Cerca

Puglia - Parte la «Carovana della pace»

Fra i temi, la richiesta di dimissioni per il ministro Calderoli, i «no» al ponte di Messina ed al possibile dislocamento a Taranto del comando navale Usa
BARI - Partirà domani da Alessano (Lecce) la Carovana della Pace del Sud che si congiungerà con le altre due carovane del Nord Est e Nord Ovest organizzate dai Padri Comboniani. Della carovana fanno parte padre Fernando, padre Paolo, padre Gianni e suor Tarcisia che con un nutrito gruppo di giovani carovanieri daranno vita a quello che è simbolicamente un punto di partenza per raggiungere quella pace nel mondo di cui è bene parlare, spiega padre Paolo, «ma non si può parlare di pace se non si parla delle armi che vengono fabbricate e, quindi usate». Il gruppo dei carovanieri a cui si aggiungerà, domani, padre Alex Zanotelli, è stato ricevuto questo pomeriggio dal presidente della Provincia di Bari, Enzo Divella.
Si snoderà in quattro tappe : Santa Maria di Leuca, Alessano il 7; Alessano e Mesagne l'8, Palagiano il 9, Taranto il 10, Rossano Calabro l'11 e il 12 Locri. A Taranto in particolare ci sarà un'azione non violenta di dissenso verso la militarizzazione della città.

La famiglia Missionaria Comboniana e i giovani che con loro camminano con passione per la vita tornano nel 2004 a proporre la Carovana della Pace.
Si tratta di un'iniziativa cominciata ormai nel 2000, l'anno del Giubileo, che i comboniani hanno voluto vivere dalla parte degli oppressi. Da lì in poi, per altre due volte, un gruppo di "carovanieri"
ha attraversato l'Italia incontrando migliaia di persone insieme a tanti testimoni del sud del mondo.
Si annunciava e si cercava la pace, la giustizia, la partecipazione e l'impegno per un mondo diverso e possibile.
Anche quest'anno saranno interpellate le comunità locali, la chiesa tutta e la società civile: dov'è la vita piena che ciascuno di noi è chiamato a costruire e che Dio sogna per tutti? Come realizzarla
senza confini?
Si riparte con tre carovane, che si convocano tutte insieme a Limone sul Garda il 7 settembre, per poi aprire percorsi di pace a partire dai confini dell'Italia.
Ecco i percorsi: da nordest le tappe sono Gorizia (8-9 settembre), Treviso (10-11), Cesena (12-13), Jesi (14-15), Teramo (16-17). Da nordovest Varese (8-9), Torino (10-11), Modena (12-13), Firenze
(14-15), Roma (16-17). Da sud Alessano e S. Maria di Leuca (7), Mesagne (BR, 8), Palagiano (Taranto, 9), Taranto (10), Rossano Calabro (11), Locri (12-13), Licata-Agrigento (14-15), Palermo (16-17).
Le carovane sono composte dai giovani dei gruppi G.I.M. (Giovani Impegno Missionario), da testimoni dal Brasile, dal Congo e dal Kenya, da un immigrato e un giornalista per ciascun gruppo.
Tutti convergeranno alle basiliche paleocristiane di Cimitile (Nola - Napoli) e a Pomigliano d'Arco, il 18 e 19 settembre: in due giorni di celebrazione, preghiera, sintesi degli incontri realizzati e convegno di riflessione e rilancio, si ascolterà in particolare padre Alex Zanotelli, don Luigi Ciotti, Jean Leonard Touadi, mons. Bregantini, Giuliana Martirani, Beppe Grillo e altri vari testimoni.
Il cammino dei giovani e della famiglia comboniana sfocerà infine al Convegno Missionario Nazionale di fine settembre, dove la Carovana della Pace potrà testimoniare il suo sogno di chiesa missionaria davanti ai delegati di tutta Italia.
Questo stile di animazione e incontro restituisce la parola alla gente semplice e raccoglie attraverso il nostro Paese i segni di speranza che vengono dal basso: solo così saremo testimoni della resurrezione e costruttori del mondo nuovo che Dio sogna.
Per informazioni e approfondimenti: www.giovaniemissione.it
Contatto con la segreteria della carovana: carovana@giovaniemissione.it ; tel. 340-12.28.499

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400