Cerca

Giovedì 19 Aprile 2018 | 15:47

volontariato

«Non sono un'ostetrica
ma ho visto tanti rinascere»

Ylenia si è tuffata nel mondo del volontariato due anni fa e non ci ha pensato due volte ad aiutare come poteva uomini, donne e bambini che giungevano a Taranto con il loro carico di disperazione

Ylenia, volontaria

di MONICA ARCADIO

TARANTO - Ylenia ha un sorriso contagioso. Ylenia non ha ancora 22 anni, li compirà a luglio, e della sua attività di volontariato ne ha fatto una missione di vita. Anzi, no: la sua missione di vita. Perché basta guardarla in quei grandi occhi verdi per capire che è felice di quello che dona agli altri da due anni a questa parte, di quello che regalato e regala da allora alle migliaia di profughi arrivati a Taranto. È bella Ylenia, di quella bellezza che le viene dall’animo, dalla sua semplicità perché lei rappresenta il volontariato inteso nel suo senso più profondo e più autentico del termine, aldilà di qualsiasi tornaconto personale e privo di tutti quegli interessi che purtroppo girano anche attorno al mondo dell’accoglienza. Perché accoglienza non sempre è sinonimo di solidarietà.
Ylenia si è tuffata nel mondo del volontariato due anni fa coinvolta dalla parrocchia della Sacra Famiglia. È cominciato tutto quasi per caso e non ci ha pensato due volte ad aiutare come poteva uomini, donne e bambini che giungevano a Taranto con il loro carico di disperazione. Era giovane, inesperta. Neppure sapeva parlare l’inglese e nei primi momenti della disordinata accoglienza nella struttura del Palaricciardi aveva anche paura. Non ha mollato però. Mai. Ha visto negli occhi di quei bambini, e soprattutto negli occhi della piccola Stella, la speranza. La speranza di quella gente di essere riuscita a fuggire dalla povertà e dalla guerra. Questo l’ha spinta a cominciare e a non smettere mai. Oggi tutti la conoscono. È sempre presente. Anche a discapito della sua vita privata.

Ylenia si dedica anima e corpo all’associazione della famiglia di Ohana, così l’hanno chiamata lei e i quattro amici con cui ha intrapreso questa avventura. Oggi parla correntemente l’inglese e il francese e anche un po’ di arabo. Questa piccola grande donna avrebbe voluto fare l’ostetrica, ma non poteva permetterselo. «La povertà l’ho toccata con mano - racconta alla “Gazzetta” - perché per un periodo i miei genitori non hanno lavorato». È cresciuta al quartiere Salinella dove pure non tutto è stato facile. Eppure Ylenia sorride sempre. «Non sono riuscita a fare l’ostetrica ma il Signore mi ha permesso di vedere rinascere tante vite».

Vive tante storie diverse e drammatiche Ylenia e proprio da quelle ha imparato che la felicità è fatta di piccole cose. «I ragazzi ridono e ballano sempre - racconta - perché sono felici di vivere». In questi giorni comincerà un laboratorio teatrale nella sede Caritas della Concattedrale che ospita la famiglia di Ohana e chiunque lo desideri potrà offrire il suo contributo. Non è il denaro ciò che interessa, ma la partecipazione di quanti credono davvero nell’integrazione. Ad accogliere basta poco, il problema è proprio l’integrazione. Ed è su questa che punta Ylenia. «La mia attività di volontariato - dice - è arrivata in un momento della vita in cui avevo bisogno di scontrarmi con i miei limiti. Mi sentivo insoddisfatta». E tra quei profughi ha trovato anche un altro fratello minore, Yancuba, giunto dal Gambia e fuggito da un contesto familiare difficile. Con lui è nata subito una particolare sintonia. «Sono convinto - le ha detto un giorno lui - che il mio Dio e il tuo volevano che ci incontrassimo». Chi lo ha detto che c’è una guerra tra cristiani e musulmani?

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

ALTRI ARTICOLI DALLA SEZIONE

Convalidato sequestrovasche Itrec Rotondella

Convalidato sequestro
vasche Itrec Rotondella

 
Minaccia moglie, lei lo denunciaCarabinieri scoprono armi

Minaccia moglie, lei lo denuncia
Carabinieri scoprono armi

 
Marozzi, dopo l'accordoprimi licenziamenti via sms

Marozzi, dopo l'accordo
primi licenziamenti via sms

 
«Ilva, i contratti con Mittalsono coperti dal segreto»

«Ilva, i contratti con Mittal
sono coperti dal segreto»

 
Bari, mafia della città vecchia21 arresti nel clan Capriati

Mafia, 17 arresti tra i Capriati a Bari:
«Le mani su una società del Porto
e il pizzo per la festa di San Nicola»

 
Bari, D'addario sotto processoper le botte alle Montereale

Bari, D'addario sotto processo
per le botte alle Montereale

 
Bari, mazzetta da 3mila euroPoliclinico: atto vergognoso

Bari, mazzetta da 3mila euro
Policlinico: atto vergognoso

 
Il Papa torna in Pugliain onore di don Tonino

Il Papa torna in Puglia
in onore di don Tonino

 

MEDIAGALLERY

Bradanica, dopo 50 anniaperti i primi 8 chilometri

Bradanica, dopo 50 anni
aperti i primi 8 chilometri

 
Blitz notturno nella città vecchia: 21 arresti

Blitz notturno nella città vecchia: 21 arresti

 
Tentata estorsione, fermati  avvocato e maresciallo Gdf

Tentata estorsione, fermati
avvocato e maresciallo Gdf

 
Tre arresti nel Foggianoper una serie di rapine e furti

Tre arresti nel Foggiano
per una serie di rapine e furti

 
Rapina ed estorsione ad Andria arrestati minori di 16 e 17 anni

Rapina ed estorsione ad Andria, arrestati minori di 16 e 17 anni

 
Barletta, in giro uomo armato di pistola

Barletta, in giro uomo armato di pistola

 
Bari, incendio in palazzina nel quartiere Poggiofranco

Bari, incendio in palazzina nel quartiere Poggiofranco

 

LAGAZZETTA.TV

Mondo TV
Stretta Fb su privacy, c'e' parental control

Stretta Fb su privacy, c'e' parental control

 
Notiziari TV
Ansatg delle ore 15

Ansatg delle ore 15

 
Economia TV
Portabilita' Rc auto per coppie di fatto

Portabilita' Rc auto per coppie di fatto

 
Calcio TV
E Simy fa Ronaldo

E Simy fa Ronaldo

 
Meteo TV
Previsioni meteo per giovedi', 19 aprile 2018

Previsioni meteo per giovedi', 19 aprile 2018

 
Italia TV
Colpo alla rete di Messina Denaro

Colpo alla rete di Messina Denaro

 
Spettacolo TV
Il narcos piu' famoso

Il narcos piu' famoso