Cerca

Gas effetto-serra: entra in vigore Kyoto

La Russia ha ratificato il Protocollo sulla limitazione delle emissioni. Con il «sì» di Mosca raggiunta la soglia minima di Paesi necessari (i responsabili di almeno il 55 per cento) alla partenza delle misure. Entusiasmo nel mondo degli ambientalisti. Diminuzione prevista, - 5% rispetto ai valori del 1990
Gas effetto-serra: entra in vigore Kyoto
MOSCA - La Russia ha ratificato il Protocollo di Kyoto sulla limitazione delle emissioni dei gas a effetto serra. A votare in favore dell'accordo internazionale è stata la Duma di Stato.
Con la ratifica della Russia, e quindi con il raggiungimento della soglia minima di Paesi necessari (i responsabili di almeno il 55 per cento delle emissioni) può così entrare in vigore il protocollo steso nel 1997. La Duma di Stato russa ha approvato il documento con 334 voti favorevoli, 73 contrari e due astensioni. Ora dovrà passare all'esame del Consiglio della Federazione e poi essere firmato dal Presidente Putin, ma si tratta di formalità dopo la decisione annunciata dal Cremlino di aderire al protocollo.

Il "via libera" è stato accolto con entusiasmo dal mondo ambientalista: «Faremo un brindisi alla Duma con la vodka stasera», ha detto Steve Sawyer, responsabile per le politiche del clima di Greenpeace; e salutando il voto come «il momento in cui l'umanità ha approntato le sue responsabilità», Sawyer ha aggiunto che la comunità internazionale adesso andare avanti per giungere a una sempre maggiore riduzione delle emissioni.
Klaus Toepfer, direttore esecutuivo dell'Unep (il Programma delle Nazioni Unite per l'ambiente) ha aggiunto che la decisione è una pietra miliare che «concentrerà gli sforzi dei governi, delle imprese e dell'industria nel raggiungere gli obiettivi di Kyoto e ottenere maggiori tagli» delle emissioni inquinanti.
Il protocollo sui cambiamenti climatici obbliga i Paesi industrializzati a ridurre le emissioni del 5% rispetto ai livelli del 1990 entro il 2010. Per l'applicazione, il protocollo richiede l'adesione di un minimo di 55 Paesi (121 lo hanno già ratificato) che producano il 44,2 per cento dei gas che provocano l'effetto serra e l'aumento della temperatura in tutto il pianeta. Con l'adesoine della Russia, che emette il 17,4 per cento di questi gas, è superato il tetto minimo richiesto perché il trattato entri in vigore. Il protocollo non è stato ratificato da Paesi come gli Stati Uniti e l'Australia, i cui governi sono convinti che nel lungo periodo esso pregiudica la crescita economica.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400