza di Ostuni ha anche fatto una segnalazione all’Autorità nazionale anticorruzione che ha condiviso le risultanze dell’indagine.

L’altra inchiesta riguardante il crollo e le lesioni che ne sono derivate, è già giunta a processo: a luglio scorso sono stati rinviati a giudizio in due, il dirigente dell’ufficio tecnico di Ostuni e il direttore dei lavori. Ha patteggiato la pena ad un anno il titolare della ditta incaricata di eseguire gli intonaci. Nel processo si sono costituiti parte civile il Comune di Ostuni, i famigliari dei due bambini feriti e la maestra che riportò lesioni.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400