Cerca

Dedicata a Elisa Claps
l'area per vittime di violenza
dell'ospedale di Potenza

POTENZA - Sarà dedicata e intitolata a Elisa Claps l’area protetta del “Codice Rosa” presso l’ospedale San Carlo di Potenza. Lo ha annunciato stamane il direttore generale dell’azienda ospedaliera, Giampiero Maruggi, nel quarto anniversario del ritrovamento nella chiesa della Santissima Trinità dei resti della studentessa sedicenne, uccisa il 12 settembre del 1993
Dedicata a Elisa Claps
l'area per vittime di violenza
dell'ospedale di Potenza
POTENZA - Sarà dedicata e intitolata a Elisa Claps l’area protetta del “Codice Rosa” presso l’ospedale San Carlo di Potenza. Lo ha annunciato stamane il direttore generale dell’azienda ospedaliera, Giampiero Maruggi, nel quarto anniversario del ritrovamento nella chiesa della Santissima Trinità dei resti della studentessa sedicenne, uccisa il 12 settembre del 1993.

La cerimonia di inaugurazione si terrà il 2 aprile, alle ore 11. Il “Codice Rosa” è il percorso di accesso al pronto soccorso riservato a tutte le vittime di violenze, senza distinzione di genere o età che, a causa della loro condizione di fragilità, più facilmente possono diventare vittime di violenza: donne, uomini, bambini, anziani, immigrati, omosessuali. Il codice è assegnato insieme al codice di gravità (dal rosso al bianco) da personale addestrato a riconoscere segnali non sempre evidenti o dichiarati di una violenza subita. Quando è assegnato un codice rosa, si attiva il gruppo operativo composto da personale sanitario, da rappresentanti della Procura della Repubblica e dalle forze dell’ordine.

Il gruppo operativo dà cura e sostegno alla vittima, avvia le procedure di indagine per individuare l’autore della violenza e, se necessario, attiva le strutture territoriali. Nel pronto soccorso c'è uno spazio appositamente adibito all’accoglienza delle vittime, per la cura e la raccolta di elementi di prova, oltre che delle denuncia. Alle attività del Codice Rosa, inoltre, saranno devoluti i proventi del libro di Assunta Basentini e Cristiana Coviello dal titolo “Elisa tra cielo e terra - il romanzo di una storia vera”.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400