Cerca

Un'Italia di ignoranti E in Puglia il 55% non sa usare il pc Un lucano su dieci è analfabeta

di MASSIMO BRANCATI
POTENZA - Altro che Paese della cultura. In Italia il 12 per cento della popolazione è analfabeta e senza alcun titolo di studio: si tratta di circa sei milioni di cittadini. Il dato - che emerge dall’ultima classifica stilata dall'Ocse (l'Organizzazione per la cooperazione e lo sviluppo economico) - non fotografa fino in fondo la gravità della situazione. Solo il 33 per cento della popolazione, tra laureati e diplomati, infatti, è in grado di affrontare le sfide della società contemporanea, mentre il 66 per cento dispone di una formazione insufficiente che costringe questa larga fetta di italiani ad un ruolo assolutamente marginale rispetto alle dinamiche di crescita e di sviluppo del Paese
Un'Italia di ignoranti E in Puglia il 55% non sa usare il pc Un lucano su dieci è analfabeta
di MASSIMO BRANCATI

POTENZA - Altro che Paese della cultura. In Italia il 12 per cento della popolazione è analfabeta e senza alcun titolo di studio: si tratta di circa sei milioni di cittadini. Il dato - che emerge dall’ultima classifica stilata dall'Ocse (l'Organizzazione per la cooperazione e lo sviluppo economico) - non fotografa fino in fondo la gravità della situazione. Solo il 33 per cento della popolazione, tra laureati e diplomati, infatti, è in grado di affrontare le sfide della società contemporanea, mentre il 66 per cento dispone di una formazione insufficiente che costringe questa larga fetta di italiani ad un ruolo assolutamente marginale rispetto alle dinamiche di crescita e di sviluppo del Paese. È un’intera nazione: oltre 36 milioni cittadini sono da considerare analfabeti totali, semi-analfabeti o alfabeti di ritorno, non in grado, cioé, di affacciarsi sul mondo del lavoro con reali chance di successo.

In questo quadro generale non certo idilliaco spuntano statistiche impietose per il Mezzogiorno e, in particolare, per la Puglia, dove gli analfabeti raggiungono quota 8,5 per cento, in perfetta sintonia con il dato medio del Sud. Ad aggravare la situazione ci pensano i cosiddetti analfabeti di ritorno, coloro che pur avendo conseguito la licenza media inferiore mostrano difficoltà di comprensione e di lettura: nel territorio pugliese il dato è del 38 per cento, percentuale che non colloca la regione tra le più «arretrate» come accade, invece, per la Basilicata (si veda nell’articolo accanto).

È comunque una statistica che preoccupa e che si traduce in una vera emergenza sociale, visto che il dominio della propria lingua è un presupposto indispensabile per lo sviluppo culturale ed economico dell'individuo e della collettività.

In piena era tecnologica va anche considerato l’analfabetismo informatico. Oggi chi non sa usare il computer è praticamente tagliato fuori da qualsiasi sviluppo professionale. L’Italia, manco a dirlo, è tra le realtà territoriali in fondo alla classifica europea, con due cittadini su tre che si «paralizzano» davanti ad un pc. A livello nazionale il Sud si conferma un’emergenza nell’emergenza: in Puglia il 55 per cento dei residenti è un analfabeta informatico, due punti in meno della Basilicata che in questa speciale graduatoria condivide la maglia nera con Calabria e Molise. Lo si evince dal Rapporto su innovazione e tecnologie digitali in Italia, realizzato dall'Ufficio studi del ministero.

Ad alimentare questa carenza sull’uso dei computer non sono soltanto gli anziani. Anche i ragazzi nati in piena era digitale devono farne di strada: il 24 per cento dei pugliesi tra i 16 e 24 anni ha una conoscenza assolutamente superficiale del pc, percentuale che sale al 48 se si tiene conto della fascia di età tra i 25 e i 54 anni. Soprattutto il primo dato, quello dei giovanissimi, è sconfortante e denota tutte le carenze e i limiti dell’insegnamento dell’informatica nella scuola dell’obbligo.

La statistica è devastante anche sulla percentuale di persone che, nel 2012, ha letto almeno un libro: appena il 26 per cento a fronte di una media del Nord che si attesta sul 50,8. Al Sud siamo in buona (si fa per dire) compagnia: eccezion fatta per la Sardegna, con il suo 42 per cento, le altre sette regioni del Mezzogiorno sono teatro di una débacle. Si va dal Molise (32 per cento), all’Abruzzo (30,9), alla Puglia (28), alla Sicilia (26,5), alla Calabria (26,2), alla Basilicata (26) ed infine alla Campania, fanalino (anche spento) di coda che con il suo 25,2 per cento non raggiunge nemmeno la metà dei lettori trentino ed altoatesini.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400