Cerca

olimpiadi di rio

Beach volley, finale da sogno
ma è argento a Lupo-Nicolai

Daniele Lupo e Paolo Nicolai medaglia argento Rio

RIO DE JANEIRO - Una medaglia storica nel tempio del beach a Copacabana. Il Brasile questa volta non ha trovato un Paolo Rossi in maglia azzurra a guastare la festa annunciata, stravolgendo il pronostico della vigilia, ma per l'Italia l’argento della coppia Lupo-Nicolai nella finale del torneo olimpico è comunque un grande e insperato successo. 'O maestrò, il professore, come è stato ribattezzato Daniele Lupo nell’Arena di Rio i brasiliani, non è riuscito a far piangere la torcida degli 12mila accorsi sul lungomare più celebre del mondo, nonostante una pioggia incessante, per incitare il duo di casa Alison Cerruti e Bruno Oscar Schmidt.

Il 25enne romano e Paolo Nicolai possono comunque abbracciarsi felici, mentre la coppia brasiliana fa godere il popolo carioca dell’Arena costruita a Copacabana, conquistando per due set a zero (21-19, 21-17) il primo oro olimpico della loro carriera, e riportando nella casa naturale del beach quel titolo che mancava da Atene 2004.

Un’ottima partenza che aveva illuso la coppia azzurra e silenziato la torcida brasiliana, eccezion fatta per una scatenata Tania Cagnotto, in tribuna a tifare per i suoi compagni di nazionale. Avanti 5-1 il duo italiano subisce la rimonta dei beniamini di casa, che scrollatasi di dosso la tensione, allungano sul 16-13. Con una reazione d’orgoglio gli azzurri risalgono sul 19-18, prima che qualche insolito errore di troppo consegni il primo set ad Alison-Schmidt.

Con orgoglio e forza, l’Italia non molla e nel secondo set si riporta avanti 10-7, ma la coppia brasiliana trascinata da un Alison devastante risale e chiude i giochi nel tripudio di Copacabana.
Cinque edizioni dei Giochi, zero medaglie per l’Italia del volley su spiaggia prima delle olimpiadi di Rio. E se fino al 2012 una coppia azzurra in zona podio (ma anche nei quarti di finale) di un torneo World Tour era una cosa rara e il risultato veniva accolto come un risultato straordinario, oggi il movimento incassa, seppur in un giorno in cui sfuma la gloria olimpica, un grande risultato che porta la coppia formata da Daniele Lupo e Paolo Nicolai nel gotha del beach mondiale.

Un traguardo impensabile appena 18 mesi fa, con l’atleta romano, formatosi sulle spiagge di Fregene insieme al nonno Giorgio e papà Carlo, che si ritrova a combattere una partita per la vita. La preparazione si ferma all’improvviso per un problema al ginocchio. Una visita, poi il responso choc. Gli viene diagnosticato un tumore, e tutto si accelera all’improvviso. Per fortuna, Daniele Lupo questo match lo chiude rapidamente: niente metastasi, niente chemioterapia, ma al mondiale di Rotterdam arriva non al massimo e la coppia azzurra finisce fuori dai migliori sedici. Poi 12 mesi dopo la consacrazione con il bis agli Europei, dopo il titolo del 2014 a Cagliari, preludio di quel che sarebbe successo in un’olimpiade comunque indimenticabile, nonostante la sconfitta.
Alison Cerruti riscatta così la delusione del secondo posto a Londra quattro anni fa, in coppia con Emanuel Rego, e trascina al primo oro a cinque cerchi il compagno Bruno Oscar Schmidt che da stasera non sarà più solo il nipote di quel campione di basket che fece impazzire Caserta. Per i due azzurri ora l'obiettivo è di restare in quel club esclusivo dove sono entrati dopo un lungo percorso di crescita: a Copacabana in fondo hanno vinto anche loro.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400