Cerca

La denuncia

Fasano, si allontanano da casa
e gli abusivi la occupano
Vittima anche anziano disabile

archivio

di Giannicola D’Amico
FASANO - Allontanarsi dalla propria casa per qualche ora o al massimo per qualche giorno e al ritorno ritrovarsela occupata abusivamente da altre famiglie. Se non è assurdo ci manca poco, però è quanto accaduto negli ultimi giorni nel Fasanese dove sarebbero almeno due i casi di occupazione abusiva di case popolari dello Iacp. Due casi avvenuti nel giro di qualche giorno tra Pezze di Greco e Fasano.


A Pezze di Greco - la più popolosa frazione fasanese dove le case popolari sono ubicate lungo via Angelini, alla periferia del centro urbano lungo la strada che conduce a Torre Canne - durante le festività natalizie una famiglia affidataria di un alloggio Iacp, che si era assentata per qualche giorno per fare visita a dei parenti residenti in Germania in occasione del Natale, si è ritrovata al rientro la porta di casa forzata e la abitazione occupata da una coppia con figli piccoli al seguito. Ad avvertire gli assegnatari della abitazione di quanto stava avvenendo nel loro appartamento erano stati alcuni vicini di casa accortisi che la porta di ingresso era stata forzata e della presenza di gente estranea nella abitazione.

Situazione analoga si è verificata l’altra sera a Fasano dove due anziani fasanesi (di cui l’uomo invalido al 100% e la donna in condizioni di salute precaria), assegnatari dal 1984 di un alloggio Iacp ubicato su via Virgilio, che si erano allontanati qualche ora per andare a cena da parenti, al loro rientro si sono ritrovati l’appartamento occupato da due nuclei familiari (in tutto una decina di persone, probabilmente anche loro aventi diritto ad un alloggio popolare ma non ancora assegnatari), che avevano poco prima forzato la porta di ingresso. Anche in questo caso ad avvertire la sfortunata coppia di anziani sono stati i vicini di casa che hanno telefonato loro segnalandogli la presenza di estranei in casa. Gli anziani sono subito ritornati a casa ma si sono ritrovati la porta di ingresso forzata e all’interno una decina di persone che avevano già preso possesso delle stanze, con al seguito divani e passeggini.

Sono stati subito avvertiti i Carabinieri che si sono fiondati sul posto ma hanno potuto fare ben poco. Gli abusivi si sono rifiutati di andare via e così sono stati identificati e denunciati a piede libero alla magistratura. I due anziani coniugi, assegnatari da oltre 30 anni dell’alloggio, si sono ritrovati, con tutti i loro problemi di salute, in pochi secondi sbattuti in mezzo ad una strada. La stessa sorte che è capitata alla famiglia di Pezze di Greco.

Di entrambi i casi si stanno occupando i Carabinieri, oltre che ovviamente gli organi ed enti preposti, tra cui lo Iacp (l’Istituto autonomo case popolari) che è il proprietario degli immobili ed il Comune di Fasano che si occupa di stilare le graduatorie degli assegnatari degli alloggi popolari liberi. Ma si sa: anche in questi casi, sebbene gravissimi, la burocrazia amministrativa e leggi in materia non fanno che aggravare il tutto agevolando i fuori legge e penalizzando gli onesti.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • gianfranco

    gianfranco

    12 Gennaio 2016 - 18:06

    Ma che Italia è questa? Ah, gia! E' il paese di Pulcinella.

    Rispondi

  • rossini

    12 Gennaio 2016 - 14:02

    Non è esatto affermare che i Carabinieri "hanno potuto fare ben poco". NON HANNO VOLUTO. Recita infatti l'art. 55cpp: "La polizia giudiziaria deve, anche di propria iniziativa, prendere notizia dei reati, IMPEDIRE CHE VENGANO PORTATI A CONSEGUENZE ULTERIORI". Nel caso in esame vi era un'occupazione abusiva di un appartamento. I CC AVEVANO IL DOVERE di impedire il protrarsi del reato.

    Rispondi