Cerca

Graziella Mansi, un film
per allontanare l’orco

di CARLO STRAGAPEDE
Il film «Una vita spezzata» che racconta la tragedia della piccola Graziella Mansi sarà proiettato in anteprima assoluta mercoledì 7 e giovedì 8 maggio nel palasport di Andria, la città che ad agosto del 2000 fu teatro dell’omicidio. I produttori Vincenzo Loconte, Enzo Evangelista e Giuseppe Porro, con l’aiuto del consulente finanziario Saverio Alicino, sono riusciti nella quadratura del cerchio.
Graziella Mansi, un film
per allontanare l’orco
di CARLO STRAGAPEDE

Il film «Una vita spezzata» che racconta la tragedia della piccola Graziella Mansi sarà proiettato in anteprima assoluta mercoledì 7 e giovedì 8 maggio (ore 21) nel palasport di Andria, la città che ad agosto del 2000 fu teatro dell’omicidio. I produttori Vincenzo Loconte, Enzo Evangelista e Giuseppe Porro, con l’aiuto del consulente finanziario Saverio Alicino, sono riusciti nella quadratura del cerchio, cioè nel trovare uno spazio dignitoso per presentare l’opera cinematografica alla cittadinanza.
«L’opera - sottolinea Loconte - si prefigge due obiettivi. Il primo è non dimenticare una vicenda che ha profondamente segnato la comunità andriese e direi la coscienza collettiva nazionale».
Il secondo obiettivo? «Mettere in moto un movimento d’opinione finalizzato a prevenire la piaga della pedofilia, che purtroppo è molto più diffusa di quanto si pensi». Infatti l’operazione artistica, senza scopo di lucro, è patrocinata dall’Ailap (Associazione italiana per la lotta alla pedofilia) che ha attivato un numero verde al quale si possono denunciare episodi sospetti nei quali si profila lo spettro dell’orco: 800.313100. Il biglietto per assistere alla proiezione costa 5 euro per la gradinata, 6 per la tribuna e 7 euro per la poltrona. I tagliandi d’ingresso possono essere già acquistati telefonando ai numeri 330/702430 o 339/7472025.

In ogni caso nelle due settimane precedenti la proiezione sarà allestito un gazebo per la prevendita nel centro cittadino. Del resto nelle stesse serate del 7 e 8 maggio sarà possibile comprare il biglietto al botteghino del palazzetto di viale Germania. La doppia proiezione ha anche e soprattutto finalità sociale: parte del ricavato sarà devoluto alla famiglia di Graziella Mansi e ai bambini bisognosi del Madagascar tramite il missionario dell'Opera Sant'Antonio di Andria, padre Mario. Nelle due serate di maggio, in prima fila siederanno i genitori, i fratelli e i familiari di Graziella. Al loro fianco il sindaco Nicola Giorgino e gli assessori allo Sport Giuseppe Chieppa e alla Cultura Antonio Nespoli. Il Comune infatti ha patrocinato la manifestazione.

Non basta. È previsto un megaospite a sorpresa. Top secret sulla sua identità, ma i soliti bene informati giurano che dovrebbe essere un attore molto conosciuto del mondo delle fiction. Dopo la doppia prima andriese, il lungometraggio di 90 minuti punterà alla scena nazionale. Rivela Loconte: «Sono già in corso contatti con reti televisive di primissimo piano. Ma per ora non posso aggiungere altro». Del resto l’omicidio della bambina andriese di otto anni a opera del «branco» scosse tutta l’Italia, in quella torrida estate di quattordici anni fa. il castLa regia di «Una vita spezzata » è del barese Miki D'Aquino, 40 anni, una lunghissima esperienza alle spalle, anche nel montaggio.
Responsabile del casting Sabino Matera (che pure recita nel film). I personaggi hanno nomi diversi da quelli reali. Per esempio Graziella nella fiction è Angela, interpretata dalla bravissima Carol Terlizzi. Il branco è impersonato da Giuliano Giuliani, Enzo Scarlatino, Davide Terlizzi, Francesco Sinisi e Rocco Picerno. Tra gli altri attori Enzo Strippoli, Mino Barbarese e Miki Calabrese. Location ad Andria, Corato, Ruvo, Altamura, Canosa, Margherita di Savoia e Potenza.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400