Cerca

Sbandieratori ad Oria
al Torneo «Uria Mater»

ORIA - Quando si parla di Medioevo e rievocazioni storiche, Oria è sempre pronta a dire “presente ”. Così è stato sabato, grazie agli Sbandieratori e Musici “Città di Oria” che, con altri tra i più forti gruppi d’Italia, compresi gli altri padroni di casa del Rione Lama, hanno dato spettacolo nella prima edizione del torneo nazionale “Uria Mater”, cui è seguito un grande party all’insegna del cabaret e del divertimento
Sbandieratori ad Oria
al Torneo «Uria Mater»
ORIA - Quando si parla di Medioevo e rievocazioni storiche, Oria è sempre pronta a dire “presente ”. Così è stato sabato, grazie agli Sbandieratori e Musici “Città di Oria” che, con altri tra i più forti gruppi d’Italia, compresi gli altri padroni di casa del Rione Lama, hanno dato spettacolo nella prima edizione del torneo nazionale “Uria Mater”, cui è seguito un grande party all’insegna del cabaret e del divertimento.

La cornice di pubblico, nonostante la temperatura non proprio mite, trattandosi di giugno, è stata degna di un evento senza precedenti, finora, nella città fridericiana: centinaia e centinaia gli spettatori accorsi prima in piazza Lorch, ad ammirare esercizi e atleti di livello poi, presso l’Istituto antoniano maschile, i deejay e il comico Gabri Gabra – guest star della serata – direttamente dalla celebre trasmissione Mediaset “Colorado Cafè”. È stata una festa fatta soprattutto di colori e musica, quella organizzata magistralmente dal “Città di Oria”, con il patrocinio dell’amministrazione comunale, del Centro sportivo educativo nazionale e della Federazione italiana sbandieratori. La competizione, presentata dal presidente de “Il pozzo e l’arancio” Pierdamiano Mazza, si è dimostrata all’altezza delle attese e del blasone delle squadre partecipanti, che si sono sfidate, tra sbandieramenti e colpi di tamburo, nelle specialità Singolo e Coppia. Nella prima, si è imposto sugli altri concorrenti Fabrizio Ercoli, di Porta Romana (Ascoli Piceno). Secondo piazzamento per Luigi Ingenito, di Torri Metelliane (Cava de’ Tir reni, Salerno), terzo gradino del podio per Alessandro Latini, di Alfieri del Cardinal Borghese (Artena, Roma). Nella Coppia, invece, trionfo per il duo formato da Mauro Roma e Renzo Marrazzo, in forza ai Carvinati di Carovigno. Medaglia d’argento per Città di Oria, con Antonio Cozzetto ed Elia Di Levrano. Terza piazza, infine, per gli ascolani di Porta Romana Fabrizio Ercoli e Nicola Gattoni. Questa la cronaca, ma a destare u n’impressione positiva, al di là delle esibizioni nel campo di gara, sono stati un fair-play assoluto tra gli avversari e un clima di assoluta serenità, fattori che non è possibile apprezzare sempre e comunque, purtroppo, in altre manifestazioni sportive. Tanto più che gli stessi sfidanti di piazza Lorch, alla fine della tenzone, si sono ritrovati tutti assieme, in un ideale abbraccio, presso il piazzale dell’Istituto antoniano maschile, a far baldoria e a ridere di gusto alle battute del cabarettista Gabri Gabra. Dopo, sempre in un clima lontano anni luce dagli eccessi, balli e ancora spensieratezza con Dj Vama, Paolo Stefanelli e tanta, tanta schiuma. Un evento, quello di sabato, che, per quanto alla sua prima edizione, promette già bene per le prossime, che si spera saranno tante e potranno contare su una maggiore collaborazione da parte delle istituzioni e dell’intera città. Ottima figura, comunque, sia in termini di organizzazione, sia sportivi per gli atleti locali, da anni ormai al top nelle manifestazioni ufficiali Fisb, per un succulento antipasto delle più note giornate medievali che Oria è solita vivere con Corteo e Torneo dei Rioni.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400