Cerca

Mercoledì 22 Novembre 2017 | 08:34

Ecco il baratto amministrativo per chi non riesce a pagare le tasse

Ecco il baratto amministrativo per chi non riesce a pagare le tasse

La giunta comunale ha ratificato il regolamento del baratto amministrativo, l’istituto attraverso cui, in alternativa al pagamento delle tasse, si concede a quanti siano in condizioni di disagio economico accertato, di offrire all’amministrazione comunale una propria prestazione di pubblica utilità. La sperimentazione, introdotta su proposta dell’assessore al Bilancio Dora Savino, ha l’obiettivo di «conciliare l’obbligo del pagamento con le disponibilità economiche del nucleo familiare, quale ulteriore strumento di politica sociale in favore delle fasce deboli della popolazione, tutelando il diritto della famiglia a preservare le risorse per i bisogni primari e garantendo contestualmente il rispetto delle regole nel pagamento dei tributi».

Gli interventi ammessi in alternativa al pagamento delle tasse possono riguardare la pulizia, la manutenzione, l’abbellimento di aree verdi, piazze e strade o lavori di decoro urbano, di recupero e riuso, con finalità di interesse generale, di aree e beni immobili inutilizzati. Potranno usufruire del baratto amministrativo i cittadini maggiorenni, singolarmente o associati in comunità stabili e giuridicamente riconosciute, titolari di una propria distinta posizione tributaria per un importo annuale non inferiore a 300 euro, che abbiano un indicatore ISEE non superiore a 20.000 euro.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • rossini

    05 Aprile 2016 - 18:06

    Mi sembra un'idea per così dire ... beh, faccio a meno di usare l'aggettivo che vorrei. In ogni caso diceva mia nonna: tre sono i potenti: il Papa, il Re e chi non tiene niente. E voi credete che "chi non tiene niente" vada a lavorare gratis per la bella faccia dell'assessore Savino o del sindaco De Caro? Fateci sapere in quanto ti aderiranno a questa geniale iniziativa.

    Rispondi

  • Volontario

    05 Aprile 2016 - 13:01

    La solita buffonata del politicante. Come è possibile che si aumentino le tariffe da una parte e dall'altra si introducano dei paliativi? Fra l'altro nessuno osa dire che l'aumento della TARI è quanto di più incostituzionale ci sia. Infatti la giustificazione è che si è ridotta la platea dei contribuenti. Cioè a dire devo spalmare su meno persone gli stessi soldi che spendevo prima!

    Rispondi

Altri articoli dalla sezione