Cerca

Sabato 21 Aprile 2018 | 17:24

Brindisi

Polveri carbone Enel: pm chiede
13 condanne e 2 prescrizioni

Polveri carbone Enel: pm chiede  13 condanne e 2 prescrizioni

BARI - Il pm della procura di Brindisi, Giuseppe De Nozza, ha chiesto al termine della propria requisitoria la condanna a 3 anni di reclusione per 13 dei 15 imputati nel processo per la diffusione di polvere di carbone dal nastro trasportatore e dal carbonile della centrale Enel Federico II di Cerano (Brindisi).

Solo per Sandro Valery - responsabile pro tempore area business Enel Produzione - e per Luciano Mirko Pistillo, due dei 13 manager Enel a processo insieme a due imprenditori locali, la pubblica accusa ha invocato la pronuncia di non doversi procedere per estinzione dei reati per prescrizione.

Il processo è iniziato nel dicembre del 2012. Le persone coinvolte rispondono di danneggiamento e di getto pericoloso di cose. 

Il pm, a conclusione del dibattimento, ha ritenuto che non vi siano ragioni per riconoscere agli imputati le attenuanti generiche.
Le indagini sono state condotte dalla Digos di Brindisi che ha acquisito le denunce di alcuni agricoltori che posseggono dei terreni a Cerano, non lontano dalla centrale e dal percorso del nastrotrasportatore, lungo 13 chilometri. Secondo l’accusa vi sarebbe stato l’imbrattamento e l’insudiciamento dei campi e delle colture provocato dalla fuoriuscita di polveri di carbone.

I capi di imputazione, che riguardavano fatti relativi al 2009 e al 2010, sono stati estesi nel corso del dibattimento fino al novembre 2013. Parti civili nel processo sono il Comune e la Provincia di Brindisi e le associazioni Greenpeace, Salute pubblica, Legambiente, Medicina democratica, No al Carbone, oltre ai numerosi proprietari dei terreni vicini alla centrale. Responsabili civili sono Enel Produzione e le ditte Cannone e Nubile di Brindisi. 

Il pm, a conclusione del dibattimento, ha ritenuto che non vi siano ragioni per riconoscere agli imputati le attenuanti generiche.
Le indagini sono state condotte dalla Digos di Brindisi che ha acquisito le denunce di alcuni agricoltori che posseggono dei terreni a Cerano, non lontano dalla centrale e dal percorso del nastrotrasportatore, lungo 13 chilometri. Secondo l’accusa vi sarebbe stato l’imbrattamento e l’insudiciamento dei campi e delle colture provocato dalla fuoriuscita di polveri di carbone.

I capi di imputazione, che riguardavano fatti relativi al 2009 e al 2010, sono stati estesi nel corso del dibattimento fino al novembre 2013. Parti civili nel processo sono il Comune e la Provincia di Brindisi e le associazioni Greenpeace, Salute pubblica, Legambiente, Medicina democratica, No al Carbone, oltre ai numerosi proprietari dei terreni vicini alla centrale. Responsabili civili sono Enel Produzione e le ditte Cannone e Nubile di Brindisi.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

ALTRI ARTICOLI DALLA SEZIONE

Scritte pro No Tap su muri denunciato antagonista

Scritte pro No Tap sul muro
denunciato un antagonista

 
orto

«Orto Family», a Taranto
l'agricoltura ha i suoi tutori

 
La Puglia a testa alta Foggia-Bari da urlo

Foggia e Bari partoriscono un pari 
Autogol di Gyomber, rimedia Nenè

 
Morì dopo caduta in ospedaleindagata solo una infermiera

Morì dopo caduta in ospedale
indagata solo una infermiera

 
Aperture centri commerciali«Sciopero 25 aprile e 1 maggio»

Aperture centri commerciali
«Sciopero 25 aprile e 1 maggio»

 
Pistola rubata due anni faarrestati 4 baresi nel Materano

Pistola rubata due anni fa
arrestati 4 baresi nel Materano

 
Bari, cade con la motosul lungomare: muore 54enne

Bari, cade con la moto
sul lungomare: muore 54enne
Foto: l'incidente in diretta

 

MEDIAGALLERY

La commessa della gioielleria veneta aggredita e sequestrata dai rapinatori brindisini

La commessa della gioielleria veneta aggredita e sequestrata dai rapinatori brindisini

 
Calabria, assalto al caveau: polizia arresta componenti banda

Calabria, assalto al caveau: polizia arresta componenti banda

 
Puglia, Papa Francesco ad Alessano

Puglia, Papa Francesco ad Alessano

 
Papa Francesco celebra messa a Molfetta

Papa Francesco celebra messa a Molfetta

 
Papa Francesco

Papa Francesco da Alessano a Molfetta: tappe sui luoghi di don Tonino Bello

 
Bradanica, dopo 50 anniaperti i primi 8 chilometri

Bradanica, dopo 50 anni
aperti i primi 8 chilometri

 
Blitz notturno nella città vecchia: 21 arresti

Blitz notturno nella città vecchia: 21 arresti

 
Tentata estorsione, fermati  avvocato e maresciallo Gdf

Tentata estorsione, fermati
avvocato e maresciallo Gdf

 
Tre arresti nel Foggianoper una serie di rapine e furti

Tre arresti nel Foggiano
per una serie di rapine e furti

 

LAGAZZETTA.TV

Economia TV
Italscania, Fenoglio: "A breve grandi novita' sulle strade"

Italscania, Fenoglio: "A breve grandi novita' sulle strade"

 
Italia TV
A Parma le statue "parlano"

A Parma le statue "parlano"

 
Mondo TV
Senza vaccini 20 mln di bambini

Senza vaccini 20 mln di bambini

 
Notiziari TV
Offese a prof Lucca, perquisiti i 6 indagati

Offese a prof Lucca, perquisiti i 6 indagati

 
Meteo TV
Previsioni meteo per domenica, 22 aprile 2018

Previsioni meteo per domenica, 22 aprile 2018

 
Calcio TV
Serie A: oggi tre anticipi, apre Spal-Roma

Serie A: oggi tre anticipi, apre Spal-Roma

 
Spettacolo TV
Simply the Best? Per Tina Turner e' si'

Simply the Best? Per Tina Turner e' si'

 
Sport TV
Motogp, oggi le libere ad Austin

Motogp, oggi le libere ad Austin