Cerca

Due arresti nel Tarantino

Nigeriano picchiato
e rapinato da connazionali

I militari sono riusciti a bloccare i due mentre tentavano di dirigersi verso una struttura ricettiva a Castellaneta dove avevano dimora

carabinieri

Hanno picchiato e rapinato una connazionale, ma sono stati rintracciati e arrestati dai carabinieri di Castellaneta. Si tratta di due giovani nigeriani, Bonny Akpasubi, di 25 anni, e Amos Oyemen, di 29, muniti di permesso di soggiorno per richiedenti asilo. Alla centrale operativa era giunta una chiamata da parte di un automobilista in transito sulla complanare adiacente alla strada statale 106 jonica, con cui si segnalava la presenza di due individui intenti a malmenare un donna.
I militari sono riusciti a bloccare i due mentre tentavano di dirigersi verso una struttura ricettiva della zona dove avevano dimora. La donna che aveva subito l’aggressione, una nigeriana di 18 anni, presentava una ferita al setto nasale e al ginocchio. La giovane, dopo aver ricevuto le prime cure, ha raccontato ai carabinieri di essere stata aggredita con schiaffi e pugni dai suoi connazionali che le avevano anche sottratto la borsa contenente 75 euro in contanti, un telefono cellulare ed effetti personali. La ragazza ha riferito inoltre che i due, conosciuti alcuni giorni prima, le avevano chiesto di trascorrere qualche ora insieme, intimandole successivamente di non allontanarsi dalla zona senza il loro permesso. La vittima, impaurita e temendo per la propria incolumità, aveva approfittato di una distrazione dei due uomini per allontanarsi. Tuttavia, rincorsa e raggiunta, era stata percossa con schiaffi e pugni al volto e privata della borsa. Solo il sopraggiungere di alcuni automobilisti in transito aveva messo in fuga i due aggressori, arrestati per rapina aggravata.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400