Cerca

superstizioni lucane

Pasqua di Marzo
facciamo gli scongiuri

Nel mondo agro-silvo-pastorale l’esistenza era scandita dal calendario stagionale e la Resurrezione “prematura” era vista come simbolo negativo

pasqua

di SALVATORE LOVOI

NEMOLI - «Pasqua marzatica o morìa o famatica», può sembrare un controsenso ma a sentire “la vecchia” è proprio così. Se la Grande Domenica cade nel terzo mese dell’anno è sinonimo di sventura. Un paradosso se si considera che la festa è portatrice di vita nuova e rinascita. Ma l’antico adagio popolare non fa differenze tra le ricorrenze. Basandosi sull’esperienza, infatti, preannuncia morte e fame perché ci si trova nell’equinozio di primavera. Periodo in cui il sole è “crocifisso” in cielo e vi sono – secondo la tradizione - vari segni premonitori di sconvolgimenti non solo atmosferici.
D’altronde la conferma di una malannata è già insita nel carattere “bisesto e funesto” del 2016. Il cattivo tempo, le alluvioni, le frane, pare debbano diano ragione ai presagi infausti. La crisi economica e morale, il clima di incertezza, che regna per gli atti terroristici, poi, lo confermano.

Il proverbio, ancora presente mella memoria calabro-lucana, pugliesee campana, Umbria e Toscana, viene tramandato da diverse categorie sociali (contadini, allevatori e persino dai briganti del beneventano). A leggere a fondo “l’addivinazione” la Pasqua “bassa” anticipata, controtempo, non può che essere “friddusa” e misera. Una volta, col detto, si avvertiva la scarsità dei raccolti quindi carestia, epidemie e persino conflitti bellici (una situazione quanto mai attuale!).

Nel mondo agro-silvo-pastorale l’esistenza era scandita dal calendario stagionale e la Resurrezione “prematura” era vista come simbolo negativo. Questo perché la festa più importante della cristianità, costituiva il preludio all’avvio dei lavori nei campi e nei boschi e già si sentiva aria di transumanza. Il termine “marzatico” non è in sintonia con “Pasqua int’ a ‘na frasca” o di una Pasquetta all’aperto con gite fuori porta, e può avere risvolti anche sul turismo.
Da qui la necessità di esorcizzare il futuro con i falò propiziatori di S. Giuseppe e dell’Annunziata, per fecondare e rendere fertile la terra.

Altri segnali alle Palme che, se sono bagnate, assicurano “gregne” piene di grano. Beneagurante anche i riti arborei che sul Pollino, a Viggianello, partono la domenica dopo Pasqua. Di buon auspicio il “battesimo” in un arco di rovi, nel Marmo-Platano, a Baragiano e Pescopagano il Lunedì in Albis.
L’elemento vegetale caratterizza il passaggio al nuovo. Il consumo di erbe amare (rinviano all’Esodo biblico). Asparagi, luppolo, vitalba, borragine, insieme alle uova, in frittate e ciambelle come la “scarcedda” o “pecceddato” (il bokelaton greco) rappresentano il rinnovamento cosmico.
In sintesi la rivoluzione astrale non è mai indolore. La leggenda del pastore è sempre attuale visto che qualche meteorologo ha previsto, anzitempo, un colpo di coda dell’inverno in aprile. Quindi non ci resta che fare gli scongiuri!

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400