Martedì 17 Luglio 2018 | 19:34

volontariato

«Non sono un'ostetrica
ma ho visto tanti rinascere»

Ylenia si è tuffata nel mondo del volontariato due anni fa e non ci ha pensato due volte ad aiutare come poteva uomini, donne e bambini che giungevano a Taranto con il loro carico di disperazione

Ylenia, volontaria

di MONICA ARCADIO

TARANTO - Ylenia ha un sorriso contagioso. Ylenia non ha ancora 22 anni, li compirà a luglio, e della sua attività di volontariato ne ha fatto una missione di vita. Anzi, no: la sua missione di vita. Perché basta guardarla in quei grandi occhi verdi per capire che è felice di quello che dona agli altri da due anni a questa parte, di quello che regalato e regala da allora alle migliaia di profughi arrivati a Taranto. È bella Ylenia, di quella bellezza che le viene dall’animo, dalla sua semplicità perché lei rappresenta il volontariato inteso nel suo senso più profondo e più autentico del termine, aldilà di qualsiasi tornaconto personale e privo di tutti quegli interessi che purtroppo girano anche attorno al mondo dell’accoglienza. Perché accoglienza non sempre è sinonimo di solidarietà.
Ylenia si è tuffata nel mondo del volontariato due anni fa coinvolta dalla parrocchia della Sacra Famiglia. È cominciato tutto quasi per caso e non ci ha pensato due volte ad aiutare come poteva uomini, donne e bambini che giungevano a Taranto con il loro carico di disperazione. Era giovane, inesperta. Neppure sapeva parlare l’inglese e nei primi momenti della disordinata accoglienza nella struttura del Palaricciardi aveva anche paura. Non ha mollato però. Mai. Ha visto negli occhi di quei bambini, e soprattutto negli occhi della piccola Stella, la speranza. La speranza di quella gente di essere riuscita a fuggire dalla povertà e dalla guerra. Questo l’ha spinta a cominciare e a non smettere mai. Oggi tutti la conoscono. È sempre presente. Anche a discapito della sua vita privata.

Ylenia si dedica anima e corpo all’associazione della famiglia di Ohana, così l’hanno chiamata lei e i quattro amici con cui ha intrapreso questa avventura. Oggi parla correntemente l’inglese e il francese e anche un po’ di arabo. Questa piccola grande donna avrebbe voluto fare l’ostetrica, ma non poteva permetterselo. «La povertà l’ho toccata con mano - racconta alla “Gazzetta” - perché per un periodo i miei genitori non hanno lavorato». È cresciuta al quartiere Salinella dove pure non tutto è stato facile. Eppure Ylenia sorride sempre. «Non sono riuscita a fare l’ostetrica ma il Signore mi ha permesso di vedere rinascere tante vite».

Vive tante storie diverse e drammatiche Ylenia e proprio da quelle ha imparato che la felicità è fatta di piccole cose. «I ragazzi ridono e ballano sempre - racconta - perché sono felici di vivere». In questi giorni comincerà un laboratorio teatrale nella sede Caritas della Concattedrale che ospita la famiglia di Ohana e chiunque lo desideri potrà offrire il suo contributo. Non è il denaro ciò che interessa, ma la partecipazione di quanti credono davvero nell’integrazione. Ad accogliere basta poco, il problema è proprio l’integrazione. Ed è su questa che punta Ylenia. «La mia attività di volontariato - dice - è arrivata in un momento della vita in cui avevo bisogno di scontrarmi con i miei limiti. Mi sentivo insoddisfatta». E tra quei profughi ha trovato anche un altro fratello minore, Yancuba, giunto dal Gambia e fuggito da un contesto familiare difficile. Con lui è nata subito una particolare sintonia. «Sono convinto - le ha detto un giorno lui - che il mio Dio e il tuo volevano che ci incontrassimo». Chi lo ha detto che c’è una guerra tra cristiani e musulmani?

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

ALTRI ARTICOLI DALLA SEZIONE

Presentata a Bari 20/ma edizione festa cipolla di Acquaviva

Presentata a Bari 20/ma edizione festa cipolla di Acquaviva

 
Sanità lucana, Pittella al RiesameAsl Bari, Emiliano: verso nuovo dg

Sanità lucana, Pittella al Riesame
Asl Bari, Emiliano: verso nuovo dg

 
Parroco si tuffa in mare ad Ostuni e muore annegato

Parroco si tuffa in mare
ad Ostuni e muore annegato

 
Sequestro cozze prelevate da zona vietata a Taranto

Sequestro cozze prelevate
da zona vietata a Taranto

 
Sanità, nomine dg Asl PugliaEmiliano: no pressioni politica

Sanità, nomine dg Asl Puglia
Emiliano: no pressioni politica

 
Inchiesta sanità, ex presidentePittella (Pd) resta ai domiciliari

Inchiesta sanità, ex presidente
Pittella (Pd) resta ai domiciliari

 
Costa: serve salto qualità ambientaleEmiliano: Di Maio soluzione migliore

Costa: serve salto qualità ambientale
Emiliano: Di Maio soluzione migliore

 

GDM.TV

Commento fallimento Baricalcio di Fabrizio Nitti

Nitti (Gazzetta): «Troppo tardi. Evidenti colpe di chi ha gestito»

 
La sciarpata, l'inno, l'emozioneSulle note si «insegue un sogno»

La sciarpata, l'inno, l'emozione. Sulle note si «insegue un sogno»

 
Brindisi, più di 260 chili di droga nascosti in un gommone: arrestato 26enne

Brindisi, più di 260 chili di droga nascosti in un gommone: arrestato 26enne (Vd)

 
I pugliesi lo fanno meglio: ecco Roberta e il suo 'U Taràll

Roberta, 2 lauree e un sogno da giornalista: torna a Bari da Londra per fare i taralli

 
Bari, francesi cantano Marsigliese per festeggiare Coppa del Mondo

Bari, francesi cantano Marsigliese per festeggiare Coppa del Mondo Vd

 
Pio e Amedeo, l'incursione nello stadio dei Leeds: Presidente, giochiamo col Foggia?

Pio e Amedeo, l'incursione nello stadio dei Leeds: Presidente, giochiamo col Foggia?

 
Di Maio a Matera: «Via Pittella, non si gioca con la sanità»

Di Maio a Matera: «Via Pittella, non si gioca con la sanità»

 
Auto contro scooter sulla ss100: morto un 62enne

Auto contro scooter sulla ss100: morto un 62enne

 

PHOTONEWS