Cerca

monteparano

Ulivi secolari tagliati
per farne legna da ardere

Amara sorpresa, unita a rabbia per un agricoltore che ha fatto questa scoperta nel suo podere

ulivo tagliato

di FULVIO COLUCCI

MONTEPARANO - Quattro alberi di ulivo secolari “tagliati”. E’ l’amara sorpresa, unita a rabbia per un agricoltore di Monteparano che ha fatto questa scoperta nel suo podere ubicato in contrada “Li Marini”.
Dei rigogliosi alberi secolari che c’erano una volta, nessuna traccia poiché sono rimasti quattro “monconi”. Un’ulteriore dimostrazione dell’inciviltà e del menefreghismo dei nostri tempi, di alcune persone che risulta difficile definire tali, visto dove sono capaci di arrivare. Della vicenda, cui è stato investito naturalmente il Corpo Forestale dello Stato, si è interessato anche l’ecologista Mimmo Carrieri, responsabile settore Ambiente ed ecologia Associazione Cpa sezione provinciale di Sava, prontamente avvertito di questo nuovo caso di danno ambientale.

«Anche se dalle indagini si dovesse risalire agli autori, qualsiasi condanna nei confronti di questi ignoti individui non sarebbe mai sufficiente a compensare il danno subito, per l’agricoltore non è solo una questione di carattere finanziario ma soprattutto affettiva. Certe azioni - ha precisato l’ecologista Mimmo Carrieri - non trovano alcuna giustificazione. Manca il lavoro, c’è crisi e le famiglie non sanno come fare a mettere il piatto in tavola ma, non si può tagliare un albero di ulivo secolare per poi venderlo come “legna da ardere” soltanto perché questa è una legna che sul mercato ha un costo abbastanza alto. Non è il primo caso che si verifica, altri “ulivi cultori” in altri terreni e in altri luoghi della provincia hanno subito gli stessi attentati e ciò lascia supporre che possa esserci una richiesta di mercato di questa tipologia di legna. Qualcuno ha detto che gli alberi sono l’estremo sforzo della terra per parlare al cielo, e gli alberi di ulivo in particolare non solo “parlano al cielo”, ma per noi e il nostro territorio rappresentano un patrimonio ambientale, storico, culturale e paesaggistico di inestimabile valore che va tutelato e posto sotto una più attenta osservazione. Come se non bastasse la Xylella, ora bisogna guardarsi anche dai tagliatori di alberi di ulivo».
I sacrifici di alcune persone e il lavoro che svolgono nei propri poderi vengono vanificati da questi atti ignobili e meschini di segare gli alberi di ulivo.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400