Lunedì 23 Luglio 2018 | 11:33

potenza

Calcio, clan delle combine
10 persone sotto processo

Calcio, clan delle combine10 persone sotto processo

Il gup di Potenza, Amerigo Palma, ha rinviato a giudizio dieci persone - accusate a vario titolo di associazione per delinquere, associazione di tipo mafioso, truffa, usura, violenza e danneggiamento - nell’ambito dell’inchiesta della Procura su presunte scommesse e «combine" legate alle partite giocate dal Potenza Calcio in Lega Pro tra il 2007 e il 2009: la prima udienza si svolgerà il prossimo 10 giugno.
L’inchiesta, condotta dal pm di Potenza Francesco Basentini, portò nel 2009 all’arresto dell’allora presidente del Potenza Calcio, Giuseppe Postiglione, e di altre otto persone: alcuni degli indagati optarono per il rito abbreviato mentre per altri, dodici in totale, la Dda presentò un ricorso (accolto dalla Corte d’Appello) contro la sentenza del gup, Rosa Larocca, che li aveva rinviati a giudizio per associazione per delinquere, facendo così cadere quella più grave di associazione mafiosa.
Con la sentenza di oggi, quindi, ritorna l’ipotesi dell’associazione mafiosa per quattro degli indagati, e il concorso esterno in associazione mafiosa per un altro: per Paolo Spada e Giorgio Nobile (indagati per violazione sulla legge del 1989 sulle scommesse sportive) è invece scattata la prescrizione.
Secondo gli investigatori - le indagini sono iniziate nel 2007 - era stato realizzato un giro di scommesse, tra cui una partita di serie B e alcune di Prima divisione (in cui militava il Potenza Calcio, poi denominata Lega Pro), anche grazie al legame con un clan mafioso potentino. Postiglione, attivo in un gruppo editoriale, rilevò il Potenza in C2 (girone C) nel 2006, a 24 anni, conquistando il titolo di presidente più giovane d’Italia e, un anno dopo, una promozione in C1. Oltre a Postiglione sono stati rinviati a giudizio Aldo Fanizzi, Pasquale Giuzio, Luca Evangelisti, l’ex consigliere regionale della Basilicata Luigi Scaglione, attualmente con incarichi nel Centro democratico, Raffaele De Vita, Cesare Montesano, Ettore Todaro, Donato Lapolla e Antonio Di Pasquale.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

ALTRI ARTICOLI DALLA SEZIONE

«L’imperatore» si aggiudica il concorso «Giganti di Puglia»

«L’imperatore» si aggiudica
il concorso «Giganti di Puglia»

 
Auto si ribalta nel Baresemuore il conducente

Sangue sulle strade: due morti
in due distinti incidenti stradali

 
Rubava farmaci, arrestato ausiliario ospedale Brindisi

Rubava farmaci, arrestato
ausiliario ospedale Brindisi

 
Riforma 118 entro l’anno ma c’è il «nodo» addetti

Riforma 118 entro l’anno ma c’è il «nodo» addetti

 
Latiano, Villa Romatizza, quel benedell' Asl (che vale 7, 8 mln di euro)

Villa Romatizza, quel bene abbandonato
dell'Asl (che vale 7,8 mln di euro) Foto

 
Tap, Emiliano: presi in giro pugliesi che hanno votato M5s

Tap, Emiliano: presi in giro
pugliesi che hanno votato M5s

 
Grano ok, giù import dal Canada. Ma su angurie allarme speculazione

Grano ok, giù import dal Canada. Ma su angurie allarme speculazione

 
Foggia, a fuoco discarica sequestrataIl sindaco: tenere le finestre chiuse

Foggia, a fuoco discarica sequestrata. Il sindaco: tenete le finestre chiuse

 

GDM.TV

Bari, avvistato grosso topo a Pane e Pomodoro: tranquilli è una bufala

Bari, avvistato grosso topo a Pane e Pomodoro: tranquilli è una bufala

 
Locorotondo, così il suocero tentòdi uccide il genero: «Sei morto»

Locorotondo, così il suocero tentò di uccidere il genero: «Sei morto»

 
Faida garganica, omicidio in pieno giorno a San Ferdinando

Faida garganica, omicidio in pieno giorno a San Ferdinando

 
Bari, donna prigioniera del fuoco in casa. le grida di aiuto

Bari, incendio e paura a Japigia. Le grida, il salvataggio e le testimonianze

 
Bari ai baresi

Bari ai baresi? I sogni e le voci dei biancorossi

 
Maxi sequestro a Lecce

Lecce, maxi sequestro di anabolizzanti: 500mila pasticche in un garage VIDEO

 
Commento fallimento Baricalcio di Fabrizio Nitti

Nitti (Gazzetta): «Troppo tardi. Evidenti colpe di chi ha gestito»

1commento

 
La sciarpata, l'inno, l'emozioneSulle note si «insegue un sogno»

La sciarpata, l'inno, l'emozione. Sulle note si «insegue un sogno»

 

PHOTONEWS