Cerca

«Mazzette» sul mattone
chiusa indagine per 27

BARI – chiusa l'indagine sulla mazzette per le concessioni edilizie al Comune di Modugno. La Procura di Bari notificato l'«avviso» a 27 persone, tra ex amministratori (gli ex sindaci Pino Rana e Mimmo Gatti), funzionari e imprenditori accusati, a vario titolo, di associazione per delinquere, concussione, corruzione, falso, peculato, estorsione, truffa, riciclaggio e lottizzazione abusiva. (Nella foto di Luca Turi, gli ex sindaci Gatti e Rana)
«Mazzette» sul mattone
chiusa indagine per 27
BARI – La Procura di Bari ha chiuso le indagini sulle presunte tangenti in cambio di concessioni edilizie al Comune di Modugno. L’avviso, a firma del pm Francesco Bretone, è stato notificato a 27 persone, tra ex amministratori, funzionari e imprenditori accusati, a vario titolo, di associazione per delinquere, concussione, corruzione, falso, peculato, estorsione, truffa, riciclaggio e lottizzazione abusiva.

L’inchiesta, il 30 novembre 2012, portò all’arresto di 12 indagati, tra cui gli ex sindaci Pino Rana e Mimmo Gatti. «Abusando sistematicamente dei propri poteri, – scriveva il giudice accogliendo le richieste d’arresto della Procura - richiedevano ed ottenevano prestazioni in denaro ed altre utilità (soggiorni all’estero, acquisti di immobili a prezzo scontato), in cambio del rilascio delle licenze edilizie».

Un vero e proprio «tariffario applicato dai funzionari e dai dirigenti addetti all’ufficio tecnico comunale per il calcolo dell’importo della tangente per l’ottenimento delle concessioni edilizie che si aggirava tra i 2-3mila euro per ciascuna unità immobiliare realizzata».

Dalle indagini della guardia di finanza è emerso che consiglieri comunali, assessori e dipendenti, avrebbero preteso e riscosso dall’imprenditore (la presunta vittima degli episodi di concussione, Pasquale Lombardi) ingenti somme di denaro ed altre utilità quantificabili in oltre 800 mila euro tra il 2003 e il 2008, per il rilascio di autorizzazioni edilizie. Le dichiarazioni dell’imprenditore sono state poi cristallizzate dall’accusa nel corso di un incidente probatorio, ora agli atti del fascicolo.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400