Cerca

Giovedì 24 Maggio 2018 | 16:04

inchiesta petrolio

«L'Eni ha smaltito
illecitamente per
un ingiusto profitto»

Centro Oli Val d'Agri a Viggiano

POTENZA - E’ «fondata» l’accusa contro l’Eni di aver smaltito illecitamente nel centro oli di Viggiano (Potenza) i rifiuti prodotti dall’estrazione del petrolio, con procedure che hanno fatto conseguire all’azienda un «ingiusto profitto» (per milioni di euro). E’ la motivazione in base alla quale il Tribunale del Riesame di Potenza ha confermato, il 16 aprile scorso, il sequestro di due vasche e del pozzo di reiniezione al servizio del centro oli dell’Eni in Val d’Agri.

Secondo la perizia presentata dai pm - giudicata dal Tribunale del Riesame «di chiarezza adamantina» - l’Eni reiniettava nel sottosuolo non solo l’acqua venuta in superficie con il petrolio estratto in Val d’Agri ma anche «altri reflui provenienti da distinti processi di produzione effettuati all’interno del centro oli» (così risparmiando notevoli cifre). Secondo il Riesame, ciò avrebbe richiesto una diversa classificazione dei reflui, non reiniettabili nel pozzo come invece avveniva: «Allo stato» e «in assenza di correttivi» - è scritto nelle motivazioni - tali reflui non potevano avere il codice attribuito ad essi dall’Eni e non potevano quindi essere smaltiti come avveniva in Val d’Agri. Il Tribunale ha valutato anche le intercettazioni agli indagati e, definendo «imbarazzanti» alcune conversazioni, ha spiegato che esse confermano il quadro accusatorio. Peraltro - è scritto nelle motivazioni - la difesa non ha contestato i contenuti delle intercettazioni stesse «né ha offerto di esse una qualunque interpretazione alternativa».

LA RISPOSTA DELL'AZIENDA: RISPETTATE LE REGOLE - «Eni ribadisce la correttezza del proprio operato e conferma che il Centro Olio Val d’Agri rispetta le best practice internazionali»: lo ha detto un portavoce Eni dopo le motivazioni del Tribunale del riesame. La compagnia ha ribadito «la massima collaborazione alla magistratura e il proprio interesse a che possa essere fatta chiarezza sulla vicenda. Gli esiti delle perizie indipendenti che la società ha promosso, non solo ribadiscono la correttezza dell’impianto ma anche l’assenza di rischi sanitari e ambientali». 

L’Eni «confida di poter dimostrare, nella nuova fase processuale che si apre, l'assoluta correttezza e legittimità dei propri comportamenti» conclude la società.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

ALTRI ARTICOLI DALLA SEZIONE

«Imprenditore digitale» vendeva droga su Instagram

«Imprenditore digitale» vendeva droga con Instagram

 
Rapinatori seriali fermati a Brindisi, agivano a giorni alterni

Rapinatori seriali fermati a Brindisi, agivano a giorni alterni

 
cagnolino

Appello al Comune di Lavello perché aiuti il cagnolino Diffi

 
grano

Bombe di acqua in capitanata e il grano finisce a mollo

 
cardellini catturati

Dal napoletano ad Oria per catturare i cardellini

 
barletta

A Barletta gettano bici sulle auto dal sottovia, tragedia sfiorata l’altra sera

 
trasloco faldoni palazzo di giustizia a bari

Palagiustizia di Bari, al via il trasloco dei fascicoli

 
Usura e arresti, sei arrestati a Taranto

Usura e truffa, sei arrestati a Taranto

 

MEDIAGALLERY

Foggia, rapinatori assaltano farmacia: sequestrati i dipendenti

Foggia, rapinatori assaltano farmacia: sequestrati i dipendenti

 
Melfi-Potenza, tragico scontro tra auto e un camion: un morto

Melfi-Potenza, tragico scontro tra auto e un camion: un morto

 
Blitz a Taranto contro gang di narco rapinatori: «Te lo vuoi fare il dottore?»

Blitz a Taranto, le intercettazioni: «Te lo vuoi fare il dottore?»

 
Rapinatori cantanti incastratida un video su You Tube

Rapinatori cantanti incastrati
da un video su You Tube

 
Emergenza cinghiali a Bari22 catturati e trasferiti in riserva

Emergenza cinghiali a Bari
22 catturati e trasferiti in riserva

 
Restart, così i piatti del futuro di Ladisa  a Bari

Restart, così i piatti del futuro di Ladisa a Bari

 
In due madre e figlio tentarono di uccidere un medico a Foggia: il mandante era il fratello della vittima

In due madre e figlio tentarono di uccidere un medico a Foggia: il mandante era il fratello della vittima

 
Cinque spacciatori fermati a Bari, agivano vicino l'Ateneo

Cinque spacciatori fermati a Bari, agivano vicino l'Ateneo

 
Molestie su minorenni, polizia arresta 51enne

Molestie su ragazzine, polizia arresta 51enne VIDEO

 

LAGAZZETTA.TV

Mondo TV
Il vulcano e le 'fiamme blu'

Il vulcano e le 'fiamme blu'

 
Economia TV
Eurispes: da lavoro sommerso 300 mld annui'anno

Eurispes: da lavoro sommerso 300 mld annui'anno

 
Notiziari TV
Ansatg delle ore 15

Ansatg delle ore 15

 
Italia TV
Giornalista ANSA: "Tir sui binari centrato dal treno"

Giornalista ANSA: "Tir sui binari centrato dal treno"

 
Spettacolo TV
I sogni che nascono in Armenia

I sogni che nascono in Armenia

 
Meteo TV
Previsioni meteo per venerdi', 25 maggio 2018

Previsioni meteo per venerdi', 25 maggio 2018

 
Calcio TV
Finito incontro, Ancelotti lascia sede Filmauro

Finito incontro, Ancelotti lascia sede Filmauro

 
Sport TV
Nadal a Roma, Re per l'8/a volta

Nadal a Roma, Re per l'8/a volta