Cerca

Tra Frigole e Torre Chianca

Cadavere di una donna
ripescato nel Salento

Età apparente tra 50 e 60 anni. Il corpo parzialmente ricoperto da alghe per la permanenza in mare alcuni giorni

Cadavere di una donnaripescato nel Salento

FRIGOLE (Lecce) - Mistero nel giorno di Pasquetta. Il corpo di una donna è stato ritrovato cadavere sulla spiaggia salentina, in provincia di Lecce, tra le marine di Frigole e Torre Chianca in località «Case Simini». Ed è giallo sull’identità e sulle cause della morte. La donna, infatti, non aveva alcun documento con sè. La macabra scoperta è avvenuta nella mattinata di ieri. L’allarme è stato lanciato poco dopo le 11 da alcuni passanti. Sul posto sono arrivati gli agenti della Polizia di Stato del reparto volanti, i colleghi della squadra mobile e gli specialisti della polizia scientifica. Subito dopo è arrivato anche il medico legale Ermenegildo Colosimo che ha eseguito una prima ispezione sul cadavere.
Il corpo si è presentato semicoperto dalle alghe, adagiato sulla battigia con il volto sfigurato. Secondo le prime veridiche, la donna sarebbe rimasta in acqua tra i 7 e i 15 giorni. La vittima, di età compresa tra i 50 e i 60 anni, è di carnagione bruna, probabilmente italiana. Aveva ancora i vestiti addosso. Una lunga veste bianca ricopriva il corpo. Sotto, gli indumenti intimi. Un paio di scarpe da tennis e dei calzini ai piedi.
La salma è stata trasferita nella camera mortuaria dell’ospedale «Vito Fazzi» di Lecce dove, nelle prossime ore, è stato disposto che venga eseguita l’autopsia. L’indagine, coordinata dal pubblico ministero Maria Rosaria Micucci, è affidata agli agenti della Squadra mobile. L’ipotesi più accreditata conduce gli investigatori a battere la pista del suicidio. Il medico legale non ha rilevato sul cadavere alcun segno di violenza. Si tende a escludere una morte violenta o la tragedia in mare durante uno sbarco.
Difficilmente chi decide di raggiungere le coste italiane su gommoni e imbarcazioni indossa oggetti di valore. Gli investigatori hanno attivato la macchina delle ricerche. Non sono emerse denunce di scomparsa nell’ultimo periodo in provincia di Lecce. E’ stato eseguito anche un monitoraggio nella banca dati delle persone scomparse sull’intero territorio nazionale. È persino probabile che la scomparsa della donna non sia stata ancora denunciata. E non si può neppure escludere che il corpo sia stato trascinato sulle coste leccesi dalle violente mareggiate dei giorni scorsi. Da dove e quando sono quesiti che restano ancora irrisolti.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400