Cerca

Mercoledì 23 Maggio 2018 | 17:06

la polemica

Parco del Gargano
a rischio la lepre italica
«Troppe lepri europee»

la lepre italica

La lepre italica

MONTE SANT'ANGELO - Parco nazionale del Gargano, tra le tante eccellenze faunistiche, può vantare anche la presenza della “Lepre italica” (Lepus corsicanus), una specie esclusiva dell’Italia centromeridionale, della Sicilia e della Corsica minacciata e di elevato interesse conservazionistico e scientifico come risulta da varie pubblicazioni scientifiche e da documenti dell'Istituto superiore per la protezione e la ricerca ambientale (Ispra).

Purtroppo, evidenziano Acli Ambiente, Centro studi naturalistici e Wwf Foggia, tale specie è messa in pericolo da pratiche di ripopolamento faunistico per fini venatori con l'immissione massiccia nel nostro territorio di lepri europee (Lepus europaeus) da allevamento.
Le due lepri, anche se molto simili nell’aspetto tanto che è molto difficile distinguerle a distanza di doppietta, appartengono a due specie distinte che vivono in competizione sul territorio, ovvero l’immissione di lepre europea riduce le possibilità di sopravvivenza della lepre italica in quanto le sottrae le già scarse risorse alimentari, ed è per questo che non è ammessa la liberazione di lepre comune nei territori dove è accertata la presenza della Lepre italica.

Durante lo scorso anno venatorio, l’Osservatorio faunistico della Provincia di Foggia ha autorizzato l'Ambito territoriale di caccia (Atc) ad immettere 600 lepri europee, prescrivendo però che queste immissioni non potessero essere effettuate nei Siti d’Importanza comunitaria (Sic), nelle Zone di Protezione Speciale (Zps) e nelle aree a ridosso del Parco nazionale del Gargano proprio al fine di salvaguardare la Lepre italica. L’autorizzazione contemplava anche che le immissioni dovessero essere effettuate sotto controllo e vigilanza della polizia provinciale o Corpo forestale dello Stato. Purtroppo però, evidenziano Acli Ambiente Csn e Wwf, dai verbali di immissione selvaggina acquisiti dalle stesse Associazioni non risulta che le immissioni di lepri siano avvenute sotto controllo e vigilanza degli agenti venatori mentre da diversi verbali risulta che le liberazioni potrebbero essere avvenute in zone a ridosso del Parco nazionale del Gargano e/o in zone SIC o Zps ove è accertata la presenza della Lepre italica.

Proprio per tutelare la presenza della Lepre italica e delle altre specie di animali selvatici locali, Acli Ambiente, Centro Studi Naturalistici e Wwf Foggia hanno inoltrato una circostanziata segnalazione alle autorità preposte ai controlli durante le operazioni di ripopolamento a fini venatori, ovvero al presidente dell'Atc, all'Osservatorio Faunistico provinciale, al Servizio caccia e pesca della Provincia di Foggia e della Regione Puglia e al Prefetto di Foggia. Alle stesse autorità, le Associazioni hanno anche chiesto di far rispettare, per l’anno venatorio 2016/2017, integralmente le misure di conservazione della delibera di giunta della Regione Puglia n. 262 dell’8 marzo 2016, misure previste per i Siti di Importanza Comunitaria. In particolare, le Associazioni hanno chiesto di definire con precisione le aree dove effettuare le immissioni autorizzate di selvaggina, considerato che fra queste misure vi è per i Sic il "Divieto di effettuare ripopolamenti e immissioni faunistiche a scopo venatorio". La stessa comunicazione è stata inoltrata all’Ente Parco Nazionale del Gargano che ha il compito di tutelare questa importante specie insieme al patrimonio di biodiversità presente nell’area protetta.

A proposito dei ripopolamenti, Acli Ambiente, Centro studi Naturalistici e Wwf Foggia, ricordano che, secondo l'Ispra, tali pratiche dovrebbero essere consentite al solo fine di ristabilire l’equilibrio faunistico nel territorio e che dovrebbero essere limitate nel tempo.
Purtroppo la realtà è molto diversa. Dopo aver contribuito a distruggere la selvaggina stanziale, i cacciatori sono costretti, per avere qualcosa su cui sparare, a lanciare animali "pronta-caccia". In Italia, decenni di ripopolamenti non hanno, in effetti, quasi mai risolto il problema dell'impoverimento del patrimonio faunistico, determinando, invece, il dispendio d'elevatissime risorse economiche e creando ulteriori problemi come nel caso della proliferazione massiccia di cinghiali. I lanci "pronta-caccia" sono una pratica aberrante che scaturisce da un'attività venatoria imperniata su criteri speculativi e “consumistici” ben lontani da qualsiasi principio di seria gestione venatoria.
Gli animali, quando non muoiono durante il trasporto nelle gabbie, arrivano stremati e terrorizzati tanto che alcuni si rifiutano addirittura di muoversi. Si tratta di esseri viventi improvvisamente abbandonati in un ambiente selvatico di cui ignorano le severe leggi. La maggior parte di essi, infatti, muore prima ancora che una doppietta ponga fine alla loro sventurata esistenza.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

ALTRI ARTICOLI DALLA SEZIONE

video omicidio Bovino

Estetista uccisa a Mola, una nuova prova riapre il processo

 
Bari, Palagiustizia inagibile: c'è l'inchiesta. E lo sgombero

Bari, Palagiustizia inagibile: c'è l'inchiesta. E lo sgombero

 
Xylella, Ue: anche Taranto zona rossaDi Gioia: è la fine dell'olivicoltura

Xylella, Ue: anche Taranto zona rossa
Di Gioia: è la fine dell'olivicoltura

 
Taranto, prof picchiato da papàdi alunno che voleva sospendere

Taranto, prof picchiato da papà di alunno: voleva sospenderlo

 
Foggia, rapina in farmaciacon ostaggi: due arresti

Foggia, rapina in farmacia
con ostaggi: 2 arresti Video

 
Schianto sulla Melfi Potenzamuore un uomo

Schianto sulla Melfi Potenza
muore un uomo Video

 
Giovinazzo, in auto mezzo chilodi eroina: arrestata una coppia

Giovinazzo, in auto mezzo chilo di eroina: arrestata una coppia

 

MEDIAGALLERY

Foggia, rapinatori assaltano farmacia: sequestrati i dipendenti

Foggia, rapinatori assaltano farmacia: sequestrati i dipendenti

 
Melfi-Potenza, tragico scontro tra auto e un camion: un morto

Melfi-Potenza, tragico scontro tra auto e un camion: un morto

 
Blitz a Taranto contro gang di narco rapinatori: «Te lo vuoi fare il dottore?»

Blitz a Taranto, le intercettazioni: «Te lo vuoi fare il dottore?»

 
Rapinatori cantanti incastratida un video su You Tube

Rapinatori cantanti incastrati
da un video su You Tube

 
Emergenza cinghiali a Bari22 catturati e trasferiti in riserva

Emergenza cinghiali a Bari
22 catturati e trasferiti in riserva

 
Restart, così i piatti del futuro di Ladisa  a Bari

Restart, così i piatti del futuro di Ladisa a Bari

 
In due madre e figlio tentarono di uccidere un medico a Foggia: il mandante era il fratello della vittima

In due madre e figlio tentarono di uccidere un medico a Foggia: il mandante era il fratello della vittima

 
Cinque spacciatori fermati a Bari, agivano vicino l'Ateneo

Cinque spacciatori fermati a Bari, agivano vicino l'Ateneo

 
Molestie su minorenni, polizia arresta 51enne

Molestie su ragazzine, polizia arresta 51enne VIDEO

 

LAGAZZETTA.TV

Economia TV
Sps Italia, presidente Anie: settore automazione in netta crescita

Sps Italia, presidente Anie: settore automazione in netta crescita

 
Calcio TV
Ancelotti sara' il nuovo allenatore del Napoli

Ancelotti sara' il nuovo allenatore del Napoli

 
Meteo TV
Previsioni meteo della settimana

Previsioni meteo della settimana

 
Mondo TV
Trump a Kim: senza accordo finisci come Gheddafi

Trump a Kim: senza accordo finisci come Gheddafi

 
Notiziari TV
Ansatg delle ore 15

Ansatg delle ore 15

 
Spettacolo TV
L'attesa e' finita per i fan di Guerre stellari

L'attesa e' finita per i fan di Guerre stellari

 
Italia TV
Tragedia Francavilla, ha ucciso anche la moglie

Tragedia Francavilla, ha ucciso anche la moglie

 
Sport TV
Nadal a Roma, Re per l'8/a volta

Nadal a Roma, Re per l'8/a volta