Cerca

barocco in pericolo

iniziativa della diocesi

barocco in pericolo

LECCE - I parlamentari salentini si schierano al fianco dell’arcivescovo Domenico D’Ambrosio per la salvaguardia delle chiese di Lecce minacciate dal degrado.

Nei giorni scorsi, il metropolita ha inviato una lettera al ministro per i Beni culturali, Dario Franceschini, lanciando un «sos» per la condizione di alcune delle più belle testimonianze barocche, che avrebbero necessità di interventi di tutela. La basilica di Santa Croce, la cattedrale, le chiese del Rosario e delle Alcantarine fino alla chiesa del «Buon consiglio», dalla cui facciata si sono staccati recentemente dei frammenti che hanno reso necessaria l’installazione di una copertura sull’ingresso per evitare pericoli a fedeli e visitatori. Insomma, una situazione di precarietà per la quale monsignor D’Ambrosio chiede l’attenzione del ministro, invitandolo a venire a Lecce. Un appello raccolto ora dai parlamentari, pronti a sostenere le istanze dell’arcivescovo.

«Pieno e incondizionato appoggio all'appello che il Vescovo di Lecce, monsignor D'Ambrosio, rivolge al Governo scrivendo al ministro Franceschini, affinchè venga sostenuto il restauro del patrimonio culturale religioso salentino», fa sapere l’onorevole Rocco Palese, vicepresidente della Commissione bilancio della Camera (Conservatori e riformisti). «Ma noi - aggiunge - rivolgiamo un secondo appello, alla Regione Puglia, affinchè nel suo piano dei beni culturali preveda stanziamenti appropriati, per farsi carico della conservazione e del restauro di un complesso monumentale che attira milioni di turisti e che il mondo ci invidia. Ci adopereremo in Parlamento - continua - per fare in modo che il Governo faccia la sua parte, come giustamente chiesto dal Vescovo e come è necessario che sia, ma nel frattempo la Regione che continua ad assumersi meriti dei numeri favorevoli del turismo salentino e pugliese, non può certamente lavarsene le mani. Occorre che faccia la sua parte - conclude - affinchè nel piano dei Beni culturali, una quota cospicua venga destinata al restauro e al recupero dei beni culturali religiosi».

Pieno sostegno anche dal centrosinistra. «Mi associo all’appello dell’rcivescovo D’Ambrosio sulla necessaria salvaguardia e cura delle Chiese dell’Arcidiocesi perché ne condivido pienamente la sostanza», dichiara l’onorevole Salvatore Capone, del Partito Democratico. «Vi sono nel territorio - rileva - singolarità architettoniche e d’arte che meritano di essere opportunamente tutelate. Se, come è evidente, Lecce e il Salento costituiscono meta di viaggiatori alla ricerca di esperienze culturali di alto livello, questo si deve anche e soprattutto a questo enorme giacimento di bellezza e valore, come alla cura dedicata al patrimonio architettonico, urbanistico e d’arte negli anni passati. E’ evidente - prosegue Capone - che per la sua stessa vicenda storica tale patrimonio coincida in larga parte con Chiese ed edifici religiosi. Questo naturalmente rende gli interventi di manutenzione e restauro ancor più delicati e, purtroppo, costosi. Tuttavia ritengo - e in questa direzione mi adopererò - che non sia possibile rinunciare alla tutela di un patrimonio collettivo di tale portata. Non è in discussione soltanto il valore di attrazione turistica di tale patrimonio ma, fatto più sostanziale, il valore identitario e di culto di questo insieme di edifici e di quanto contengono».

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400