Cerca

Trani, inchiesta fotovoltaico:
chiesti 15 rinvii a giudizio

Trani, inchiesta fotovoltaico: chiesti 15 rinvii a giudizio

Il Tribunale di Trani

TRANI - Associazione per delinquere, corruzione, falso, truffa aggravata, violazione delle norme sulla promozione dell’energia elettrica prodotta da fonti energetiche rinnovabili, lottizzazione abusiva e illeciti amministrativi. E’ con queste accuse che il pm della procura di Trani Michele Ruggiero ha chiesto il rinvio a giudizio per 15 delle 24 persone coinvolte nell’inchiesta su presunti illeciti compiuti, a Trani, nella installazione di impianti fotovoltaici.


Secondo l’accusa, quegli impianti, nelle campagne di Trani, pur risultando frazionati e facenti capo ad altrettante società, in realtà sarebbero riconducibili a persone con un interesse comune. La legge, infatti, prevede meccanismi e procedimenti autorizzativi diversi da quelli utilizzati, qualora un impianto superi un megawatt. Fra le persone coinvolte e che il 18 maggio prossimo dovranno comparire innanzi al gup, vi è anche l’ex dirigente dell’ufficio tecnico del comune di Trani, Giuseppe Affatato, accusato di corruzione, un funzionario all’epoca dei fatti, dell’ufficio tecnico del comune di Trani, amministratori di imprese pugliesi e trentine del settore energetico. Per gli altri nove il pm ha chiesto l’archiviazione.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400