Cerca

Domenica 19 Novembre 2017 | 07:58

A Bari

Vende biglietti del bus falsi
denunciato un edicolante

Nella rivendita di via Crispi, al Libertà, trovati 900 ticket contraffatti

Vende biglietti del bus falsi  denunciato un edicolante

di Antonella Fanizzi

BARI - Nella sua edicola di via Crispi, al quartiere Libertà, oltre ai giornali, vendeva i biglietti dell’Amtab, ma rigorosamente falsi. Per questo il titolare della rivendita è stato denunciato per i reati di falsificazione dei ticket di viaggio e per truffa in danno all’azienda cittadina di trasporto pubblico.

La scoperta è stata fatta a seguito della segnalazione dei passeggeri, che hanno avvisato la polizia municipale. La segnalazione è stata trasmessa alla polizia giudiziaria ed è scattato il blitz: gli agenti in borghese hanno fatto una serie di sopralluoghi e colto il falsario sul fatto.

In tutto sono stati 900, da un euro ciascuno, i biglietti contraffatti recuperati. Ma le indagini non si fermano qui. Ora la polizia giudiziaria è impegnata a capire quale fosse la provenienza dei ticket, se la tipografia si trova a Bari oppure altrove e se l’edicolante è stato aiutato nella truffa da altri complici.

«Al termine delle indagini - dichiara Nicola Marzulli, nella doppia veste di presidente dell’Amtab e di comandante della polizia municipale - non esisteremo a chiedere agli uffici comunali competenti di sospendere la licenza per l’attività commerciale. Inoltre, nell’ipotesi in cui i reati dovessero essere confermati, l’azienda si costituirà parte civile per il recupero dei danni patrimoniali subiti». Gli atti sono stati mandati alla Procura.

Da qualche mese proprio i vigili urbani sono impegnati nella guerra ai portoghesi, che sta dando buoni risultati. Soltanto nel mese di luglio, per effetto delle multe, sono stati venduti 30mila biglietti in più rispetto allo stesso periodo dello scorso anno. Lo spaccio dei titoli di viaggio taroccati è davvero una beffa che penalizza i cittadini che finalmente hanno deciso di rispettare le regole.

Continua Marzulli: «In questo momento in cui l’azienda sta compiendo importanti passi in avanti nella gestione del servizio, e i baresi stanno dimostrando di rispondere positivamente alla campagna che l’amministrazione comunale sta conducendo sull’acquisto dei biglietti per viaggiare sui mezzi pubblici, è importante mantenere costante l’attenzione su possibili fenomeni di truffa ai danni dell’Amtab ma soprattutto della collettività».

Da un primo resoconto sull’andamento delle attività dell’Amtab nei primi sei mesi del 2016 si rileva un discreto miglioramento del servizio rispetto al 2015. C’è stato un incremento dei chilometri percorsi pari al 6,33%, (si è passati da 5.732.000 km al 31 luglio 2015 a 6.094.947 km al 31 luglio del 2016), oltre a una crescita costante del numero dei mezzi in uscita ogni mese: 107 a luglio 2015 a fronte dei 115 di luglio 2016.

Conclude il presidente dell’azienda di trasporto urbano: «Questi sono segnali importanti che ci incoraggiano a proseguire nel piano di risanamento che stiamo portando avanti, anche grazie ai fondi che l’azienda sta recuperando con l’aumento della vendita dei biglietti».

Queste le cifre. Nel mese scorso sono stati venduti 29mila 900 biglietti ordinari in più (l’incremento è pari al 15,70%) rispetto a luglio del 2015. Positivo anche il numero dell’emissione dei biglietti giornalieri che cresce di 2.020 unità (+33,88%) in confronto allo scorso anno. Sono stati inoltre emessi 224 abbonamenti giornalieri (+62%) e 472 abbonamenti di fascia oraria (+41,81%) in più.

I ricavi nel mese di luglio 2016 rispetto allo stesso mese del 2015 sono aumentati di 97mila 600 euro. Questa cifra si somma agli incassi dei primi sei mesi del 2016 (560mila euro circa), che l’azienda di trasporto pubblico ha rilevato con la vendita dei biglietti, rispetto allo stesso periodo del 2015.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

Altri articoli dalla sezione