Cerca

Sanità, Regione e Università
parte civile contro Tarantini

BARI - La Regione Puglia e l’Università di Bari si sono costituite parti civili all’udienza preliminare a 15 persone (tra cui i fratelli Claudio e Gianpaolo Tarantini e l'ex dg della Asl di Bari Lea Cosentino) accusate, a vario titolo, di associazione per delinquere, corruzione e istigazione alla corruzione, peculato, turbativa d’asta, falso materiale e ideologico, truffa e frode in pubbliche forniture. L’udienza, che si celebra dinanzi al gup di Bari Susanna De Felice, riguarda la gestione delle gare e delle trattative per l'acquisto di attrezzature e protesi sanitarie.
Sanità, Regione e Università
parte civile contro Tarantini
BARI - La Regione Puglia e l’Università di Bari si sono costituite parti civili all’udienza preliminare a 15 persone (tra cui i fratelli Claudio e Gianpaolo Tarantini e l'ex dg della Asl di Bari Lea Cosentino) accusate, a vario titolo, di associazione per delinquere, corruzione e istigazione alla corruzione, peculato, turbativa d’asta, falso materiale e ideologico, truffa e frode in pubbliche forniture. L’udienza, che si celebra dinanzi al gup di Bari Susanna De Felice, riguarda la gestione delle gare e delle trattative per l'acquisto di attrezzature e protesi sanitarie.

Oltre ai fratelli Tarantini e Cosentino, la Procura ha chiesto il processo per Antonio Colella, all’epoca dei fatti capo area gestione patrimonio della Asl di Bari, Francesco Lippolis, direttore amministrativo della stessa Asl, Michele Vaira, funzionario della Asl di Bari, Sabina Ilaria Tato", fisiatra barese, Vittorio Patella, direttore della II Clinica Ortopedica del Policlinico di Bari, Antonio Pica, legale rappresentante della società "Sport Club", Cristina Rosaria Signorile e Domenico Miscioscia, responsabili del servizio di prevenzione e protezione della "Pura Depurazione", società di diritto pubblico controllata da Aqp, Lucia Montinaro, dipendente Asl, Angelo Damiani, collaboratore della Tatò, Mauro Spagnoletta e Benedetto Verdiani, componenti della commissione di gara per l'affidamento del servizio di sorveglianza sanitaria finalizzata alla tutela della salute e della sicurezza per il personale addetto agli impianti di depurazione. I fatti contestati si riferiscono agli anni 2008-2010. L’udienza proseguirà il 22 ottobre.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400