Lunedì 25 Giugno 2018 | 06:35

«Regolare il processo Previti-Berlusconi»

Il Gip di Brescia ha disposto l'archiviazione del procedimento a carico dei magistrati Gherardo Colombo e Ilda Boccassini, indagati con l'accusa di abuso d'ufficio
BRESCIA - I pubblici ministeri milanesi Gherardo Colombo e Ilda Boccassini non hanno commesso alcuna irregolarità nella gestione delle inchieste a carico di Cesare Previti e di Silvio Berlusconi. Lo ha stabilito il Gip di Brescia, Elisabetta Pierazzi che, accogliendo la richiesta della procura bresciana, alla quale si erano opposti Previti e Berlusconi, ha disposto l'archiviazione del procedimento a carico dei due magistrati milanesi, indagati con l'accusa di abuso d'ufficio.
L'inchiesta era cominciata lo scorso anno all'indomani della presentazione di un esposto da parte di Giacomo Borrione, avvocato civilista perugino, responsabile giustizia di Forza Italia per l'Umbria e da 33 anni, per sua stessa ammissione, iscritto alla massoneria. Presidente del "Comitato nazionale per la giustizia", Borrione aveva accusato Colombo e Boccassini di una gestione illegittima del fascicolo processuale "9520", dal quale erano nati i processi Imi-Sir/Lodo e Sme, conclusisi con le condanne di Cesare Previti e dell'ex presidente dei Gip di Roma, Renato Squillante.
Borrione aveva in sostanza sostenuto, nell'esposto ai magistrati bresciani, le stesse tesi dei legali difensori di Cesare Previti, secondo i quali il fascicolo "9520" sarebbe stato tenuto segreto in modo illegale. E alle accuse di avere agito per conto dell'ex ministro della Difesa, l'avvocato umbro aveva replicato: «Io Previti non l'ho mai visto, siamo su due pianeti diversi. Io sono un piccolo avvocato di provincia, lui fa i miliardi. Ho fatto questo esposto perchè credo che non ci possa essere alcun segreto istruttorio per otto anni per un fascicolo a carico di ignoti».
La tesi era stata smontata dalla Procura di Brescia che il 13 novembre dello scorso anno aveva chiesto l'archiviazione dell' inchiesta. E a ritenere che il comportamento dei due magistrati milanesi, Gherardo Colombo e Ilda Boccassini, sia stato legittimo, è ora anche il Gip, il quale accogliendo la richiesta di archiviazione ha anche inviato le carte alla Procura della Repubblica affinchè valuti la possibilità di procedere per calunnia nei confronti di chi ha presentato l' esposto.
La Procura di Brescia nella richiesta di archiviazione aveva dedicato numerose pagine per spiegare che il procedimento indicato con il numero '9520' era «legittimo» e «attuale». Dall'inchiesta era infatti emerso che il procedimento '9520' venne iscritto sia a carico di persone note sia di persone ignote e che, man mano, venivano stralciate le posizioni degli indagati, o per archiviazione o per rinvio a giudizio, finchè è rimasto a carico di soli ignoti. Sul fatto che il fascicolo fosse ancora iscritto a modello 21 (il registro contro noti) invece che a modello 44 (contro ignoti), i pm bresciani avevano accolto le spiegazioni dei colleghi milanesi e cioè che la procedura del Re.Ge (registro generale) non prevede la possibilità di trasferire notizie di reato da un modello all'altro. Per quanto riguarda l'accusa che il fascicolo non sarebbe contro ignoti e nasconderebbe atti di indagine contro Cesare Previti, i magistrati bresciani avevano replicato: «Se gli inquirenti milanesi stanno tuttora indagando per identificare gli ignoti concorrenti con Cesare Previti in episodi di corruzione, è doveroso che chiedano a coloro che risultano aver manovrato conti esteri e monetizzato somme per conto di Previti». In pratica, avevano sottolineato, «l' argomento del falso procedimento agitato da Previti costituisce, a ben vedere, un'ulteriore prova che il procedimento 9520 è tuttora effettivamente pendente a carico di ignoti, ed esattamente quegli ignoti concorrenti nei reati di corruzione giudiziaria come testualmente riferito dai pm milanesi».
L'inchiesta si era occupata anche del nastro che conteneva la registrazione dell'intercettazione della conversazione tra l'ex capo dei Gip di Roma, Renato Squillante, e l'ex pm Francesco Misiani. «Le manipolazioni riscontrate sul nastro - avevano scritto nella richiesta di archiviazione i pm bresciani - non possono essere in alcun modo fatte risalire ai magistrati indagati che, anzi, da esse hanno tratto un gravissimo danno di immagine e di credibilità. Qualunque cosa sia successa a quel nastro non può essere addebitata al dottor Colombo e alla dottoressa Boccassini».

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

ALTRI ARTICOLI DALLA SEZIONE

I sindaci negli undici Comuni pugliesi

 
Puglia, alle urne in 11 città Tutto quello che c’è da sapere

Rossi è il nuovo sindaco di Brindisi
Melodia vince la sfida di Altamura
I sindaci degli 11 Comuni pugliesi

 
Rogo nell'area ex Ansaldo, fiamme spente da pompieri e uomini Aeronautica

Rogo nell'area ex Ansaldo, fiamme spente da pompieri e uomini dell'Aeronautica

 
Incontro col Papa a Bari, «droni» e maxischermi»

Papa a Bari, droni e maxischermi. Pass in Curia e nelle parrocchie

 
Lezzi: «Su vaccini e rom Salvini sbaglia. Nessun appoggio a Emiliano»

Lezzi: «Su vaccini e rom Salvini sbaglia. Nessun appoggio a Emiliano»

 
Di Liddo e Semeraro oro ai Giochi del Mediterraneo

Di Liddo e Acerenza d'argento
ai Giochi del Mediterraneo
E c'è il bronzo di Palmitessa

 
Morto ex parlamentare e ex questore Francesco Forleo

Morto ex parlamentare e ex questore Francesco Forleo

 
Inaugurato il diretto Bari-Mosca della S7 Airlines

Inaugurato il diretto Bari-Mosca della S7 Airlines

 

MEDIAGALLERY

Scudetto alla Pink Bari Primavera, è festa grande a Firenze

Scudetto alla Pink Bari Primavera, è festa grande a Firenze

 
Impresa della Pink Bari Primavera battuta la Juve 4-3 all'ultimo respiro

Scudetto alla Pink Bari Primavera
battuta la Juve 4-3 all'ultimo respiro

 
Apricena, una discarica abusiva in pieno parco

Apricena, trovata una discarica abusiva in pieno parco

 
Il vincitore di Sanremo Ermal Meta canta in barese

Il vincitore di Sanremo Ermal Meta canta in barese

 
Confiscati beni per 30 mln fatti con un sequestro degli anni '80

Confiscati beni per 30 mln fatti con un sequestro degli anni '80

 
Lecce da «barocca» a «impacchettata»: in restauro due simboli della città, invisibili ai turisti

Lecce da «barocca» a «impacchettata»: in restauro due simboli della città

 
La rapina all'Auchan di Taranto ripresa col telefonino

La rapina all'Auchan di Taranto ripresa col telefonino

 
Rapina all'Auchan di Taranto, panico tra la gente

Rapina all'Auchan di Taranto, arrestati un 18enne e un 16enne incensurati Vd

 
Carlo Dragonetti, pugliese che diventa star del web in Cina

Carlo Dragonetti, pugliese che diventa star del web in Cina

 
Incidente sulla tangenziale sud di Bari: due feriti

Incidente sulla tangenziale sud di Bari: due feriti

 
Mondiali robotica, dal Canada l'esibizione dei maghetti della Tommaso Fiore

Mondiali robotica, dal Canada l'esibizione dei maghetti della Tommaso Fiore

 

LAGAZZETTA.TV

Notiziari TV
Ansatg delle ore 19

Ansatg delle ore 19

 
Italia TV
Topi tra i cassonetti al centro di Roma

Topi tra i cassonetti al centro di Roma

 
Mondo TV
Saudite al volante: finalmente indipendenti

Saudite al volante: finalmente indipendenti

 
Economia TV
In aziende appena 5% donne al top stipendi

In aziende appena 5% donne al top stipendi

 
Calcio TV
Baresi e Albertini al memorial Freti

Baresi e Albertini al memorial Freti

 
Spettacolo TV
Fuga dall'isola del Diavolo

Fuga dall'isola del Diavolo

 
Meteo TV
Previsioni meteo per domenica, 24 giugno 2018

Previsioni meteo per domenica, 24 giugno 2018

 
Sport TV
Tortu batte Mennea

Tortu batte Mennea