Cerca

Ancora niente soldi da Paparesta

Bari, nuovo allarme di Giancaspro
«Il club rischia la penalizzazione»

Il socio di minoranza chiede l'anticipazione dell'assemblea al 22 per verificare i pagamenti: in ballo l'iscrizione al campionato e il pagamento degli stipend

Paparesta Giancaspro

L’anticipo al 22 giugno dell’assemblea dei soci per avere contezza dello stato del club dopo l’eventuale ricapitalizzazione fino a 7,5 milioni che ha come termine domani e così iscrivere la squadra al prossimo torneo di B: il socio di minoranza del Bari, Cosmo Giancaspro, ha comunicato di aver presentato questa richiesta al club, stante il dissenso con il presidente Gianluca Paparesta.
Giancaspro, infatti, rileva «che Gianluca Paparesta (socio di maggioranza, ndr) non ha ancora comunicato le proprie intenzioni in ordine all’eventuale esercizio del diritto di opzione per la sottoscrizione dell’aumento di capitale».

Il socio di minoranza specifica che «il regolare esercizio del predetto diritto presuppone il versamento contestuale della somma pari al 35% della sottoscrizione. Sul punto, si esigerà il più rigoroso controllo di rispondenza legale del versamento eventualmente eseguito (...) anche rispetto a tutte le norme vigenti in materia di trasferimenti di somme di denaro».

Da qui la richiesta di «anticipazione al 22-23 giugno dell’Assemblea degli azionisti già convocata per il 24-25 giugno, per provvedere agli adempimenti consequenziali alla sottoscrizione dell’aumento di capitale ed in particolare alle decisioni eventualmente riguardanti il rinnovo di tutte le cariche sociali ed il passaggio di consegna di tutte le attività amministrative, oltre che dei relativi poteri di firma».

Giancaspro sottolinea il mancato intervento al riguardo del Collegio sindacale (secondo l’art. 2406 c.c.), stante la "urgente necessità di provvedere per garantire la regolare esecuzione di tutti i pagamenti» indispensabili per l'iscrizione. Giancaspro, pur pronto a garantire la continuità aziendale, senza un anticipo dell’assemblea, potrebbe trovarsi nella «obiettiva impossibilità di operare ogni necessaria verifica in ordine all’esatto ammontare dei pagamenti» per l'iscrizione, se diventerà il nuovo socio di riferimento del Bari. Infine «si riserva ogni opportuna azione» nei confronti dei responsabili per i danni arrecati al club, nell’eventualità i ritardi generino penalizzazioni nel prossimo campionato.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400