Cerca

Una catena umana
«No a Tempa rossa»

TARANTO – Una catena umana con un lungo striscione dal messaggio inequivocabile: no al progetto Tempa rossa dell’Eni. La manifestazione, che si è svolta questa mattina sulla spiaggia di Lido Azzurro, è stata organizzata da varie associazioni e comitati in appoggio al «Movimento stop Tempa rossa» per protestare contro il progetto che vorrebbe sfruttare l’oleodotto Viggiano-Taranto (foto d'archivio)
Una catena umana
«No a Tempa rossa»
TARANTO – Una catena umana con un lungo striscione dal messaggio inequivocabile: no al progetto Tempa rossa dell’Eni. La manifestazione, che si è svolta questa mattina sulla spiaggia di Lido Azzurro, è stata organizzata da varie associazioni e comitati in appoggio al «Movimento stop Tempa rossa» per protestare contro il progetto che vorrebbe sfruttare l’oleodotto Viggiano-Taranto per incrementare la movimentazione di greggio proveniente dal giacimento omonimo, in Basilicata, e costruire a Taranto due serbatoi da 180mila metri cubi per la ricezione del petrolio sarebbe poi trasportato via mare.

I manifestanti hanno allestito gazebo informativi e tenuto un presidio per contrastare un progetto "che – sostengono – darebbe il definitivo colpo di grazia ad uno sviluppo alternativo del territorio jonico che sogna e ambisce certamente ad altro, rispetto all’ormai evidente progettualità che si muove seguendo una ragion di Stato incurante della salute e del benessere dei cittadini di Taranto e della sua provincia".

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400