Cerca

L'errore

La giunta «porta» il mare
a Ceglie Messapica

La giunta «porta» il marea Ceglie Messapica

di Adele Galetta

CEGLIE MESSAPICA - Al principio fu TripAdvisor a classificare al 22esimo posto della classifica un ristorante cegliese «sul mare». Adesso ci ha pensato la Giunta guidata dal sindaco Caroli a riqualificare il litorale e migliorare le strutture balneari. Sì perché nel DUP (Documento Unico di Programmazione 2016-2018), a causa del copia-incolla, il responsabile ha portato «il mare a Ceglie». «Si è trattato di un refuso - è stato il commento del primo cittadino.

Il responsabile ha avuto solo ventiquattro ore per realizzarlo. Essendo un documento nuovo, sul quale i Comuni non hanno ricevuto ancora indicazioni, il punto all’ordine del giorno del Consiglio è stato ritirato. L’errore c’è stato ma abbiamo tempo fino a marzo per lavorarci su». Fa mea culpa il primo cittadino, difendendo l’operato del responsabile.

A scovare l’errore, analizzando il DUP, è stato l’ex consigliere comunale del centro sinistra, Tommaso Argentiero, oggi a capo del Comitato Civico per la Trasparenza e Legalità. «Errare humanum est, perseverare autem diabolicum - il commento di Argentiero - Il Documento, composto da 111 pagine, riporta tante ma tante cose che nulla hanno a che fare con la città. Bene hanno fatto a ritirarlo per evitare ulteriori figuracce. Speriamo che adesso ne presentino uno che parli di Ceglie».

Ma la Giunta Caroli non è nuova ad errori di questo tipo. Già nel 2011, a seguito di una procedura negoziata per finanziare proposte di interventi per potenziare i sistemi comunali di raccolta differenziata attraverso metodi «innovativi», così come richiesto dalla Regione Puglia, ovvero che il singolo Comune procedesse, come condizione preliminare, alla redazione di un «Piano comunale di raccolta differenziata», la Giunta comunale approvò, la delibera n. 853 del 9 agosto 2011 trasmessa alla Regione, dove a pagine 44 del Piano, al punto 4.2, nella suddivisione delle aree territoriali, si fece riferimento alle «marine».

Peccato solo che il mare disti dalla collinare Ceglie Messapica 17 km. Questo non ha fermato, però, Alessio Giannone, alias Pinuccio, inviato di «Striscia la Notizia» che ha fatto visita a Palazzo di Città, armato di pinne, salvagente e operatori con attrezzature da sub. Pinuccio ha incontrato il sindaco Luigi Caroli per avere alcuni chiarimenti sulla Delibera in questione. Il primo cittadino pare abbia dichiarato: «Su tante opere pubbliche completate e consegnate alla città un errore ci può anche stare. Anzi sto progettando un ponte che da Ceglie Messapica conduca, in modo semplice e rapido, al mare di Villanova».

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400