Cerca

Doping mortale

Culturista morto a Foggia
arrestato titolare palestra

Doping, culturista morto a Foggia«Si iniettò farmaco nella gamba»

FOGGIA - E’ Claudio Imperio, di 49 anni, ex campione mondiale di body building over 40, l’uomo arrestato ieri a Foggia da polizia e Guardia di finanza per commercio illegale di sostanze dopanti. L’arresto è avvenuto nell’ambito dell’inchiesta sulla morte, avvenuta lo scorso 17 aprile, del culturista Gianni Racano, di 30 anni. L’uomo morì nell’ospedale San Paolo di Bari dopo il trasferimento dagli Ospedali Riuniti di Foggia. Imperio è preparatore atletico presso la palestra che gestisce a Foggia.

Gli investigatori - a quanto è dato sapere - hanno compiuto perquisizioni in un locale nella disponibilità di Imperio ed hanno constatato che, recentemente, vi era stata una cospicua assunzione di farmaci dopanti dei quali si trovavano numerose fiale e siringhe con residui liquidi di farmaci nonché fazzoletti intrisi di sangue.

Inoltre, sono state sequestrate numerose scatole contenenti farmaci dopanti risultati di dubbia provenienza e alcuni scritti sui quali era attestata la compravendita dei farmaci ad altri atleti. Le sostanze sequestrate riportano indicazioni in lingua straniera e non riportano il contrassegno del Ministero della Salute, per questo si ritiene che la loro commercializzazione non sia avvenuta attraverso i canali convenzionali.

«Al momento, sebbene non lo possiamo escludere, non abbiamo elementi che riconducano la morte di Gianni Racano a Claudio Imperio». A dichiararlo è il dirigente della squadra mobile della questura di Foggia, Roberto Giuseppe Pititto. «Siamo stati costretti a monitorare tutto ciò che attiene al mondo del body building e delle palestre - ha aggiunto - istruttori atleti, aziende farmaceutiche, finanche le farmacie perché gli anabolizzanti sono prodotti che vengono venduti anche per altre particolari patologie».

«Purtroppo - ha proseguito Pititto - non abbiamo avuto una grande collaborazione da parte dei soggetti gravitanti in questo mondo, con una certa difficoltà abbiamo individuato Imperio. Non ha precedenti, è titolare nonché istruttore di una palestra a Foggia in Via Fuiani, è stato anche campione mondiale di body building over 40, e quindi pienamente inserito nel circuito. Imperio è stato tratto in arresto con l’accusa di commercio illegale di prodotti anabolizzanti».

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400