Martedì 14 Agosto 2018 | 10:30

Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno

L'appuntamento

Fiera del Levante, al via
l'80 esima edizione
Renzi inaugura anche il ponte

La 80esima Fiera del LevanteRenzi inaugura il ponte sospeso

Intensa giornata oggi a Bari del presidente del Consiglio Matteo Renzi che in mattinata ha prima inaugurato il Ponte Asse Nord-Sud, poi la 80esima Fiera del Levante. L'apertura al pubblico del quartire fieristico è stata posticipata alle 14. Al termine della cerimonia inaugurale della Campionaria, il premier ha poi sottoscritto il Patto per la Puglia con il presidente della Regione, Michele Emiliano. L'intesa con il governo assegna al 'taccò d’Italia 2 miliardi e 71 milioni di euro cui si aggiungono 1,3 miliardi sbloccati ad agosto dal Cipe. L'anno scorso, il presidente del Consiglio non partecipò perché decise all’ultimo minuto di volare a New York per assistere alla finale degli Us Open di tennis tra le pugliesi Vinci e Pennetta.

IL DISCORSO DI RENZI -  «Noi abbiamo bisogno di dire e di ridire che la forza e la grandezza dell’Italia è quella di un Paese che di fronte alle difficoltà tira fuori il meglio e non rinuncia a vive a testa alta, non rinuncia ai propri ideali». Lo afferma il premier Matteo Renzi all’inaugurazione della Fiera del Levante ricordando le tragedie dello scontro tra i treni di Andria e del sisma in Italia centrale: «è stata un 'estate difficile».

RENZI SUL SUD - «Non credo a un Sud deindustrializzato, il Sud non può essere solo il posto dove si viene a fare una bella vacanza. Sarebbe un tragico errore». Lo afferma il premier Matteo Renzi all’inaugurazione della Fiera del Levante.

RENZI: BARI LUOGO DEL DIALOGO - Nel giorno dell’accordo tra Usa e Siria serve sottolineare il ruolo dell’Italia e di Bari «come luogo del dialogo e dell’incontro. Vorrei che rilanciassimo una politica capace di avere uno sguardo alto, anziché farci piccole guerricciole». Lo afferma il premier Matteo Renzi all’inaugurazione della Fiera del Levante.

CENTO MILIONI AI VIGILI DEL FUOCO -  «Ieri ho dato incarico di liberare i primi 100 milioni dal fondo della Presidenza per darli al dipartimento dei Vigili del Fuoco per portare all’avanguardia i mezzi con cui lavorano». Lo afferma il premier Matteo Renzi all’inaugurazione della Fiera del Levante ringraziando per la loro «professionalità», a nome del governo tutte le forze, anche volontarie, che hanno permesso i soccorsi sia in occasione dello scontro ferroviario ad Andria sia in occasione del sisma in Italia centrale.

RENZI: PIL RIPARTE PIANO - «Non solo il Pil del Sud riparte troppo piano, ma quello del Paese». Lo afferma il premier Matteo Renzi all’inaugurazione della Fiera del Levante invitando tuttavia a «prendere i numeri di prima, che sono numeri di
un’ecatombe. Dal 2008 al 2014 Pil del Sud è crollato del 9%, quello del Centro-Nord dell’1.4%. Venivamo da una situazione
devastante».

RENZI LANCIA BONUS ALBERGHI - In legge di stabilità arriva il 'bonus per gli albergatorì. Lo afferma il premier Matteo Renzi alla Fiera del Levante spiegando: «diremo a chi ha un albergo - forse anche un ristorante ma vediamo le coperture - che avrà diritto ad una sorta di super sconto, chiamatelo bonus o come volete. A chi interviene spendendo sull'azienda noi saremo in grado di dare sconto fiscale». La competizione, spiega Renzi, «è globale e noi dobbiamo avere strutture adeguate
nell’accoglienza».

A BORDO DI UNA 500 VERDE RENZI INAUGURA IL PONTE SOSPESO - Il presidente del Consiglio, Matteo Renzi, è arrivato a Bari a bordo di una 500 verde, seguito da altre due identiche vetture, una bianca e una rossa, e sta per partecipare alla cerimonia di apertura al traffico del ponte strallato che collega da Nord a Sud il capoluogo pugliese. «Nel tempo in cui vanno di moda i politici che promettono muri, bello inaugurare il nuovo ponte di Bari». Lo scrive su twitter, con l’hashtag «#pontenonmuri», il premier Matteo Renzi pubblicando una foto dell’inaugurazione, questa mattina a Bari, del Ponte dell’Asse Nord-Sud.

IL SINDACO SUL PONTE - «Ho provato una grande emozione nel vedere una realizzazione di questo tipo. E’ un vanto non solo per questa amministrazione ma per tutte le amministrazioni che che vi hanno lavorato. Quando si lavora in sinergia tutto è più semplice». Così il sindaco di Bari, Antonio Decaro ha commentato la cerimonia di apertura al traffico del ponte strallato che collega da Nord a Sud il capoluogo pugliese alla quale ha partecipato il premier Matteo Renzi. 

L'INTERVENTO DEL SINDACO - «Ti chiedo di restituire ai Comuni la possibilità di applicare l’imposta di soggiorno, che incide in modo trascurabile sulle tasche dei turisti, ma è determinante per rendere più belle e attrattive le nostre città». Lo ha detto il sindaco di Bari, Antonio Decaro, rivolgendosi al premier Matteo Renzi durante la cerimonia inaugurale dell’ottantesima edizione della Fiera del Levante. «Le parole, presidente, stiamo provando con fatica a trasformarle in fatti, in progetti - ha aggiunto Decaro - che dopo gli annunci partono, vanno avanti e si realizzano» . «Erano appunto solo parole, l’anno scorso da questo stesso palco, quelle - ha continuato - che annunciavano i fondi per il teatro Margherita. Oggi quei lavori partono. Erano parole - ha sottolineato - anche quelle dedicate alla riapertura della caserma Rossani ed oggi i baresi possono finalmente entrarci». "Stiamo restituendo pienamente - ha detto ancora - il senso e la bellezza della politica, risolvendo problemi, dando speranze, costruendo futuro». «Futuro che quanto alla Fiera crediamo diventi più bello e accogliente se porta con se storia e tradizioni. Da quest’anno si prepara a sperimentare - ha spiegato Decaro - un nuovo modello di governance, per garantire gestione moderna e rispetto della tradizione. Approfitto Matteo della tua presenza per fare gli auguri - ha concluso Decaro - a questa signora barese che oggi compie 80 anni. Auguri Fiera del Levante, buon compleanno. Ti ho trovato in gran forma e piena di energia».

DECARO RICORDA VITTIME TERREMOTO - «Questo è il tempo del dolore, immenso, che deve però lasciare spazio, l’ha detto bene lei presidente, al tempo della verità ed a quello della rinascita». Lo ha detto il sindaco di Bari e vicepresidente dell’Anci, Antonio Decaro, ricordando il terremoto Centro Italia e rivolgendosi al premier Matteo Renzi durante la cerimonia inaugurale dell’ottantesima edizione della Fiera del Levante.

DECARO: HO TRATTENUTO LE LACRIME - «Quando alla radio ho sentito il sindaco di Amatrice pronunciare 'la mia città non c'è più' non ho potuto trattenere le lacrime. In quel 'mià lo sapete bene Michele e Matteo che siete stati e restate comunque sindaci, - ha sottolineato Decaro - c'è quella fortissima corrispondenza che si crea tra un sindaco, una città e la comunità dei suoi cittadini. Raccolgo volentieri come sindaco della città metropolitana l’appello del presidente Mattarella, quando da Brescia ha detto che la coesione è decisiva, invitando i sindaci a cercare in ogni paese quel che unisce». «Abbiamo - secondo Decaro - il dovere civile di dimostrare che un terremoto, pur potendo distruggere un luogo fisico, non può distruggere il nostro futuro, se restiamo uniti».

LE VITTIME DELL'INCIDENTE FERROVIARIO - «Lo dobbiamo - ha proseguito - anche ai nostri ragazzi, perché tornino a prendere i treni (dopo incidente ferroviario sulla tratta Corato-Andria, ndr) che li portino all’Università, senza paura» . «Ti chiediamo presidente - ha aggiunto Decaro - di continuare a lavorare perché si possa guardare al futuro con più fiducia, da Andria ad Amatrice, da Corato ad Accumoli». Concludendo il suo discorso Decaro ha poi ricordato Casale Monferrato, spiegando le affinità con Bari a causa dell’amianto e la nascita di un parco nelle due città laddove sorgeva fabbrica di eternit. Spazio anche per la prima unione civile celebrata l’altro giorno a Bari da Decaro, che lo ha «reso orgoglioso di poter contribuire a realizzare il sogno di Adele e Nicoleta». 

IL PREMIER E' ARRIVATO IN FIERA INSIEME A EMILIANO - Il premier Matteo Renzi è arrivato alla Fiera del Levante dove presenzierà all’inaugurazione della kermesse che si tiene annualmente a Bari. Il premier è arrivato in Fiera assieme al presidente della Regione Michele Emiliano e al sindaco di Bari Antonio Decaro dopo aver inaugurato il nuovissimo ponte sospeso nel capoluogo pugliese. Ad accogliere il premier alla Fiera del Levante è stata la commissaria della Fiera Antonella Bisceglia. 

LA BATTUTA DI RENZI - «La notizia è che Emiliano e De Vincenti non hanno litigato». Cosi il premier Matteo Renzi ha scherzato con i giornalisti appena arrivato sul ponte che oggi ha inaugurato a Bari insieme con il sottosegretario alla presidenza del Consiglio, Claudio De Vincenti, il sindaco di Bari, Antonio Decaro, e il presidente della Regione Puglia, Michele Emiliano. Il riferimento di Renzi è agli attriti che ci sono stati tra Regione e governo sulle risorse del Patto per la Puglia che sarà siglato oggi a margine della cerimonia inaugurale della Fiera del Levante.

IL PREMIER INCONTRA PARENTI VITTIME SCONTRO TRENI - Il premier Matteo Renzi, prima dell’inizio della cerimonia di inaugurazione della Fiera del Levante, ha incontrato nel padiglione centrale della kermesse, nel retropalco, una delegazione dei familiari delle vittime dello scontro ferroviario avvenuto il 12 luglio scorso ad Andria. All’incontro con i parenti delle vittime del disastro ferroviario partecipano, oltre al capo del Governo, il sottosegretario alla Presidenza del Consiglio Claudio De Vincenti, il presidente della Regione Puglia Michele Emiliano e il sindaco di Bari Antonio Decaro. All’incontro con i parenti delle vittime del disastro ferroviario partecipano, oltre al capo del Governo, il sottosegretario alla Presidenza del Consiglio Claudio De Vincenti, il presidente della Regione Puglia Michele Emiliano e il sindaco di Bari Antonio Decaro.

IL DISCORSO DEL PRESIDENTE EMILIANO -  «I ladri e gli inefficienti, come è noto, non sono stati favoriti dal regionalismo più che dal centralismo». Lo ha detto il presidente della Regione Puglia, Michele Emiliano parlando all’inaugurazione della 80/a edizione della Fiera del Levante di Bari, alla presenza del premier Renzi. «Peraltro - ha aggiunto - qui in Puglia gli scandali utilizzati altrove per creare dissenso sulle Regioni non si sono mai verificati».

EMILIANO: CE LA METTIAMO TUTTA PER LA GLORIA DELL'ITALIA -  «Ce la mettiamo tutta per la gloria dell’Italia che è il punto di riferimento di ogni nostro pensiero». Lo ha detto il presidente della Regione Puglia, Michele Emiliano, rivolgendosi al premier, Matteo Renzi, oggi nel corso della inaugurazione del ponte sospeso a Bari. Emiliano ha ricordato a Renzi che «un terzo delle forze armate è fatto da pugliesi. A noi piace ubbidire con coscienza, mantenendo ovviamente la nostra libertà e la nostra dignità», ha precisato Emiliano.

EMILIANO: I PUGLIESI PERSONE STRAORDINARIE - Il governatore pugliese ha sottolineato di essere «circondato da queste persone straordinarie che sono i pugliesi i quali anche dentro le burocrazie, signor presidente, si comportano da pugliesi. E credo che la gran parte delle cose belle che lei sente dire di noi derivino dal gioco di squadra». «Checco Zalone - ha aggiunto - è riuscito con una frase incredibile forse a descriverci, 'siamo una squadra fortissimì, indipendentemente dai nomi, cognomi, dalle idee e dalle discussioni a volte accese che continuiamo a fare».

EMILIANO: SIAMO ORGOGLIOSI - «E siamo orgogliosissimi - ha sottolineato - di essere pugliesi perché riusciamo a fare cose che altri in questo momento non riescono a fare. Un pò in tutti i settori». Scherzando sulla sua stazza imponente, Emiliano ha detto che "il collaudo sono io, e saltare sul ponte e vederlo sul serio mi ha dato la giustificazione del motivo per cui nella mia vita a 46 anni ho cambiato tutto: ero già vecchietto - ha scherzato - almeno per le categorie del presidente» del Consiglio. "Fare politica e amministrare le città facendole diventare più belle - ha rilevato - ne vale la pena. La politica è una cosa che cambia la tua vita e ti fa diventare più felice». "Marco - ha detto infine Emiliano salutando il segretario del Pd Puglia, Lacarra - ha la fortuna di fare il segretario del Pd, che in questo momento è davvero un colpo di fortuna: ti invidiamo», ha concluso con un pò di ironia.

EMILIANO: IGNORATE DISPARITA' REGIONI - «Se la riforma costituzionale avesse sancito la effettiva parificazione tra le Regioni del Sud e le Regioni del Nord, almeno per il diritto alla salute, imponendo il principio che a parità di obiettivi devono corrispondere parità di personale e di risorse, non credo che ci sarebbero dubbi sull’esito» del referendum. Lo ha detto il presidente della Regione Puglia, Michele Emiliano parlando alla cerimonia di inaugurazione della Fiera del Levante di Bari. «Ma purtroppo - ha aggiunto - non è così. Le diseguaglianze di sempre sono ignorate dalla riforma».

EMILIANO RINGRAZIA MATTARELLA - «Grazie per non averci fatto mancare la sua presenza e quella del Governo in quelle terribili giornate anche per ribadire il nostro comune intento di conoscere la verità senza fare sconti a nessuno, come detto più volte dai parenti delle vittime al Presidente della Repubblica Mattarella che pure ringrazio per essere venuto in qui da noi addirittura per due volte in pochi giorni». Lo ha detto il presidente della Regione Puglia, Michele Emiliano, parlando alla cerimonia di inaugurazione della Fiera del Levante di Bari e facendo riferimento al disastro ferroviario del 12 luglio scorso che ha provocato 23 morti in Puglia. «L'ho visto parlare con la mia gente - ha detto riferendosi a Mattarella - ho visto parlare a lungo e con dovizia di parole, con ciascuno di coloro che aveva bisogno di lui». «Dopo Sandro Pertini, con uno stile diverso - ha concluso - ho nuovamente sentito il 'Presidente degli italianì che aveva la capacità di ascoltare e interpretare la fede e la ragione del Popolo pugliese».

EMILIANO SUL TURISMO: «Sebbene la riforma costituzionale tolga alle regioni la competenza in materia di turismo, con non poca preoccupazione da parte degli operatori del settore, possiamo dire con un certo orgoglio di aver lavorato alla grande in questi anni, smentendo dati alla mano i soliti luoghi comuni». Emiliano ha elencato i successi del settore in Puglia dove, ha detto, «si può davvero lavorare per far crescere l’economia e creare posti di lavoro in Puglia. E bisogna assolutamente combattere i fenomeni distorti della economia sommersa che non genera altro che lavoro nero».
«Nonostante una quantità di turisti non mappati - ha aggiunto - i dati continuano ad essere ottimi. A luglio abbiamo avuto arrivi degli stranieri + 7% e ad agosto +25% nelle spiagge e un tutto esaurito quasi ovunque».

PROVEREMO A METTERE NUOVE ROTTE SU GROTTAGLIE E FOGGIA - «Per continuare a crescere - ha detto ancora - stiamo aggiungendo nuove rotte agli aeroporti di Bari e Brindisi e proveremo a metterne alcune su Grottaglie e Foggia. I dati dei nostri aeroporti parlano chiaro: ad agosto +11,9% a Bari, e Brindisi + 9,8%, con un trend positivo che si registra tutto l'anno».

------------------------------

LA PROTESTA - «Delusione e malcontento per la riforma della Buona scuola» hanno portato una cinquantina di docenti neo-assunti a protestare davanti la Fiera del Levante di Bari contro la mobilità fuori regione, chiedendo al presidente del Consiglio, Matteo Renzi, che oggi interviene alla cerimonia di inaugurazione dell’80/a edizione della Campionaria, di risolvere la questione. Quella pugliese è una delle tre manifestazioni indette in Puglia, Abruzzo e Campania per rappresentare al Governo l’esigenze di 18 mila docenti assunti con il piano straordinario della riforma. A Renzi i docenti intendono consegnare una lettera che contiene sostanzialmente la richiesta di un impegno del governo affinchè venga trovata una soluzione per il loro «rientro al Sud». 

«Molti di noi sono purtroppo in servizio nelle scuole del centro-nord Italia, assegnate dal contestatissimo algoritmo del Miur, e noi - spiega Francesca Marsico del gruppo nastrinirossidocentipugliesi -siamo qui per esprimere anche la loro volontà di rientrare al Sud con le assegnazioni provvisorie, in attesa di nuovi e definitivi sviluppi che ci possano riportare nella nostra Terra».

In Puglia sono circa 1800 gli interessati, tra scuola primaria e secondaria di primo grado. I docenti, protestando contro l’assunzione in ruolo in sedi lontane da casa, avevano chiesto già ad agosto condivisione della loro battaglia al presidente della Regione, Michele Emiliano. Il Consiglio regionale pugliese si è inoltre già espresso in loro favore il 21 luglio scorso quando fu approvata all’unanimità la mozione sulla 'Buona Scuolà che impegna la giunta a portare all’attenzione della Conferenza permanente Stato-Regioni un confronto finalizzato a rendere la situazione stabile e duratura per il personale docente pugliese che rischia di essere trasferito verso le cattedre e gli istituti del Nord e Centro Italia.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

ALTRI ARTICOLI DALLA SEZIONE

Bari, «scompare» l'aereo rumeno:a rischio le vacanze in Grecia

Bari, «scompare» l'aereo rumeno:
a rischio le vacanze in Grecia

 
Contramianto onlus a Di Maio: «Operai Ilva esposti a inquinanti»Emiliano: «Se non fosse mai esistita sarei felice»

Contramianto onlus a Di Maio: «Operai esposti a inquinanti». Emiliano: «Se non esistesse sarei felice»

 
Far-west a Porto Cesareo, due sparatorie in poche ore, nessun ferito

Far-west a Porto Cesareo, due sparatorie in poche ore, nessun ferito

 
Sanitaservice Foggia, superstipendi e spese pazze per mezzo milione:sequestrati beni all'amministratore

Sanitaservice Foggia, superstipendi e sprechi: sequestro beni ex amministratore

 
Strage braccianti: al via le indagini per caporalato a Foggia e Larino

Strage braccianti nel Foggiano: indagati tre imprenditori agricoli

 
Palagiustizia, se ci sono le condizioni, il trasloco si può rinviare

«Palagiustizia Bari, se ci sono le condizioni, il trasloco si può rinviare»

 
Bari, agente penitenziario si suicida con la pistola d'ordinanza, Mastrulli: «Una perdita immensa»

Agente penitenziario barese si suicida con la sua pistola in Toscana

 

GDM.TV

Commemorazione fratelli Luciani, il video

Mafia, a un anno dalla tragedia la cerimonia a San Marco in Lamis

 
Brindisi, l'aereo-forno di RyanairMalori a bordo. «Bloccati sulla pista»

Brindisi, l'aereo-forno di Ryanair
Malori a bordo. «Bloccati sulla pista»

 
Prof. Gesualdo: «Primo trapianto al mondo a partire da donatore cadavere»

Trapianto di rene a catena a Bari. Gesualdo: «Ecco il primo caso al mondo»

 
La masseria che faceva affari con 2mila piante droga a Lecce

La masseria che faceva affari con 2mila piante droga a Lecce

 
A Vieste la leggenda di Cristalda e Pizzomunno si trasforma in street art

A Vieste la leggenda di Cristalda e Pizzomunno si trasforma in street art

 
Tutti pazzi per il parco acquatico gonfiabile: inaugurato il Crazy Park

Tutti pazzi per il primo parco acquatico gonfiabile di Bari: ecco il Crazy Park

1commento

 
Salvini a Lesina: «Dedico questa piazza a tutti quelli che non hanno capito che la musica è cambiata»

Salvini: «Dedico questa piazza a tutti quelli che non hanno capito che la musica è cambiata» Vd

 
Cerignola, fa la rapina in market:ma in coda c'è un carabiniere: preso

Cerignola, fa la rapina in market: in coda c'è un carabiniere: preso Vd

 

PHOTONEWS