Cerca

Osvaldo Supino «La mia musica è un inno all'amore»

Cantante indipendente, icona gay, ha costruito la sua carriera sul web

Osvaldo Supino «La mia musica è un inno all'amore»

La strage al Pulse di Orlando non può che gettare un’ombra sulla gioia di Osvaldo Supino, il cantante di Torremaggiore, icona gay e star del web, che qualche giorno prima aveva vinto il Los Angeles Film Independent Awards nella sezione video musicali. «Quello che è successo - commenta Osvaldo - mi ha profondamente sconvolto. Poteva esserci chiunque al posto di quei ragazzi. Non è stato un attacco solamente alla comunità LGBT ma all’umanità. Uccidere per le differenze, condannare chi si ama è una follia. Tutti dovremmo sentirci vittime di questi attentati. Siamo tutti esseri umani che insieme fanno un percorso di vita su uno stesso pianeta».

La vittoria di Osvaldo a Los Angeles ha comunque il sapore di una rivalsa rispetto ad una vita che non gli ha sempre sorriso, dalle difficoltà incontrate nel centro d’origine ai passi mossi in un campo difficile come quello della musica. E per giunta indipendente, senza il sostegno di una casa discografica. Una carriera, quella di Osvaldo, creata con tenacia, e con una ricerca di qualità e novità costante. Importanti le collaborazioni in questi anni: da Charlie Mason (autore di Miley Cyrus) a Leeyou&Dancey (nel gruppo di lavoro di Akon e Leona Lewis).

Il suo ultimo album «Behind The Curtain» pubblicato un anno e mezzo fa (e presentato la scorsa estate anche nel castello di Torremaggiore), arrivato terzo in classifica, promosso con un tour live che oltre all’Italia ha toccato Germania, Spagna, Austria, Francia, Svizzera, Lettonia, Stati Uniti e un successo recentissimo al Miami Beach Pride, un evento gigante prodotto dalla Nbc con una partecipazione di oltre 150 mila persone dove per la prima volta per un artista italiano ha condiviso il palco con star come Iggy Azalea e Jordin Sparks. Ora nel palmarès dell’artista i Los Angeles Independent Film Awards, nella categoria Best Music Video con il nuovo singolo «Infinity». Anche in questo caso, primo italiano. «È una soddisfazione enorme per me, ossigeno per il mio progetto. Per me poi, che sono un indipendente... lavoro il doppio per arrivare alla gente e tutto questo è veramente molto incoraggiante».

Canta in inglese, Osvaldo, ma il cuore batte per la sua terra. «Più vado in giro e più cresce in me l’amore per la mia terra. Ho pensato a mio nonno dopo il successo di Miami. Ci ero andato da solo, ho cantato su un palco importantissimo. Avevo vinto... in mezzo a tutta quella gente ho guardato in alto e ringraziato mio nonno. È venuto a mancare qualche anno fa ma lo sento vicino continuamente, specialmente quando ho paura».

Nel video di «Infinity» Supino racconta l’amore fra due ragazzi: «In Infinity racconto l’amore e basta. Non esiste l’amore gay o l’amore etero, esiste l’amore: questo è ciò che i miei genitori mi hanno insegnato. Tutti sogniamo un amore travolgente. Il fatto che io sia gay non toglie o aggiunge nulla».

Intanto il nostro sta lavorando al nuovo disco. «Ci sto lavorando da un po’ ma non ho fretta. Non voglio tradire al fiducia che in tanti mi hanno accordato in questi anni. Un’altra cosa che i miei mi hanno insegnato e guadagnarmi ciò che ho, e voglio continuare su questa strada». [sl]

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400