Cerca

Martedì 21 Novembre 2017 | 05:15

«Contaminato il grano canadese»

Campioni prelevati il 7 febbraio contengono il cancerogeno ocratossina A in quantità superiore ai limiti. Il grano era in due silos di un'azienda della provincia di Foggia
ROMA - Due campioni di grano prelevati dai Nas il 7 febbraio sono risultati positivi per la presenza di ocratossina A superiore ai limiti di legge. I due campioni, entrati con navi diverse, facevano parte di partite di grano canadese.
Lo rende noto il ministero della Salute informando che il grano era in due silos di un'azienda della provincia di Foggia, l'industria agroalimentare De Vita.
«Ma quel che è grave - dichiara il ministro Storace - è che non si ha notizia dei motivi per i quali il magistrato ha dissequestrato il grano senza attendere l'esito delle analisi, e questo impegna gli uomini del Nas di Bari ad un lavoro improbo per rintracciare le partite contaminate e i prodotti eventualmente trasformati».

STORACE: RINTRACCIARE PARTITA TOSSICA
Verificare le responsabilità e, soprattutto, rintracciare la partita di grano contaminato. Sono le priorità indicate dal ministro della Salute, Francesco Storace, in relazione alla partita di grano tossico rinvenuta in una azienda pugliese.
«Per dovere di trasparenza - ha affermato il ministro a margine della manifestazione di avvio della sua campagna elettorale - abbiamo informato l' opinione pubblica. Adesso si tratta di verificare le responsabilità e soprattutto di rintracciare la partita di grano duro risultata contaminata».
Certamente, ha commentato Storace, «è singolare che tale partita sia stata dissequestrata prima dell' esito finale delle analisi. Il dissequestro è opera di un magistrato. Abbiamo già tanti problemi con i magistrati - ha concluso il ministro con una battuta - che non voglio polemizzare anch' io».

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

Altri articoli dalla sezione