Cerca

Corte d'assise: formula dubitativa

Brindisi, accusato di omicidio
con prova Dna viene assolto

Nicola Chirico, 46 anni di San Michele Salentino (Brindisi) imputato dell’omicidio di Cosimo Semeraro, detto «Mimmo Capellone»

Brindisi, accusato di omicidio con prova Dna viene assolto

BRINDISI - La Corte di Assise di Brindisi ha assolto con formula dubitativa Nicola Chirico, 46 anni di San Michele Salentino (Brindisi) imputato dell’omicidio di Cosimo Semeraro, detto «Mimmo Capellone» brutalmente assassinato nella notte dell’8 novembre 2007 nelle campagne di Ostuni (Brindisi). Il processo era interamente basato sulla prova del Dna. Il procuratore della Repubblica, Marco Dinapoli, aveva chiesto l'ergastolo.


La difesa di Chirico, sostenuta dagli avvocati Ladislao Massari, Salvatore Maggio e Paolo Barone, si era affidata allo stesso consulente che era stato impiegato dalla difesa nel processo per l’omicidio di Meredith Kercher. Erano stati avanzati dubbi tanto sulle modalità di prelievo del Dna e di campionamento, quanto sulla contaminazione del luogo del delitto che, secondo i legali, era diverso rispetto a quello in cui era stato compiuto l’omicidio. Chirico, detenuto nel carcere di Taranto, sarà scarcerato.

Era stato «incastrato» da una perizia dei Ris fatta in un’altra inchiesta a suo carico, su una violenta rapina compiuta a Brindisi.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400