Cerca

Rapine con coltello
arrestati due giovani

Uno dei due è stato tradito da un tatuaggio che ha sulla nuca e che è stato immortalato dalle telecamere di videosorveglianza

coltello rapine

BARI - Hanno preso d’assalto quattro negozi in una settimana brandendo un grosso coltello da cucina ma sono stati identificati ed arrestati dai carabinieri della Compagnia San Paolo. Si tratta di due giovani, Giovanni Monno e Patrizio Ottomano, entrambi di 22 anni, uno dei quali è stato tradito da un tatuaggio che ha sulla nuca e che è stato immortalato dalle telecamere di videosorveglianza. Gli arresti sono stati fatti in esecuzione di un’ordinanza di custodia cautelare in carcere emessa dal gip del Tribunale di Bari, su richiesta della Procura della Repubblica. I due, di Bari, con precedenti penali, sono ritenuti responsabili di aver commesso quattro rapine ad altrettanti esercizi commerciali, tutte compiute lo scorso agosto (tra il 18 ed il 25 del mese), nei quartieri Picone e Carrassi, che hanno fruttato loro complessivamente un bottino da 2mila euro.

I militari, considerato il modus operandi dei rapinatori, che agivano sempre utilizzando un grosso coltello da cucina, nascondendo il volto con cappellini ed occhiali da sole, hanno fin da subito ipotizzato che i responsabili delle rapine fossero gli stessi. La svolta nelle indagini e la conferma dei sospetti si è avuta grazie alla visione delle immagini impresse dalle telecamere di video sorveglianza dei negozi presi di mira, attraverso le quali è stato anche possibile notare che uno dei due banditi aveva un tatuaggio sulla nuca.
Da questo elemento, il sequestro dei vestiti e del coltello utilizzati durante le rapine, l’analisi e comparazione delle immagini acquisite dai negozi, sono stati definitivamente identificati e deferiti all’Autorità Giudiziaria, che ha poi emesso l’ordinanza notificata l’altra mattina.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400