Cerca

Basket

L'Enel cerca l'assetto
Caserta non fa sconti

Trofeo Pentassuglia ai campani dopo un lungo testa a testa: 86-90

L'Enel cerca l'assetto  Caserta non fa sconti

di Franco De Simone

Brindisi - Undici giorni alla «prima» della quinta stagione agonistica della nuova Enel, questa targata Sacchetti, nella massima serie. Il 2 ottobre è ormai alle porte. Il tempo delle prove quindi sta per finire. Dopo il Memorial di ieri sera, contro la Juve Caserta, per ricordare «Big Elio» Pentassuglia, sabato a Trani, l’ultima amichevole; ancora contro i giocatori di Sandro Dell’Agnello. Poi, una settimana per provare e riprovare, in attesa di debuttare, per primi, visto che la gara contro l’Aquila Trento si gioca a mezzogiorno, in diretta Sky.

La «nuova» Enel. Questa volta, a differenza degli anni passati, sembra che tutto fili e che, pur sempre con le dovute riserve, si vada d’accordo. Tanto perché, nel seguire il lavoro dello staff tecnico, è sembrato facile per coach Meo Sacchetti e il giemme Alessandro Giuliani, mettere in fila, una dopo l’altro, undici giocatori; sui quali, caso strano da queste parti, le considerazioni di (cauto) ottimismo si sono sprecate.

All’Enel di Sacchetti si potranno, ad ogni modo, per ora fare solo gli auguri, nell’attesa di capire cosa, quanto e dove potrà arrivare il nuovo roster. Che, fra l’altro, non ha quasi mai lavorato all’unisono, a causa di infortuni e acciacchi vari, normali in questo periodo dell’anno. Solo la prossima settimana Sacchetti potrà avere a disposizione anche Kris Joseph fermo da venti giorni per una brutta distorsione.

C’è da aggiungere un dato che tutti hanno giudicato importante: Brindisi ha quattro giocatori italiani che, di certo, usciranno dalla panchina, ma sui quali Sacchetti potrà contare ad occhi chiusi, visto il loro talento: le ali Marco Cardillo, Daniel Donzelli e Giorgio Sgobba e il play Marco Spanghero. Quattro italiani sui quali si puntano non poche speranze.

Poi, gli stranieri. Sacchetti e Giuliani hanno puntato forte sul tavolo verde del rettangolo di gioco gettandovi tre rookie: il play Nic Moore, la combo-guard A.J, English, il pivot Robert Carter. Poi, il confermatissimo Durand Scott, guardia-ala, le ali Kris Joseph, Danny Agbelese, oltre al francese di Bordeaux Amath M’Baye. Con Carter, il transalpino, Agbelese e Kris Joseph, Sacchetti ha messo sotto le plance atletismo, fisicità e centimetri.

Ieri sera qualcosa s’è vista nel Trofeo Pentassuglia, vinto alla fine dalla Juve Caserta 86-90 al termine di una gara divertente, con Scott miglior realizzatore della serata con 21 punti e MVP della gara. Cinque uomini a testa in doppia cifra, difese poco serrate, continuo testa a testa rotto da un parziale brindisino di 10-0 poi ricucito nel finale dai campani.

Una serata divertente nel segno del grande coach scomparso. Per l’Enel c’è ancora da lavorare duro.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400