Cerca

atletica

Giovinazzo attende
le farfalle azzurre

Sabato, 16 gennaio, alle ore 17.00, al ‘Pala Pansini’, esibizione della giovinazzese Marinella Falca (medaglia d’argento alle Olimpiadi di Atene), Elena Santoni, Elisa Blanchi e l'italo-ucraina Angelica Savrayuk

atletica leggera

GIOVINAZZO - Al via il primo appuntamento con il grande sport a Giovinazzo. Sabato, 16 gennaio, alle ore 17.00, al ‘Pala Pansini’, esibizione delle Farfalle Azzurre dell’Aeronautica Militare: la giovinazzese Marinella Falca (medaglia d’argento alle Olimpiadi di Atene), Elena Santoni, Elisa Blanchi e l'italo-ucraina Angelica Savrayuk. L’idea delle Farfalle è nata per promuovere la ginnastica ritmica nel mondo. La Falca, ormai da tempo residente a Bracciano dove ha fondato e dirige una scuola di ritmica, torna per un omaggio alla sua Giovinazzo.

Nel corso della manifestazione il sindaco, Tommaso Depalma, annuncerà l’intitolazione di una parte del Lungomare all’Aeronautica Militare, l’unica arma che, ad oggi, non ha alcun riferimento nella toponomastica cittadina.
«Lo sport ha la capacità di rimettere le cose al loro posto e il fatto che Marinella, seppur a distanza di tempo, torni a calcare il nostro palcoscenico, da un lato è il giusto riconoscimento nei confronti di una grande atleta e dall’altro spero che il suo esempio serva a comprendere che, con passione e sacrificio, si può arrivare dappertutto - ha dichiarato il sindaco Depalma- Vorrei che la nostra campionessa fosse un’ispirazione per i giovani. Resto dell’idea che lo sport, nella nostra regione, non possa essere immaginato come una aggregazione di questuanti ma un grande volano di sviluppo per il nostro stesso territorio. E’ attraverso eventi grandi e piccoli che si scoprono i talenti, lo sport è un importante strumento di progresso anche economico e va rispettato e tenuto in degna considerazione esattamente come tutti gli altri soggetti economici. In Puglia ci sono persone con grandi competenze che gestiscono società sportive ma, al loro fianco, deve esserci una politica in grado di mettere a disposizione gli strumenti necessari».

Intanto, fervono i preparativi per l’arrivo a Giovinazzo, il 26 e 27 gennaio, di Vincenzo Nibali. Allo ‘squalo dello Stretto’, vincitore nel 2013 del Giro d’Italia e nel 2014 del Tour de France, il sindaco, Tommaso Depalma, ha deciso di intitolare il primo tratto della pista ciclabile sul Lungomare di Levante. 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400