Cerca

I dati della Camera di Commercio

Oltre il 60 per cento non ha lavoro
a Taranto non c’è futuro per i giovani

Ma è fiacco anche il valore aggiunto: risale dello 0,5%, ma in Italia cresce dell'1,3 e in Puglia dello 0,9

Oltre il 60 per cento non ha lavoro a Taranto non c’è futuro per i giovani

Il presidente della Camera di Commercio Luigi Sportelli

di Leo Spalluto

TARANTO - Timidi segnali di ripresa e forti criticità. Con la disoccupazione giovanile alle stelle, una tassazione soffocante e un territorio che invecchia. E’ la fotografia, per certi versi impietosa, dell’economia di Taranto tracciata dal «Rapporto Taranto 2016» della Camera di Commercio, presentata ieri in coincidenza con la 14esima Giornata dell’Economia. I dati sono stati illustrati dal presidente della CdC, Luigi Sportelli, dal vice segretario generale Claudia Sanesi e dalla responsabile dell’area economico-promozionale Francesca Sanesi.

I numeri descrivono un territorio che procede a tentoni, alla ricerca di un rilancio possibile ma sostanzialmente fermo. Immagine rilanciata da un confronto spesso penalizzante con le medie nazionali. A partire dal «valore aggiunto» prodotto in provincia di Taranto (ovvero le attività prodotte e distribuite nel territorio a partire dai beni primari): l’indice risale dello 0,5 per cento dopo il calo degli scorsi anni. Un dato che evidenzia l’elasticità e la reattività conservata dal sistema produttivo locale. Ma in Italia la crescita è dell’1,3 e in Puglia dello 0,9.

Le unità produttive registrate a Taranto nel 2015 sono 55.595, con un incremento dell’1,1 rispetto all’anno precedente (in Italia +0,5). Le imprese attive sono 41.171, con un aumento dello 0,3 per cento e un sostanziale pareggio rispetto al 2010. Crescono anche gli imprenditori stranieri, +6,5 rispetto al 4,5 nazionale, mentre diminuiscono del 2,7 per cento le aziende in procedura concorsuale.

Manca quasi del tutto la capacità d’innovazione. A Taranto le start up sono 18, di cui soltanto 8 condotte da giovani. Le imprese under 35 sono addirittura in calo del 2,1: va peggio in Puglia (-3 per cento) e in Italia (-2,7).

Il settore agroalimentare incide sulla ricchezza del territorio per il 4,6 (a livello nazionale è il 2,2): si tratta, però, di un comparto in recessione, che nel 2014 aveva fatto registrare un calo del 12,5.

Zoppica il sistema produttivo culturale: le imprese creative, legate al patrimonio storico-artistico e alle arti visive a Taranto sono 2.523, appena il 5,3 del totale (in Italia il 7,3): gli addetti sono 5.340, solo il 3 per cento del totale e il valore aggiunto prodotto ha un’incidenza del 2,6 (contro il 3,7 pugliese e il 5,4 nazionale).

Il commercio con l’estero riserva una curiosità: tra i principali partner commerciali della provincia di Taranto, assieme a Francia e Stati Uniti, figura la Turchia, appena uscita dal tentativo di colpo di stato contro il Governo Erdogan. Nell’export le cifre ovviamente drammatiche della movimentazione delle navi del porto (-22,7) e dei prodotti in metallo (-38,9), vengono compensate dai mezzi di trasporto (+106,8) e dagli apparecchi elettrici (+29,6). Il 2015 è stato, comunque, per la provincia di Taranto un anno di contrazione sia per le esportazioni (-1,4 per cento) che per le importazioni (-4,2).

Il turismo continua a rappresentare un’occasione sfruttata male, ampiamente sottostimata rispetto alle potenzialità ricettive del territorio. Il rapporto tra gli arrivi e la popolazione residente, denominato «indice di concentrazione turistica», è solo del 44,3 contro il 175,3 a livello nazionale.

Pochi gli stranieri in arrivo rispetto al totale dei turisti: a Taranto il 17,7, in Italia il 48,5. Negli ultimi quattro anni la spesa sul territorio degli ospiti d’oltre confine è crollata: 49 milioni di euro nel 2011, soltanto 28 nel 2015.

Il tempo medio di permanenza è, invece, di 4,3 giorni: più alto rispetto all’indice nazionale (3,5). Sensibile è l’incremento d’attività dei bed and breakfast e degli esercizi complementari come i campeggi (+29,3 per cento a Taranto contro la media nazionale del +5,1), mentre continua la sofferenza di hotel e alberghi.

I depositi bancari continuano ad essere concentrati soprattutto nel settore famiglie (84,2 del totale), mentre cresce lievemente la spesa corrente del Comune per la prestazione di servizi (+6 per cento). La pressione tributaria post-dissesto, però, prosegue ad essere elevatissima: ben 568,7 euro pro capite.

Preoccupano il decremento e il progressivo invecchiamento della popolazione. Catastrofici, infine, i dati sulla disoccupazione giovanile: 60,6 per cento a Taranto, con un incremento del 6 per cento rispetto al 2014 (la media nazionale è del 40,3). L’occupazione complessiva, invece, è aumentata dell’1,7 (lo 0,8 in Italia) con un salto in avanti a favore delle donne: +4,4 rispetto al 2014 (appena +0,5 a livello nazionale).

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400