Giovedì 19 Luglio 2018 | 04:13

ricerca e innovazione

L'università di Foggia
organizza il suo primo Festival

gruppo università di Foggia

FOGGIA - «Abbiamo cambiato la città, adesso cambiamo i cittadini» è lo slogan che racconta tutta la carica del Festival della ricerca e dell’innovazione dell’Università di Foggia, in programma il 19, 20 e 21 maggio.
Ieri la presentazione a Giurisprudenza, con l’intervento del rettore Maurizio Ricci e del delegato alla Ricerca scientifica e coordinatore del Festival, Cristoforo Pomara. Nel cortile dell’ex Palazzo Ateneo anche tanti studenti impegnati nell’organizzazione dell’evento e le magliette stampate con il logo.
Momento clou della tre-giorni (zeppa di dibattiti, open day, musica e sport) sabato 21 maggio, con l’intervento di Michael Spence Premio Nobel per l'Economia nel 2001, ma il carnet è ricco di grandi ospiti, dal magistrato Teresa Principato (che ha plaudito alla proposta dell'Università di Foggia di adottare i Crediti Formativi Antimafia per gli studenti), all’attore e regista di Ascoli Satriano, Michele Placido, al regista pugliese Alessandro Piva.

Unifg si prepara alla prima edizione del Festival con l’intento di renderlo un appuntamento stabile e continuativo: fino ad arrivare a una grande edizione di prestigio nazionale, in occasione del ventennale della costituzione dell'Ateneo, che cadrà il 5 agosto 2019).
La tre giorni vuole essere un ringraziamento dell’Ateneo al territorio: per tutto quello che ha ricevuto dalla Capitanata e non solo, l’Unifg vuole testimoniare pubblicamente un po’ della propria gratitudine.
Il messaggio che partirà dalla tre-giorni sarà concreto, con la raccolta fondi in favore delle scuole cittadine degradate, ma anche ideale: Foggia, la società civile e tutte le componenti sane e pulite che la compongono, vengono invitate dal Festival alla rinascita culturale partendo dal basso.
L'evasione scolastica, la dispersione delle intelligenze, la manovalanza della criminalità assoldata tra i banchi di scuola alcuni fra i temi che saranno affrontati. Per questo, come detto, tutti i proventi dalle attività sociali e ludiche organizzate durante il Festival, saranno devoluti alle scuole medie ed elementari pubbliche di Foggia (si punta alla cifra di 20 mila euro). Il Gruppo di lavoro che ha allestito il Festival ha chiamato a raccolta tutti i dipartimenti e le associazioni studentesche. Il logo, già citato, frutto di un contest fra i ragazzi, è stato realizzato dalla studentessa Stefania Delli Carri: una luce che illumina appunto la fontana
del Sele, il simbolo della città, quasi a voler idealmente evidenziare una rinascita così attesa e arrivata, grazie all’Unifg.

Di quasi tutta l'organizzazione si sta occupando l'Area Ricerca e Relazioni Internazionali coadiuvata dall'Area Comunicazione e Affari Istituzionali e dall'Area Orientamento. Nel gruppo di lavoro Giovanni Lovallo, Rossana Muscio, Pierluigi Centola, Maria Pia Di Giuseppe, Anna Maria Russi, Francesco Positano, Marianna Pompa, Giosiana Santoro, Luciana Colelli, Sandro Stallone, Rita Saraò, Giovanni Bove, Maria Assunta Doddi, Giulio Esposito, Fabio Iascone, Anna Maria Fiore, Gerardo Carapella, Francesco Pedarra, Claudio D'Agnello, Anna Gravina, Gabriella Caruso, Maria Pia Carella, Domenico Di Francesco, Carmen Clemente, Marianna Lamarca, Antonella Lisi.

Oltre al gruppo di lavoro, c’è anche un Comitato organizzatore volontario composto da soli studenti, laureati e dottorandi dell'Università di Foggia. Sono Diletta Mongiello, Giuseppe Colacicco, Remo Amatore, Ilenia Lombardo, Carlo Caponio, Guido Di Toro, Stefania Piccolo, Federica Saurino, Roberto Facchino, Mariadele De Santis, Silvia Tedesco, Pietro Vita, Francesca Romana Cicolella, Marco Buccarella, Michele Mantuano, Mariaclara Camporeale, Donatello Caruso (dottorando), Gaetano Illuzzi (laureato), Anna Aquilino.
Da sottolineare che tutti gli ospiti del Festival hanno offerto la loro disponibilità a titolo gratuito. Non resta che attendere giovedì 19 maggio: l’inaugurazione è fissata alle 9, nell’aula magna di Economia.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

ALTRI ARTICOLI DALLA SEZIONE

Da oggi la Fibronit non c'è più: demoliti gli ultimi muri

La Fibronit non c'è più: demoliti gli ultimi edifici

 
Torre Panoramica

Bari, in arrivo una torre panoramica alta 75 metri

 
Battiti Live

Battiti Live, gran finale a Bari il 29 Gazzetta porta 10 di voi nel backstage

 
Politecnico di Bari da record: «90% dei laureati lavora dopo 3 anni»

Politecnico di Bari da record: «90% dei laureati trova lavoro dopo 3 anni»

 
Bari, gli ultras organizzano una festa a Pane e Pomodoro: «È ora di mettere un punto e ripartire»

Bari, gli ultras organizzano una festa a Pane e Pomodoro: «È ora di mettere un punto e ripartire»

 
Palagiustizia

Palagiustizia Bari, le due nuove sedi pronte entro un mese

 
Tap, Mattarella: «Impegno a andare avanti»

Tap, Mattarella rassicura l'Azerbaijan: «Andremo avanti»

 
Antonio Albanese

Baricalcio, l’imprenditore Albanese: «Io contattato da Giannini»

 

GDM.TV

Maxi sequestro a Lecce

Lecce, maxi sequestro di anabolizzanti: 500mila pasticche in un garage VIDEO

 
Commento fallimento Baricalcio di Fabrizio Nitti

Nitti (Gazzetta): «Troppo tardi. Evidenti colpe di chi ha gestito»

 
La sciarpata, l'inno, l'emozioneSulle note si «insegue un sogno»

La sciarpata, l'inno, l'emozione. Sulle note si «insegue un sogno»

 
Brindisi, più di 260 chili di droga nascosti in un gommone: arrestato 26enne

Brindisi, più di 260 chili di droga nascosti in un gommone: arrestato 26enne (Vd)

 
I pugliesi lo fanno meglio: ecco Roberta e il suo 'U Taràll

Roberta, 2 lauree e un sogno da giornalista: torna a Bari da Londra per fare i taralli

 
Bari, francesi cantano Marsigliese per festeggiare Coppa del Mondo

Bari, francesi cantano Marsigliese per festeggiare Coppa del Mondo Vd

 
Pio e Amedeo, l'incursione nello stadio dei Leeds: Presidente, giochiamo col Foggia?

Pio e Amedeo, l'incursione nello stadio dei Leeds: Presidente, giochiamo col Foggia?

 
Di Maio a Matera: «Via Pittella, non si gioca con la sanità»

Di Maio a Matera: «Via Pittella, non si gioca con la sanità»

 

PHOTONEWS