Cerca

Giovedì 24 Maggio 2018 | 05:50

Andria, sembra rientrato l'allarme il sangue donato non sarebbe infetto

Aldo Losito

andriaAllarme potenzialmente scampato alla Asl Bt. Non dovrebbe essere infetto il sangue sospetto, frutto di donazioni e poi riutilizzato nel circuito sanitario. Questo il riscontro della relazione inviata (lo scorso 15 giugno) dalla direzione dell’Asl Bt a Giovanni Gorgoni, direttore del dipartimento Salute della Regione. Il 2 maggio, infatti, c’era stata una informativa da parte del dottor Eugenio Peres (direttore dipartimento Medicina trasfusionale Asl Bt), «relativa ad un caso di non conformità avvenuto nel Servizio immunotrasfusionale (Sit) di Andria, rispetto alle procedure previste. Infatti, è emerso che al Sit di Andria, in alcuni casi, veniva modificato il referto dello screening del donatore proveniente da Barletta, da positivo/indeterminato a negativo».

In pratica i casi in oggetto sono 11 dal 2013 ad oggi. Ovvero 11 sacche di sangue dovevano essere «gettate» a fronte di un primo screening che non dava valori certi e sicuri. In questi casi, infatti, si richiama il donatore per fare ulteriori controlli e solo allora si può capire se il sangue donato può o meno essere utilizzato.

Invece, per un errore di procedura quelle stesse 11 sacche sono state cedute al sistema sanitario per i vari utilizzi, senza il normale iter procedurale. La commissione interna, istituita dalla direzione generale della Asl Bt per accertare quanto accaduto, ha subito richiamato i donatori per gli ulteriori test di screening. Per fortuna i risultati hanno avuto esito negativo, quindi è stata accertata la non pericolosità ai fini trasfusionali, in dieci casi degli undici sospetti. Un solo donatore risulta ancora irreperibile.

Alla luce di quanto successo, il dipartimento Salute Regione Puglia ha inviato ad Andria, il Nucleo Ispettivo Regionale (Nir) assieme ad un esperto valutatore. È stata istituita anche una commissione d’inchiesta interna che è ancora al lavoro per arrivare ad accertare la paternità dell’errore. A seguito della denuncia del dottor Peres anche alla Procura di Trani, ieri c’è stato un controllo dei Nas dei carabinieri, che potrebbero tornare all’ospedale «Bonomo» anche domani . «È un episodio in via di approfondimento - dice Giovanni Gorgoni -. Non sciolgo le riserve, al di là delle rassicurazioni seguite alle prime verifiche. Per pura fortuna si è evitato il peggio. Resta la gravità di quanto successo per il mancato rispetto della procedura. Ci sarà un seguito disciplinare. Sull’accaduto ho prontamente relazionato anche al Centro nazionale del sangue (Cns) e al ministero della Salute».

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

ALTRI ARTICOLI DALLA SEZIONE

Massimo Ferrarese

Invimit: tocca quota 1,2 mld patrimonio gestito nel triennio

 
premier Giuseppe Conte

Il «foggiano» Giuseppe Conte premier incaricato. San Giovanni Rotondo: lo aspettiamo

 
Deferimento del Bari calcio, anticipata l'udienza

Deferimento del Bari calcio, anticipata l'udienza

 
Legambiente

Al lavoro volontari di Legambiente per spiagge di Puglia più pulite

 
Andria voragine nella pavimentazione

Andria sprofonda pavimento nel centro storico per le forti piogge

 
video omicidio Bovino

Estetista uccisa a Mola, una nuova prova riapre il processo

 
Bari, Palagiustizia inagibile: c'è l'inchiesta. E lo sgombero

Bari, Palagiustizia inagibile: c'è l'inchiesta. E lo sgombero

 

MEDIAGALLERY

Foggia, rapinatori assaltano farmacia: sequestrati i dipendenti

Foggia, rapinatori assaltano farmacia: sequestrati i dipendenti

 
Melfi-Potenza, tragico scontro tra auto e un camion: un morto

Melfi-Potenza, tragico scontro tra auto e un camion: un morto

 
Blitz a Taranto contro gang di narco rapinatori: «Te lo vuoi fare il dottore?»

Blitz a Taranto, le intercettazioni: «Te lo vuoi fare il dottore?»

 
Rapinatori cantanti incastratida un video su You Tube

Rapinatori cantanti incastrati
da un video su You Tube

 
Emergenza cinghiali a Bari22 catturati e trasferiti in riserva

Emergenza cinghiali a Bari
22 catturati e trasferiti in riserva

 
Restart, così i piatti del futuro di Ladisa  a Bari

Restart, così i piatti del futuro di Ladisa a Bari

 
In due madre e figlio tentarono di uccidere un medico a Foggia: il mandante era il fratello della vittima

In due madre e figlio tentarono di uccidere un medico a Foggia: il mandante era il fratello della vittima

 
Cinque spacciatori fermati a Bari, agivano vicino l'Ateneo

Cinque spacciatori fermati a Bari, agivano vicino l'Ateneo

 
Molestie su minorenni, polizia arresta 51enne

Molestie su ragazzine, polizia arresta 51enne VIDEO

 

LAGAZZETTA.TV

Italia TV
Giovanni XXIII domani a Bergamo

Giovanni XXIII domani a Bergamo

 
Notiziari TV
Ansatg delle ore 21

Ansatg delle ore 21

 
Calcio TV
Finito incontro, Ancelotti lascia sede Filmauro

Finito incontro, Ancelotti lascia sede Filmauro

 
Economia TV
Conti Pubblici, Bruxelles promuove l'Italia sul 2017

Conti Pubblici, Bruxelles promuove l'Italia sul 2017

 
Meteo TV
Previsioni meteo della settimana

Previsioni meteo della settimana

 
Mondo TV
Trump a Kim: senza accordo finisci come Gheddafi

Trump a Kim: senza accordo finisci come Gheddafi

 
Spettacolo TV
Guerre stellari, attesa finita per i fan

Guerre stellari, attesa finita per i fan

 
Sport TV
Nadal a Roma, Re per l'8/a volta

Nadal a Roma, Re per l'8/a volta