Cerca

mala sanità

Morì dopo tre interventi
Tre chirurghi a giudizio

Morì dopo tre interventi Tre chirurghi a giudizio

BARI - La Procura di Bari ha chiuso le indagini sulla morte di un 65enne, deceduto a causa di un’infezione dopo tre interventi chirurgici. Tre medici del reparto di Chirurgia del Policlinico di Bari sono indagati per omicidio colposo. L’inchiesta della Procura è stata aperta dopo la denuncia della famiglia della vittima.
Stando alle indagini disposte dal pm Ettore Cardinali attraverso lo studio delle cartelle cliniche e accertamenti medico-legal, il paziente, Nicola Altamura, fu sottoposto ad un intervento di «laparocele mediano e concomitanti fistola perianale ed eteroplasia vescicale» il 20 settembre 2013. Durante l’operazione i chirurghi avrebbero però causato "l'insorgere di una complicanza postoperatoria perforativa con conseguente peritonite».


Il 28 settembre il paziente fu quindi sottoposto ad un secondo intervento nel quale i medici avrebbero aggravato le sue condizioni «provocando un’ulteriore perforazione della parete intestinale». L’8 ottobre Altamura fu sottoposto ad un terzo intervento nel quale sarebbero state eseguite altre "perforazioni del segmento intestinale», con «ripetute peritoniti acute diffuse». Sarebbe stata quindi una «importante condizione di sepsi locale e generale» a causare il decesso dell’uomo alcuni mesi più tardi, il 3 febbraio 2014.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400