Lunedì 25 Giugno 2018 | 06:37

la città che cambia Sarà domenica e 1° maggio ma i negozi apriranno

la festa dei lavoratori I commessi: «Festivi cancellati. Ogni giorno a disposizione dei clienti»

la città che cambia Sarà domenica e 1° maggio ma i negozi apriranno

di Antonella Fanizzi

«Mi scusi, domenica il negozio è aperto?». La commessa si stringe nelle spalle e senza il consueto sorriso di cortesia risponde: «Saremo a vostra disposizione, come sempre, a orario continuato». Non tutti i punti vendita del Murattiano avranno la necessità di pubblicizzare con una locandina l’apertura straordinaria. Domenica non solo è un giorno festivo, ma è anche il 1° maggio. Eppure, in occasione della festa dei lavoratori, in tanti saranno al loro posto. Perché? A rispondere è una collaboratrice di uno store di giocattoli: «La gente dà per scontato che i negozi siano aperti. È accaduto già il 25 aprile. Chi si trova davanti a una saracinesca abbassata si indigna, salvo poi non spendere un centesimo».A differenza di quattro anni fa, quando soltanto la grande distribuzione decise di marciare controcorrente, questa volta a tenere accese le luci nella giornata nata per ricordare le battaglie operaie, in particolare quella per il diritto alle otto ore al giorno, saranno i centri commerciali, ad eccezione della Mongolfiera del gruppo Coop Estense e di Ikea, i negozi di via Sparano e, a macchia di leopardo, i supermercati, le salumerie, i panifici, le macellerie, le pescherie, i fruttivendoli dei vari quartieri. Sul diritto al riposo, sia per i titolari sia per i dipendenti, prevale l’aspetto commerciale, la necessità di far quadrare i conti e di non scontentare i consumatori.

Del resto la liberalizzazione delle vendite ha sdoganato perfino Natale e Pasqua, seppur per mezza giornata.

Gli scontrini battuti saranno pochi? I costi di gestione saranno maggiori dei ricavi? Poco importa. Nessuno rinuncia alle aperture festive. I titolari si trincerano dietro quello che ormai è diventato un ritornello: «La nostra azienda da sempre mette il cliente al centro dell’attenzione e l’apertura festiva è uno dei tanti servizi offerti e apprezzati. La mancanza di tempo è diventato il maggior alleato della stagnazione dei consumi. Per questo il cliente può contare sull’apertura 7 giorni su 7 e può organizzarsi al meglio».

Qualche centro commerciale ha nuovamente promosso momenti di intrattenimento, arricchiti con musica e cabaret.

La voce fuori dal coro è quella di Benny Campobasso, presidente provinciale di Confesercenti. Commenta: «Il decreto Salva Italia di Monti del gennaio 2012 ha liberalizzato il mercato e ha fatto cadere ogni confine. La nostra organizzazione ritiene però che si tratti di una scelta sbagliata. Vorremmo che la materia tornasse di competenza delle Regioni, enti deputati alla programmazione territoriale, in grado di tutelare le tipicità».

Campobasso rammenta: «La Confesercenti in passato ha condotto una battaglia contro le aperture selvagge. Insieme alla Cei, la Conferenza episcopale italiana, abbiamo lanciato l’iniziativa “La domenica non si tocca” e promosso una raccolte di firme a sostegno delle chiusure nei giorni festivi. C’è da dire comunque che la grande distribuzione storicamente punta sul periodo compreso fra maggio e settembre per ottimizzare i ricavi, approfittando della fragilità in estate degli esercizi a conduzione familiare. La concorrenza si è fatta spietata. Anche chi avrebbe convenienza a non lavorare non può incrociare le braccia se il vicino è una multinazionale che dispone di un gran numero di collaboratori ai quali può garantire turni di lavoro e di ferie. I piccoli sono in sofferenza».

Conclude: «Il sistema è fuori controllo e non c’è rispetto per il lavoro. Chi vorrebbe chiudere nei giorni rossi del calendario ha il timore di perdere clientela. Ci si marca a vicenda. Il danno non si misura esclusivamente in termini di fatturato, conta pure il danno di immagine».

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • Rodolfo Covitti

    Rodolfo Covitti

    22 Aprile 2017 - 22:10

    Di sinistra da una vita, ma se il movimento 5Stelle, promette e si impegna ad abolire l'apertura dei negozi e supermercati la domenica e nei giorni festivi, IO VOTO 5STELLE

    Rispondi

ALTRI ARTICOLI DALLA SEZIONE

I sindaci negli undici Comuni pugliesi

 
Puglia, alle urne in 11 città Tutto quello che c’è da sapere

Rossi è il nuovo sindaco di Brindisi
Melodia vince la sfida di Altamura
I sindaci degli 11 Comuni pugliesi

 
Rogo nell'area ex Ansaldo, fiamme spente da pompieri e uomini Aeronautica

Rogo nell'area ex Ansaldo, fiamme spente da pompieri e uomini dell'Aeronautica

 
Incontro col Papa a Bari, «droni» e maxischermi»

Papa a Bari, droni e maxischermi. Pass in Curia e nelle parrocchie

 
Lezzi: «Su vaccini e rom Salvini sbaglia. Nessun appoggio a Emiliano»

Lezzi: «Su vaccini e rom Salvini sbaglia. Nessun appoggio a Emiliano»

 
Di Liddo e Semeraro oro ai Giochi del Mediterraneo

Di Liddo e Acerenza d'argento
ai Giochi del Mediterraneo
E c'è il bronzo di Palmitessa

 
Morto ex parlamentare e ex questore Francesco Forleo

Morto ex parlamentare e ex questore Francesco Forleo

 
Inaugurato il diretto Bari-Mosca della S7 Airlines

Inaugurato il diretto Bari-Mosca della S7 Airlines

 

MEDIAGALLERY

Scudetto alla Pink Bari Primavera, è festa grande a Firenze

Scudetto alla Pink Bari Primavera, è festa grande a Firenze

 
Impresa della Pink Bari Primavera battuta la Juve 4-3 all'ultimo respiro

Scudetto alla Pink Bari Primavera
battuta la Juve 4-3 all'ultimo respiro

 
Apricena, una discarica abusiva in pieno parco

Apricena, trovata una discarica abusiva in pieno parco

 
Il vincitore di Sanremo Ermal Meta canta in barese

Il vincitore di Sanremo Ermal Meta canta in barese

 
Confiscati beni per 30 mln fatti con un sequestro degli anni '80

Confiscati beni per 30 mln fatti con un sequestro degli anni '80

 
Lecce da «barocca» a «impacchettata»: in restauro due simboli della città, invisibili ai turisti

Lecce da «barocca» a «impacchettata»: in restauro due simboli della città

 
La rapina all'Auchan di Taranto ripresa col telefonino

La rapina all'Auchan di Taranto ripresa col telefonino

 
Rapina all'Auchan di Taranto, panico tra la gente

Rapina all'Auchan di Taranto, arrestati un 18enne e un 16enne incensurati Vd

 
Carlo Dragonetti, pugliese che diventa star del web in Cina

Carlo Dragonetti, pugliese che diventa star del web in Cina

 
Incidente sulla tangenziale sud di Bari: due feriti

Incidente sulla tangenziale sud di Bari: due feriti

 
Mondiali robotica, dal Canada l'esibizione dei maghetti della Tommaso Fiore

Mondiali robotica, dal Canada l'esibizione dei maghetti della Tommaso Fiore

 

LAGAZZETTA.TV

Notiziari TV
Ansatg delle ore 19

Ansatg delle ore 19

 
Italia TV
Topi tra i cassonetti al centro di Roma

Topi tra i cassonetti al centro di Roma

 
Mondo TV
Saudite al volante: finalmente indipendenti

Saudite al volante: finalmente indipendenti

 
Economia TV
In aziende appena 5% donne al top stipendi

In aziende appena 5% donne al top stipendi

 
Calcio TV
Baresi e Albertini al memorial Freti

Baresi e Albertini al memorial Freti

 
Spettacolo TV
Fuga dall'isola del Diavolo

Fuga dall'isola del Diavolo

 
Meteo TV
Previsioni meteo per domenica, 24 giugno 2018

Previsioni meteo per domenica, 24 giugno 2018

 
Sport TV
Tortu batte Mennea

Tortu batte Mennea