Cerca

Rifiuti

Legambiente: a Taranto
differenziata una vergogna

Legambiente: a Taranto differenziata una vergogna

TARANTO - «I numeri a volte sono impietosi, ma quelli che fotografano i risultati della raccolta differenziata dei rifiuti a Taranto sono una vergogna che lascia attoniti e che dovrebbe spingere molti, amministratori in primis, ad un accorato mea culpa». Lo sottolinea il Circolo Legambiente di Taranto precisando che nel capoluogo ionico «la raccolta differenziata a metà 2016 è ferma al 16%» e «in cinque anni, pur partendo da livelli bassissimi, è stata incrementata di soli 8 punti percentuali. Un risultato risibile: una lumaca sarebbe arrivata più lontano».

Nel 2012 la differenziata a Taranto si attestava sull'8%, per passare all’11,4% del 2013, al 12,6% del 2014 e al 15,3% lo scorso anno. I dati «sono sconfortanti - spiega l’associazione ambientalista - se paragonati alle altre grandi realtà urbane della Puglia, che pure è una regione che certo non brilla nella raccolta differenziata. Lecce è al 38%, Bari al 36, Brindisi al 26, Barletta al 70, Andria al 66, Trani al 19. Persino il quasi 16% di Foggia a metà del 2016 riflette un andamento negli ultimi mesi di gran lunga migliore di quello di Taranto». Il dato generale della Puglia «si attesta per ora - conclude Legambiente al 34,7%: più del doppio rispetto a Taranto. E' evidente insomma che si è preferito finora, e si preferisce ancora, mantenere lo statu quo, con un modello di raccolta dei rifiuti obsoleto ed inefficiente, con costi ambientali elevati, piuttosto che mettere mano ad un progetto serio».

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400