Mercoledì 15 Agosto 2018 | 01:20

Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno

taranto

Ilva, Riesame: domiciliari
a Fabio Riva, massimo un anno

E' questo il termine, ritenuto «congruo», fissato dal Tribunale del riesame di Taranto che ha depositato le motivazioni del provvedimento di sostituzione della misura cautelare

Fabio Riva tratto in arresto

TARANTO - La misura degli arresti domiciliari concessa il 29 marzo scorso all’ex vicepresidente di Riva Fire, Fabio Riva, coinvolto nell’inchiesta sull'Ilva chiamata 'Ambiente svenduto, durerà al massimo dodici mesi. E' questo il termine, ritenuto «congruo», fissato dal Tribunale del riesame di Taranto (presidente Morelli, relatore Ruberto, a latere De Cristofaro), che ha depositato le motivazioni del provvedimento di sostituzione della misura cautelare.

«Trattandosi di esigenza istruttoria - dice l’avv. Luca Perrone, che aveva discusso il ricorso con il collega Nicola Marseglia - per legge il tribunale ha dovuto fissare un termine che i giudici hanno stabilito in un anno». Fabio Riva è detenuto dal 5 giugno dell’anno scorso (prima a Taranto, poi da gennaio al carcere Opera di Milano) nell’ambito dell’inchiesta «Ambiente svenduto».

L’industriale milanese è accusato di associazione per delinquere finalizzata al disastro ambientale, all’avvelenamento di sostanze alimentari, alla omissione dolosa di cautele suoi luoghi di lavoro, alla corruzione, al falso e all’abuso d’ufficio. La nuova udienza al tribunale del Riesame si è svolta dopo che la Corte di Cassazione aveva annullato con rinvio la decisione di un altro collegio che confermava l’ordinanza con la quale il gup Vilma Gilli l’estate scorsa negò la scarcerazione.

I legali avevano sostenuto che, essendo mutato il quadro di riferimento della gestione Ilva (da tre anni guidata da commissari di governo), non sussistono esigenze di natura cautelare quanto meno rispetto al pericolo di reiterazione del reato. Ed anche la Suprema Corte aveva ritenuto insufficienti le argomentazioni in relazione al pericolo di recidiva. Fabio Riva (tra i 47 rinviati a giudizio) lo scorso mese è stato sottoposto a un intervento chirurgico e deve effettuare periodicamente trattamenti terapeutici. 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

ALTRI ARTICOLI DALLA SEZIONE

ponte crollato genova

«Ero a 100 metri dal ponte che si sbriciolava, io sono un miracolato»

 
ponte Morandi

Il ponte prima e dopo il crollo
Reazioni e cordoglio sui social

 
Bar, allarme alga tossica: Ferragosto da bollino rosso da Santo Spirito a San Giorgio

Bari, allarme alga tossica: Ferragosto da bollino rosso da Santo Spirito a San Giorgio

 
Palagiustizia di Bari: Bonafede revoca l'ok alla sede di Via Oberdan

Palagiustizia Bari: Bonafede revoca sede di Via Oberdan. I penalisti: meglio tardi che mai

 
Crollo ponte a Genova: Conte rinvia la visita a Volturara

Crollo ponte a Genova: Conte rinvia la visita a Volturara

 
Il Bari sempre più vicino alla Dadesso è corsa contro il tempo

Il Bari sempre più vicino alla D
adesso è corsa contro il tempo

 
Il Sud e il futuro del centrodestra:i temi roventi di Everest 2018

Il Sud e il futuro del centrodestra: i temi roventi di Everest 2018

 
Romano: «Gruppo Leu in Regione?Per ora è un'ipotesi letteraria»

Romano: «Gruppo Leu in Regione? Per ora è un'ipotesi letteraria»

 

GDM.TV

Bari, «scompare» l'aereo rumeno: a rischio le vacanze in Grecia

Bari, sparisce il jet rumeno: addio alle ferie in Grecia

 
Ponte crollato a Genova, le immagini dall'alto

Ponte crollato a Genova, le immagini dall'alto

 
«Oh mio Dio», il terrore in diretta

«Oh mio Dio», il terrore in diretta dei testimoni

 
Genova, apocalisse sull'autostrada: crolla un ponte, giù oltre 100 metri. Auto e persone sotto le macerie

Genova, apocalisse sull'autostrada: crolla un ponte, 35 morti e 16 feriti. Quattro estratti vivi
«Oh, mio Dio!»: terrore in diretta | Video dall'alto

 
Commemorazione fratelli Luciani, il video

Mafia, a un anno dalla tragedia la cerimonia a San Marco in Lamis

 
Brindisi, l'aereo-forno di RyanairMalori a bordo. «Bloccati sulla pista»

Brindisi, l'aereo-forno di Ryanair
Malori a bordo. «Bloccati sulla pista»

 
Prof. Gesualdo: «Primo trapianto al mondo a partire da donatore cadavere»

Trapianto di rene a catena a Bari. Gesualdo: «Ecco il primo caso al mondo»

 
La masseria che faceva affari con 2mila piante droga a Lecce

La masseria che faceva affari con 2mila piante droga a Lecce

 

PHOTONEWS