Cerca

street art

Millo e i murales
per la «sua» Mesagne

La Rigenerazione Urbana di via Sasso a Mesagne avrà un tocco d’autore in più con la street art del celebre artista mesagnese

murales street art Millo

un'opera di Millo

MESAGNE - Finalmente «Propheta in patria». Ieri mattina il Comune di Mesagne ha fatto sapere che «la Rigenerazione Urbana di via Sasso avrà un tocco d’autore in più con la street art del celebre artista mesagnese Millo. È stato deliberato dalla Giunta Comunale nella mattina di oggi - si spiegava -, un progetto che punta a trasformare in vere e proprie tele pittoriche alcuni prospetti degli edifici prospicienti la Rigenerazione Urbana di via Sasso, il parco nato sul suolo dell’ex campo sportivo». E la nota spiegava come si trattasse «di edifici nati come edilizia residenziale pubblica ma oggi privati e non sempre esteticamente tirati a nuovo. Il retro delle abitazioni - si aggiungeva - sarà affidata alla libera espressione artistica di un giovane mesagnese di riconosciuta fama mondiale che si occupa di street art: Francesco Giorgino Millo detto Millo dipingerà i cinque prospetti delle case che si affacciano su via Galileo Galilei e introdurrà questa dimensione metropolitana nella sua città natale, fiera di esaltarne l’eccellenza».

Dalla sua città natale si premuravano anche di stralciare la più recente recensione sull’opera di questo artista e quindi di presentarlo così: «Francesco Camillo Giorgino, ma tutti lo conoscono come Millo, classe 1979, è partito dalla città natale di Mesagne e negli anni si è fatto conoscere nella scena della street art. Vincitore del prestigioso "Premio Celeste", nel 2014 Millo ha vinto la B.Art competition, una gara tra streetarter che mette a disposizione del vincitore 13 muri nella città di Torino. Roma, Milano, Londra, Parigi e Rio de Janeiro sono solo alcune della città dove è possibile ammirare i suoi lavori - si spiegava -. Le opere si distinguono per un uso sapiente del bianco e nero attraverso intricate linee che incorporano elementi di architettura per creare delle storie che non lasciano indifferenti passanti ed estimatori».

Egli - come importantissima- avrà mano liberissima: «L’artista svilupperà un tema di sua totale iniziativa, non realizzando - per scelta professionale - bozzetti di alcun genere - diceva la nota del Comune -. La realizzazione dell’opera autorizzata con grande curiosità ed entusiasmo dai proprietari delle case vede l’attivazione di un processo di crowfunding, ovvero di raccolta fondi che aiuterà l’Amministrazione nella corresponsione del compenso richiesto dall’artista. Molte le richieste di adesioni a questo progetto del tutto innovativo vuole ridare decoro ad alcune facciate di case in stato di degrado in un complesso di case dove l’invasione dell’arte può generare solo bellezza e introdurre. L’opera costerà 10.000 euro oltre iva - si legge nella nota - e si prevede un costo di materiali pari a 2.000 euro e sarà realizzata nel mese di aprile. La raccolta fondi sarà resa trasparente a tutti i contribuenti volontari e alla cittadinanza dedicando un capitolo ad hoc».

Ora, dunque, spetta anche ai mesagnesi condividere il progetto. Non trattandosi di grosse cifre da condividere, il successo dovrebbe essere assicurato. E non dovrebbero esserci problemi, soprattutto se l’entusiasmo della gente sarà pari a quello dell’assessore Palma Librato, che ieri mattina ha dichiarato: «Più volte sono andata in cantiere e guardando quei prospetti sentivo il dolore che crea un pugno che arriva nello stomaco così abbiamo lanciato questa idea e datole forma. Nel ringraziare anticipatamente tutti coloro i quali vorranno contribuire economicamente al progetto sotto forma di sponsorizzazione, voglio trasmettere tutta la mia gioia ed il mio entusiasmo verso quei cittadini che si sono fatti trascinare nella bellezza, autorizzandoci ad “imbrattare con l’arte i loro muri”». Il progetto dell’assessorato ai Lavori Pubblici e all’Urbanistica «Bellezza 2.0» insomma arriva anche nelle periferie e Millo - basta guardare il suo sito internet www.millo.biz - di periferie, sì che s’intende.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400